Assicurazione auto, per la Tesla negli USA costa quanto una supersportiva

Oltreoceano, sono molto alti i costi assicurativi della Model 3, la berlina compatta di Tesla, quasi in linea con supercar come la tedesca Porsche 911

27 agosto 2018 - 15:00

Stando a quanto riportato dal sito americano “InsideEVs”, i costi assicurativi della Tesla Model 3 negli Stati Uniti sono simili a quelli della Porsche 911. Ciò emerge dall'indagine condotta da Gabi Personal Insurance Agency che, sulla base di alcuni preventivi, ha calcolato il prezzo medio annuo di 2.814 dollari del premio assicurativo per la Tesla Model 3, più basso di soli 35 dollari rispetto ai costi assicurativi per la Porsche 911. Infatti, a seconda della città, il prezzo annuo del premio assicurativo della Tesla Model 3 varia da 1.958 dollari a 3.644 dollari. La berlina compatta elettrica perde il confronto anche con vetture molto simili, come la Honda Civic e la Chevrolet Volt (anch'essa a propulsione elettrica) i cui costi medi annuali del premio assicurativo ammontano, rispettivamente, a 2.068 dollari e 2.102 dollari.

PERCHE' ASSICURARE UNA TESLA COSTA DI PIU' I premi assicurativi per una Tesla Model 3, soprattutto negli Stati Uniti dove è più diffusa, sono più alti unicamente per due motivi, ovvero i prezzi elevati dei pezzi di ricambio e i maggiori costi di riparazione della carrozzeria rispetto ad auto simili. Per far fronte a questa situazione, il manager Jon McNeill, ex direttore del reparto Sales & Service, ha dato vita alla formula di assicurazione InsureMyTesla, in collaborazione con la compagnia assicurativa Liberty Mutual. Secondo McNeill, il prezzo del premio assicurativo sarebbe stato calcolato tenendo conto di importanti parametri, come le caratteristiche di sicurezza della funzione Autopilot (anche se smentite dall'ente NHTSA) e i costi di manutenzione dell'auto estremamente bassi. Tuttavia, in base ai commenti rilasciati dai proprietari di Tesla sui social e i forum dedicati, i costi assicurativi di InsureMyTesla sono decisamente più elevati della concorrenza.

SITUAZIONE LEGGERMENTE DIFFERENTE IN ITALIA Nel nostro Paese, invece, è differente la situazione rispetto agli Stati Uniti. Noi di SicurAUTO.it abbiamo confrontato i preventivi delle assicurazioni per una Porsche Panamera ed una Tesla Model X (considerato il SUV più sicuro al mondo) in quanto la compatta Model 3 non è ancora disponibile sul mercato europeo e tantomeno in Italia. Calcolando i preventivi sull'ipotesi che il contraente sia un uomo di quarant'anni residente a Roma, emerge che il premio assicurativo medio ammonta a 1.014 euro per la Tesla Model X e 1.253 euro per la Porsche Panamera, come risultato della ricerca su uno dei più importanti portali di preventivi online.

IN ITALIA SONO UNA GOCCIA NEL MARE Su un altro sito concorrente, invece, il costo medio del premio assicurativo è quantificato in 909 euro per la Tesla Model X e 1.392 euro per la Porsche Panamera. I prezzi più alti negli Stati Uniti sono legati, come già detto, ai costi di riparazione che iniziano a preoccupare le compagnie assicurative, mentre in Italia influisce positivamente il numero basso di esemplari in circolazione. Inoltre, a differenza della Tesla Model 3 che ha la carrozzeria berlina di dimensioni compatte, la Model X è la crossover di grandi dimensioni.

1 commento

Andrea
19:04, 27 agosto 2018

Sarebbe interessante sapere cosa comprende l'assicurazione. Solo RCA o anche kasko, furto, incendio, atti vandalici? Per prima cosa non vedo perché ci si dovrebbe aspettare, per una Model 3, un premio molto più basso rispetto a una Porsche 911; inoltre non capisco perché il premio assicurativo dovrebbe dipendere dal numero di auto dello stesso modello in circolazione (“in Italia influisce positivamente il numero basso di esemplari in circolazione”)

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dispositivi anti abbandono 30 euro bonus

Dispositivi antiabbandono e omologazione: come stanno le cose?

Incentivi auto elettriche 2020

Incentivi auto elettriche 2020: la guida regione per regione

Strisce blu regolamento ticket scaduto multe

Multa divieto di sosta: a Milano scattano i controlli “automatici”