STA o Sportello Telematico dell’Automobilista

STA o Sportello Telematico dell’Automobilista: a cosa serve?

Alla scoperta dello STA o Sportello Telematico dell’Automobilista: a cosa serve, cosa si può richiedere e quanto si paga?

13 settembre 2022 - 9:30

Quasi sempre nelle guide che spiegano come sbrigare una qualsiasi pratica automobilistica (passaggio di proprietà, esportazione di un veicolo all’estero, ecc.) leggiamo che bisogna rivolgersi a uno STA o Sportello Telematico dell’Automobilista. Ma che cos’è lo STA e a cosa serve? Istituito nel 2000 e operativo dal 2002, lo Sportello Telematico dell’Automobilista è un ufficio al servizio dei cittadini che ha lo scopo di semplificare gli adempimenti amministrativi relativi alla vita giuridica dei veicoli. Nelle prossime righe spieghiamo dove trovarlo e cosa si può richiedere in uno STA.

Aggiornamento del 13 settembre 2022 a seguito della pubblicazione della circolare 28080 del 9/9/2022 che autorizza la firma autografa sui documenti qualora non fosse possibile usare la firma digitale obbligatoria.

STA O SPORTELLO TELEMATICO DELL’AUTOMOBILISTA: DOVE SI TROVA

I principali canali di accesso allo STA o Sportello Telematico dell’Automobilista sono presenti su tutto il territorio nazionale e si trovano presso:

– le unità territoriali dell’ACI (PRA);

– gli uffici provinciali della Motorizzazione Civile;

– le delegazioni dell’Automobile Club Provinciale;

– gli studi di consulenza automobilistica (agenzie pratiche auto) abilitati al servizio.

In ogni caso gli uffici e le agenzie che svolgono la funzione di STA sono facilmente identificabili dall’apposito logo (qui in basso) che dev’essere esposto al pubblico sulla porta d’ingresso. Al seguente link è possibile fare la ricerca online di tutti gli STA d’Italia selezionando la provincia che interessa.

STA O SPORTELLO TELEMATICO DELL’AUTOMOBILISTA: COSA SI PUÒ RICHIEDERE

Come anticipavamo inizialmente, lo Sportello Telematico dell’Automobilista serve per facilitare il disbrigo delle principali pratiche relative ai veicoli a motore. In particolare a uno STA si può richiedere:

immmatricolazione e iscrizione al PRA di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi (di massa pari o superiore a 3,5 tonnellate) nuovi o usati. Sono esclusi i veicoli nuovi provenienti da Paesi diversi da quelli UE/SEE importati tramite canali non ufficiali (cosiddetto mercato parallelo) e perciò privi del codice di antifalsificazione o del codice di omologazione nazionale, nonché i veicoli che necessitano di particolari titoli autorizzativi oppure di collaudo o certificato di approvazione (p. es. taxi, autocarro per trasporto merci per conto proprio o conto terzi, veicoli per uso noleggio con conducente, ecc.);

reimmatricolazione o rinnovo di iscrizione di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi (di massa pari o superiore a 3,5 tonnellate). Sono esclusi i già citati veicoli che necessitano di particolari titoli autorizzativi, di collaudo o di certificato di approvazione. Importante: presso le unità territoriali dell’ACI (PRA) possono essere richieste solo pratiche di rinnovo di iscrizione tramite lo sportello virtuale per i veicoli uso proprio o privato, già muniti di carta di circolazione o documento unico e targhe rilasciati dalla Motorizzazione Civile.

passaggio di proprietà di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi (di massa pari o superiore a 3,5 tonnellate);

radiazione per demolizione e per esportazione definitiva all’estero degli autoveicoli, motoveicoli e rimorchi.

Inoltre allo Sportello Telematico dell’Automobilista è possibile autenticare la firma del venditore per i passaggi di proprietà dei veicoli.

STA O SPORTELLO TELEMATICO DELL’AUTOMOBILISTA: I COSTI PER LE PRATICHE

Per le pratiche sbrigate allo STA sono dovuti i costi previsti per legge per lo svolgimento di ogni specifico adempimento. Ovviamente chi si rivolge allo STA di una delegazione dell’Automobile Club o di un’agenzia di pratiche auto privata, oltre alle tariffe previste per legge deve aggiungere il costo, in regime di libero mercato, per il servizio offerto.

SPORTELLO TELEMATICO DELL’AUTOMOBILISTA: CIRCOLARE MIT/ACI N. 28080 DEL 9/9/2022

È stato di recente pubblicato il dPR n. 126 del 17/6/2022 recante modifiche al dPR 358/2000 che disciplina lo Sportello Telematico dell’Automobilista (STA), previste al fine di adeguare la disciplina dello STA ai nuovi processi del Documento Unico di Circolazione e di Proprietà (DU). Con riferimento, in particolare, alla norma ove viene disciplinato il fascicolo digitale, e viene previsto che l’istanza sia sottoscritta dal richiedente con firma elettronica avanzata (FEA), si precisa che, qualora per motivazioni di natura tecnica o in ragione di particolari fattispecie che impediscano la redazione dell’istanza in modalità nativa digitale, non fosse possibile utilizzare tale modalità, sarà comunque consentito, nell’interesse degli utenti e della regolare erogazione del servizio, predisporre la documentazione in modalità cartacea con firma autografa del richiedente.

La documentazione cartacea verrà successivamente acquisita nel fascicolo digitale previa dematerializzazione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Quando un'auto diventa d'epoca?

Revisione auto storiche e d’epoca: quando e come farla

Auto usate: -8% i passaggi di proprietà a novembre

Assicurazione auto: quando il passeggero può testimoniare?