Alfa Romeo: i SUV in arrivo entro il 2027

Il CEO di Alfa Romeo anticipa l’arrivo di un modello di segmento E che completerà la gamma SUV del marchio italiano entro il 2027

27 marzo 2022 - 11:52

Lo scorso mese di febbraio, Alfa Romeo ha presentato ufficialmente il nuovo SUV Alfa Romeo Tonale. Si tratta del primo modello di serie che il marchio italiano presenta dalla fine del 2016, anno in cui è stato presentato l’Alfa Romeo Stelvio, arrivato sul mercato nel corso del 2017. Ci sono voluti più di cinque anni (quasi una generazione di prodotto per il settore automotive attuale) e una fusione, quella tra FCA e PSA che ha portato alla nascita di Stellantis per registrare l’arrivo di un nuovo modello.  Oggi, Alfa Romeo ha un nuovo CEO, Jean-Philippe Imparato, ex numero uno di Peugeot, ed un nuovo piano industriale. Tale piano è incentrato sull’arrivo di diversi SUV Alfa Romeo che andranno a creare una gamma composta da quattro modelli entro il 2027.

SONO IN ARRIVO QUATTRO SUV ALFA ROMEO

Il piano industriale di Alfa Romeo, così come quello di Stellantis, non è stato ufficializzato in ogni dettaglio. Sappiano che il marchio punterà sull’elettrico, con una gamma completa a zero emissioni in arrivo nella seconda metà del decennio. Al momento, però, non conosciamo nel dettaglio quelli che saranno i progetti futuri. A fornire un’interessante anteprima sul futuro di Alfa Romeo è stato il CEO Imparato che, nel corso di un’intervista al magazine AutoWeek, ha anticipato l’arrivo di un nuovo SUV Alfa Romeo di segmento E, modello destinato a diventare il punto di riferimento della gamma futura del brand. Contestualmente, Imparato ha mostrato ai giornalisti del magazine olandese anche alcuni bozzetti del futuro SUV Alfa Romeo di segmento B. Al magazine, però, è stato impedito di divulgare qualsiasi informazioni su questo progetto.

COME SARA’ COMPOSTA LA GAMMA SUV ALFA ROMEO

Il futuro di Alfa Romeo sarà, quindi, strettamente legato al mondo dei SUV, modelli sempre più richiesti nel mercato premium. Il marchio italiano punterà su tutti i principali segmenti di mercato, partendo dal segmento B e dal segmento C, essenziali per conquistare il mercato europeo. È confermata la presenza nel segmento D, attualmente occupato dall’Alfa Romeo Stelvio. Con il nuovo SUV Alfa Romeo anticipato da Imparato, inoltre, il marchio punterà anche sul segmento E. Come sottolineato dal manager francese, ma di origini italiane, il segmento in questione è quello più redditizio ed è fondamentale per il successo in Cina, uno degli obiettivi futuri della dirigenza.

QUATTRO SUV ALFA ROMEO PER CONQUISTARE IL MERCATO

La gamma SUV di Alfa Romeo sarà, quindi, composta da:

– Alfa Romeo B-SUV: il modello in questione arriverà nell’estate del 2024 ma potrebbe essere svelato già nel 2023. Il progetto sarà sviluppato sulla piattaforma CMP (ereditata da Stellantis dal gruppo PSA) e verrà prodotto a Tychy, stabilimento di produzione polacco dove entro fine anno debutterà il nuovo B-SUV Jeep che utilizzerà la stessa piattaforma

– Alfa Romeo Tonale (segmento C): il nuovo SUV Alfa Romeo è appena stato presentato ed è ordinabile nella versione di lancio “Edizione Speciale”. Il debutto nelle concessionarie è fissato per giugno 2022. Il SUV sarà prodotto a Pomigliano d’Arco, storico stabilimento Alfa Romeo e casa di modelli come l’Alfasud e, più recentemente, la 155, la 145, la 146, la 156, la 157 e la 159 (uscita di produzione nel 2011). Il Tonale sarà anche il primo modello plug-in (con sistema plug-in hybrid) della storia di Alfa Romeo

– Alfa Romeo Stelvio (segmento D): il marchio italiano resta nel segmento D con lo Stelvio, in produzione dal 2017. L’attuale SUV resterà sul mercato ancora per diversi anni e verrà sostituito da una nuova generazione, non prima del 2025

– Alfa Romeo E-SUV: il modello annunciato da Imparato debutterà nel corso del 2027. Il progetto è ancora nella prima fase del suo sviluppo. Solo nei prossimi anni arriveranno informazioni aggiuntive

LA BASE DI PARTENZA DEL NUOVO SUV ALFA ROMEO DI SEGMENTO E

Il nuovo SUV Alfa Romeo è solo all’inizio del suo programma di sviluppo. I primi dettagli sul progetto arriveranno nei prossimi anni. Nel frattempo, però, la base di partenza su cui verrà sviluppato il SUV è già nota. Si tratta di una delle nuove piattaforme di Stellantis. Il gruppo, in particolare, ha in programma il lancio della piattaforma STLA Large, pensata per modelli di segmento D ed E ed in grado di garantire la realizzazione di modelli a zero emissioni con un’autonomia fino a 800 chilometri. Questa piattaforma, che dovrebbe essere un’evoluzione dell’attuale Giorgio, utilizzata dall’Alfa Romeo Stelvio e dal nuovo Maserati Grecale, sarà pronta per il 2025, in tempo, quindi, per il lancio del nuovo Alfa Romeo SUV di segmento E.

IL SUV ALFA ROMEO DI SEGMENTO E NEI PIANI DI FCA

Il SUV Alfa Romeo di segmento E era già nei piani di FCA. L’ultimo piano industriale del gruppo sotto la guida di Sergio Marchionne, nel 2018, anticipava (entro il 2022) il lancio di un SUV di segmento E per il marchio Alfa Romeo. Tale modello sarebbe stato affiancato da restyling di “metà carriera” di Giulietta (uscita invece di produzione nel 2020), Stelvio e Giulia (ancora in attesa di questo aggiornamento). A completare la gamma, nei piani di FCA, sarebbero dovute arrivare due sportive (GTV e 8C) ed un SUV Alfa Romeo di segmento C, ovvero il Tonale, che, quindi, è l’unico modello del piano del 2018 ad essere arrivato sul mercato.

CON STELLANTIS TORNANO I SUV PER ALFA ROMEO

Dopo la scomparsa di Marchionne, il nuovo CEO di FCA Manley cancellò quasi tutti i piani di Alfa Romeo, tagliando gli investimenti previsti in vista di tempi migliori. Il nuovo piano di FCA arrivato sul finire del 2018 prevedeva, per il futuro del marchio italiano, solo il Tonale, anticipato al Salone di Ginevra del 2019 dalla concept car, e un inedito B-SUV. Con il nuovo piano di Stellantis, oltre alla conferma di questi due progetti, arriveranno almeno altri due SUV, uno per rimpiazzare lo Stelvio ed il secondo per occupare, finalmente, il segmento E del mercato.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori