Rinnovo patente di guida

Rinnovo patente di guida: procedura e costi

La procedura e i costi per il rinnovo della patente di guida, compresa la lista dei documenti necessari e la modalità di consegna del nuovo documento

28 aprile 2020 - 15:59

Il rinnovo della patente di guida si compie a scadenze diverse, in base alla categoria posseduta e all’età del conducente. E consiste in una visita per l’accertamento dei requisiti fisici e psichici di idoneità alla guida da parte di medici abilitati, così come previsto dall’articolo 119 del Codice della Strada. I medici abilitati possono essere medici delle Asl, militari e altri, definiti monocratici perché giudicano da soli; oppure commissioni mediche locali, strutture composte da più medici che esprimono un giudizio collegiale. Nei seguenti paragrafi trovate la procedura e i costi del rinnovo patente.

RINNOVO PATENTE: DOVE FARLA, DOCUMENTI E COSTI

Il rinnovo si può fare presso una scuola guida, un’agenzia di pratiche auto, una sede ACI, le strutture territoriali di RFI (Ferrovie dello Stato) o rivolgendosi direttamente all’ufficio ASL locale. In genere i documenti e i costi necessari sono:
– la patente in scadenza;
– un documento d’identità;
– una fotografia formato tessera (40×33 mm);
– l’attestazione di versamento a titolo di diritto di motorizzazione di € 10,20 sul conto corrente postale n. 9001;
– l’attestazione di versamento effettuato a titolo imposta di bollo sul duplicato della patente dell’importo di € 16,00 sul conto corrente postale n. 4028;
– il codice fiscale o la tessera sanitaria.
Ai suddetti costi per il rinnovo patente si aggiungono quelli per la visita medica e per la gestione della pratica. I cui importi variano a seconda della struttura a cui ci si è rivolti e della categoria di patente da rinnovare. Alla fine il costo totale di una patente A o B oscilla tra 60 e 150 euro circa, escluse le spese di spedizione del documento a domicilio.

PROCEDURA DI CONSEGNA DELLA NUOVA PATENTE

Al termine della visita il medico trasmette in via telematica al MIT il certificato medico, la foto, la firma del patentato e gli estremi dei versamenti. Se la visita ha esito positivo, il medico stampa la ricevuta di avvenuta conferma di validità e la consegna all’interessato. La ricevuta è valida esclusivamente per la circolazione sul territorio italiano e fino al ricevimento della nuova patente. Successivamente il Ministero invia la nuova patente all’indirizzo del titolare indicato in fase di rinnovo, tramite posta assicurata con spese a carico del destinatario (6,80 euro). Se non si riceve la patente entro 15 giorni dalla data della visita medica occorre contattare: il numero verde 800.979.416 di Poste italiane (H24); oppure il numero verde 800.23.23.23 del MIT (lun-ven dalle 8 alle 20, sabato dalle 8 alle 14),  Se non è stato possibile consegnare la patente il documento è restituito al Ministero e annullato. L’interessato dovrà pertanto contattare il numero verde 800.23.23.23 e chiedere la creazione e l’invio di una nuova patente.

VALIDITÀ DELLE PATENTI DI GUIDA A E B

Le patenti AM, A1, A2, A, B1, B, BE devono essere rinnovate:
– ogni 10 anni fino al compimento dei 50 anni;
– ogni 5 anni fino al compimento dei 70 anni:
– ogni 3 anni fino al compimento degli 80 anni;
– ogni 2 anni dopo il compimento degli 80 anni.
Le corrispondenti patenti speciali AMS, A1S, A2S, AS, B1S, BS devono essere rinnovate sempre in Commissione medica locale, ogni 5 anni fino a 70 anni di età e successivamente seguono le scadenze regolari.

SCADENZA DELLA PATENTE

Le patenti AM, A1, A2, A, B1, B e BE, con durata non limitata, scadono nel giorno e mese del compleanno del conducente. Questa disposizione non si applica alle altre patenti C, D e CQC; e alle patenti A e B rinnovate con visita effettuata da una commissione medica locale o da medici Asl specialisti nell’area della diabetologia e delle malattie del ricambio. L’allineamento tra le due date, scadenza patente e compleanno, avviato il 17 settembre 2012, si applica progressivamente per tutti i conducenti man mano che rinnovano, alla scadenza consueta, il proprio documento di guida. Per i neopatentati, invece, è immediato appena ottengono l’abilitazione alla guida. Dai rinnovi successivi, che quindi devono essere effettuati entro la data del compleanno, il documento risulta invece confermato per il periodo di validità ordinario calcolato a partire dalla data della scadenza e non dalla data della visita medica.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Rilascio patente A: documenti e costi

Conversione patente militare

Commissione Medica Locale patenti: come fare ricorso

patente da privatista

Come fare l’esame di guida per la patente da privatista