Area B Milano, dal 25 febbraio 2019 scatta la più grande ZTL d'Italia

Milano blocca le auto fino a Euro3 sul 70% delle strade, ecco gli orari e i futuri blocchi al traffico della nuova Area B programmati fino al 2030

13 novembre 2018 - 10:43

La tanto temuta Area B a Milano slitta di un mese rispetto a quanto annunciato dal Comune in prima battuta, ma le novità che attendono oltre 1.400.000 automobilisti, secondo le stime, non saranno per niente felici dei blocchi al traffico che scatteranno dal 25 febbraio 2019. Così sulla scia di blocchi a tappeto nelle regioni del bacino padano, si fermeranno anche le prime auto diesel fino a Euro3 e le auto a benzina Euro0 per poi estendere lo stop anche alle auto più recenti. Vediamo nel dettaglio gli orari, i giorni e i prossimi divieti dell'Area B a Milano che prima o poi riguarderanno anche le più recenti auto diesel Euro 6D TEMP.

50 GIORNI PER ABITUARSI AI DIVIETI L'Area B a Milano si estenderà su oltre il 70% del territorio (perimetro rosso nell'immagine in alto) inglobando l'aera C (perimetro verde nell'immagine in alto) come se fosse un fortino e in effetti a sorvegliare i confini ci saranno 15 telecamere attive sulle strade adiacenti agli accessi in via Anassagora, Pirelli, Sarca, Giuditta Pasta, Gallarate, Tofano, Basilea, Zurigo, Gonin, Baroni, Cassinis, Rogoredo, Carlo Feltrinelli, Mecenate, Fantoli. Le telecamere sono destinate a crescere esponenzialmente (oltre 180 entro il 2020) al crescere delle auto anche più recenti che saranno interdette. Ma se l'idea di prendere una multa inizia a mandarvi nel panico, sappiate che il Comune ha previsto 50 giorni di “circolazione dinamica” senza multe vale a dire che per il primo anno dall'entrata in vigore del divieto per quella specifica classe EuroX o veicolo è concessa una deroga d'ufficio riferita al periodo di 12 mesi compreso tra il 1° ottobre ed il 30 settembre dell'anno successivo. Chiaramente le deroghe saranno concesse a residenti e non residenti, purché ci si registri sul portale del Comune, come agli appartenenti alle forze di polizia domiciliati presso le caserme.

BLOCCHI AL TRAFFICO INCREMENTALI FINO AL 2030 I veicoli interdetti al traffico nell'are B di Milano saranno inizialmente quelli fermati dal 25 febbraio 2019, ma i blocchi coinvolgeranno anche altre classi di auto più recenti a partire dal 1 ottobre 2019 e poi dal 1 ottobre 2020. Intanto le prime auto e moto ad essere fermate dal lunedì al venerdì dalle 7:30 alle 19:30, esclusi i giorni festivi, saranno:

  • Autoveicoli Euro 0 benzina
  • Autoveicoli Euro 0 diesel senza FAP
  • Autoveicoli Euro 1 diesel senza FAP
  • Autoveicoli Euro 2 diesel senza FAP
  • Autoveicoli Euro 3 diesel senza FAP
  • Autoveicoli Euro 3 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,025 g/km oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione
  • Autovetture Euro 0, 1, 2, 3 diesel con FAP after-market con classe massa particolato inferiore a Euro 4
  • Motoveicoli a due tempi di classe Euro 0 ed Euro 1
  • Ciclomotori a due tempi di classe Euro 0 ed Euro 1

Dal 1 ottobre 2019:

  • Autoveicoli Euro 4 diesel senza FAP
  • Autoveicoli Euro 3, 4 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,045 g/km
  • Autoveicoli Euro 4 diesel con FAP di serie e senza valore nel campo V.5 carta circolazione
  • Autoveicoli Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con FAP after-market installato dopo 31.12.2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4

Dal 1 ottobre 2020:

  • Autoveicoli Euro 1 benzina

Dal 1 ottobre 2022:

  • Autoveicoli Euro 2 benzina
  • Autoveicoli Euro 3, 4 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione <= 0,045 g/km
  • Autoveicoli Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con FAP after-market installato entro 31.12.2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4
  • Autoveicoli Euro 5 diesel

Dal 1 ottobre 2024:

  • Motoveicoli a due tempi di classe Euro 2
  • Ciclomotori a due tempi di classe Euro 2
  • Motoveicoli a gasolio di classe Euro 2
  • Ciclomotori a gasolio di classe Euro 2
  • Motoveicoli benzina 4 tempi di classe Euro 0 ed Euro 1
  • Ciclomotori benzina 4 tempi di classe Euro 0 ed Euro 1

Dal 1 ottobre 2025:

  • Autoveicoli Euro 3 benzina
  • Autoveicoli Euro 6 diesel leggeri A-B-C acquistati dopo 31.12.2018
  • Motoveicoli a due tempi di classe Euro 3
  • Ciclomotori a due tempi di classe Euro 3
  • Motoveicoli a gasolio di classe Euro 3
  • Ciclomotori a gasolio di classe Euro 3
  • Motoveicoli benzina 4 tempi di classe Euro 2
  • Ciclomotori benzina 4 tempi di classe Euro 2

Dal 1 ottobre 2028:

  • Autoveicoli Euro 4 benzina
  • Autoveicoli Euro 6 diesel leggeri A-B-C acquistati prima del 31.12.2018
  • Motoveicoli benzina 4 tempi di classe Euro 3
  • Ciclomotori benzina 4 tempi di classe Euro 3

Dal 1 ottobre 2030:

  • Autoveicoli Euro 6 diesel leggeri D_TEMP – D
  • Motoveicoli a due tempi di classe Euro 4
  • Ciclomotori a due tempi di classe Euro 4
  • Motoveicoli a gasolio di classe Euro 4 ed Euro 5
  • Ciclomotori a gasolio di classe Euro 4  ed Euro 5

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toyota: le auto elettriche in arrivo ma con il supporto della Cina

Vienna: pedone investito da un veicolo a guida autonoma

Incidenti stradali: in Italia +7% di vittime nel 2019