Bollo auto 2020 in Sicilia

Bollo auto 2020 in Sicilia: esenzione per i redditi più bassi

Novità sul pagamento del bollo auto 2020 in Sicilia: prevista l'esenzione per i redditi più bassi. Le domande si possono inviare entro e non oltre il 5 novembre

22 ottobre 2020 - 14:00

L’Assemblea Regionale Siciliana ha emanato un provvedimento che prevede l’esenzione del bollo auto 2020 in Sicilia per i cittadini con basso reddito e in possesso di un’auto immatricolata da più di 10 anni o sotto una potenza massima. Per la misura sono stati stanziati 27 milioni di euro e le domande si possono inviare dal 21 ottobre al 5 novembre 2020, esclusivamente online. Vediamo nel dettaglio che può beneficiarne e come inviare la richiesta d’esenzione.

ESENZIONE BOLLO AUTO 2020 IN SICILIA: REQUISITI E BENEFICIARI

A seguito della modifica normativa disposta dall’articolo 5 della legge regionale siciliana n. 23 dello scorso 14 ottobre è prevista, per l’anno 2020, l’esenzione della tassa automobilistica per le autovetture fino a 53 kW o immatricolate entro il 31 dicembre 2010 (basta uno solo dei due requisiti) per i proprietari con reddito non superiore ai 15.000 euro, che risultino intestatari dei veicoli nel P.R.A. alla data del 14 maggio 2020. I soggetti in possesso dei requisiti per l’esenzione che hanno già provveduto al pagamento del bollo auto per l’anno di imposta 2020, possono comunque presentare l’istanza e chiedere il contestuale rimborso.

BOLLO AUTO 2020 SICILIA: COME CHIEDERE L’ESENZIONE O IL RIMBORSO

Come già accennato, le richieste d’esenzione devono essere compilate e presentate dal giorno 21 ottobre fino alle ore 23:59 del 5 novembre 2020, utilizzando la seguente procedura:

– collegarsi al sito internet https://esenzioni-sicilia-2020.aci.it/privato e compilare tutti i campi. Quindi salvare e stampare l’istanza con il codice identificativo attribuito alla pratica, e sottoscriverla con firma digitale o olografa;

– inviare l’istanza firmata, unitamente a una copia anch’essa sottoscritta del proprio documento di riconoscimento, esclusivamente via posta elettronica certificata all’indirizzo PEC esenzione2020.privato@PEC.sicilia.aci.it. Nell’oggetto della PEC dev’essere indicato, a pena di esclusione, soltanto il codice identificativo della pratica.

– nel caso di richiesta di esenzione per più autovetture intestate allo stesso soggetto è necessario inviare un’istanza per ogni autovettura.

– Entro i venti giorni successivi dal termine ultimo per l’invio delle istanze (5 novembre 2020), sul portale dell’ARS sarà pubblicato l’elenco delle domande ammesse e non ammesse all’esenzione bollo auto 2020 in Sicilia. La graduatoria sarà stilata privilegiando i redditi più bassi, fino a esaurimento dei fondi a disposizione. I soggetti non ammessi al beneficio potranno successivamente assolvere al pagamento del bollo per l’anno di imposta 2020, senza sanzioni e interessi, fino al prossimo 30 dicembre.

Ulteriori informazioni qui.

BOLLO AUTO 2020 SICILIA: ESENZIONE PER ASSOCIAZIONI E ONLUS

In base alla legge regionale n. 9 del 12 maggio 2020, per l’anno d’imposta attualmente in corso è disposta in Sicilia l’esenzione del pagamento del bollo auto anche per tutti i veicoli di proprietà delle associazioni di volontariato, comprese quelle di protezione civile, utilizzate a uso esclusivo per le finalità di assistenza sociale, sanitaria, soccorso e protezione civile. Le associazioni interessate all’esenzione del bollo devono risultare nel P.R.A. intestatarie dei veicoli. La modalità per la richiesta è simile a quella dei privati: cambiano soltanto la pagina internet a cui collegarsi (https://esenzioni-sicilia-2020.aci.it/associazione) e la PEC a cui inviare l’istanza (esenzione2020.associazioni@PEC.sicilia.aci.it). Per ogni ulteriore informazione collegarsi a questo link.

2 commenti

peppe221_15065879
12:21, 24 ottobre 2020

Salve, vorrei capire meglio questa esenzione , dato che io sono proprietario di un auto con i requisiti e non ho reddito, poichè vivo con i miei genitori posso fare domanda o no?

    Raffaele Dambra
    0:46, 27 ottobre 2020

    Salve, teoricamente credo di no se lei risulta fiscalmente a carico dei suoi genitori e se il loro reddito complessivo supera 15.000 euro. Le ricordo che i figli sono considerati fiscalmente a carico se non superano i 24 anni di età e hanno percepito nell’anno un reddito pari o inferiore a 4.000 euro, oppure se superano i 24 anni e hanno percepito un reddito pari o inferiore a 2.840,51 euro. Può comunque chiedere conferma agli uffici della Regione Siciliana scrivendo all’email certificata dipartimento.finanze@certmail.regione.sicilia.it.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pedoni in stato di ebbrezza: il 27% viene ucciso mentre cammina in strada

Guidare drogati e poi ubriachi

Guidare drogati e poi ubriachi: per la Cassazione non c’è recidiva

Autostrade Tech: la svolta tecnologica farà guadagnare più dei pedaggi?