Patente come documento di riconoscimento

Duplicato patente di guida per furto, smarrimento o distruzione

La procedura e i costi per ottenere il duplicato della patente di guida in seguito a furto, smarrimento o distruzione del documento

29 giugno 2022 - 12:30

Per ottenere il duplicato della patente di guida in caso di furto, smarrimento o distruzione del documento, occorre prima di tutto presentare una denuncia presso le Forze dell’ordine entro 48 ore dalla constatazione. La denuncia fatta all’estero deve essere ripresentata in Italia. Al momento della denuncia l’organo di Polizia verifica se il documento è duplicabile direttamente senza richieste ulteriori da parte dell’utente, oppure se il duplicato dovrà essere richiesto dall’interessato a un ufficio della Motorizzazione Civile. In ogni caso viene rilasciato un permesso provvisorio di circolazione e da quel momento la patente oggetto della denuncia non è più valida e se viene ritrovata deve essere distrutta (vedi qui invece come richiedere il duplicato della patente in caso di deterioramento).

Aggiornamento del 29 giugno 2022 a seguito di alcune modifiche che riguardano il pagamento con bollettini postali PagoPA e la nuova procedura di notifica dell’impossibilità di procedere con la duplicazione della nuova patente.

PATENTE DUPLICABILE DIRETTAMENTE DALLA POLIZIA

Se al momento della denuncia la patente risulta duplicabile bisogna presentare all’organo di Polizia n. 2 fotografie uguali, formato tessera. L’organo di Polizia invia la richiesta di duplicato al MIMS e rilascia un permesso provvisorio di guida. Contestualmente occorre pagare un bollettino PagoPA per la tariffa ‘2E – Duplicato Patente per Smarrimento, Sottrazione, Distruzione’ da 10,20 euro. Il pagamento è indispensabile per l’emissione della nuova patente, ma non è necessario per ottenere il rilascio del permesso provvisorio da parte della Polizia.

Quando il Ministero riceve la richiesta di duplicato dall’organo di Polizia, verifica il corretto pagamento del bollettino PagoPA e che il codice fiscale di chi ha pagato (informazione che dev’essere indicata durante la procedura di pagamento) corrisponda al codice fiscale dell’intestatario della patente. Se i dati risultano esatti il MIMS provvede a spedire il nuovo documento all’indirizzo di residenza dell’intestatario con posta assicurata.

Qualora l’intestatario non riceva il duplicato della patente entro 45 giorni dal rilascio del permesso provvisorio, deve contattare il numero verde 800.23.23.23, disponibile dal lunedì al venerdì (ore 8-20) e il sabato (ore 8-14), o inviare un’email all’indirizzo uco.dgmot@mit.gov.it specificando nome, cognome, luogo e data di nascita e numero della patente.

IMPORTANTE: se per qualunque motivo il Ministero non possa procedere all’emissione del duplicato della patente di guida in caso di smarrimento, furto o distruzione dell’originale, a partire dal 1° aprile 2022 tale notifica non sarà più inviata all’interessato su supporto cartaceo, ma sia l’esito della verifica che le informazioni con le procedure da seguire in caso di mancato ricevimento del duplicato saranno disponibili esclusivamente sul Portale dell’Automobilista, accedendo tramite SPID, o sull’app per cellulari iPatente.

+++ Prima di proseguire nella lettura: se preferisci puoi guardare un video in cui riassumiamo i contenuti di questa guida, spiegando come richiedere il duplicato della patente. +++

PATENTE NON DUPLICABILE AL MOMENTO DELLA DENUNCIA

Se invece la patente non è duplicabile al momento della denuncia (oppure se, dopo il tentativo di consegna, l’ufficio postale ha restituito il duplicato della patente al Ministero per errori nell’indirizzo del destinatario o per compiuta giacenza postale), il diretto interessato deve presentare apposita richiesta di duplicato alla Motorizzazione Civile allegando i seguenti documenti:

– domanda su modello TT 2112 (scarica qui) compilato e firmato;

denuncia di smarrimento, furto o distruzione della patente;

– ricevuta del pagamento di 10,20 euro su bollettino PagoPA per la tariffa ‘2E – Duplicato Patente per Smarrimento, Sottrazione, Distruzione’;

2 fotografie uguali, formato tessera, di cui una autenticata;

– fotocopia del codice fiscale (o tessera sanitaria con numero del CF);

– originale e fotocopia di un valido documento di riconoscimento;

– originale del permesso provvisorio di guida rilasciato dagli organi di Polizia.

RILASCIO DUPLICATO PATENTE PER FURTO, SMARRIMENTO E DISTRUZIONE: CASI PARTICOLARI

cittadini extracomunitari che presentano domanda per il duplicato della patente di guida devono aggiungere ulteriori documenti: permesso di soggiorno originale in visione e in fotocopia (o in copia autenticata o in copia semplice con dichiarazione sostitutiva di atto notorio di conformità all’originale) o in alternativa carta di soggiorno originale in visione e in fotocopia. Se l’interessato è in attesa del rinnovo per scadenza o del primo rilascio del permesso di soggiorno deve presentare la fotocopia del documento di identità e la fotocopia della ricevuta della richiesta di primo rilascio o della richiesta di rinnovo.

Oltre che dal diretto interessato o da un’autoscuola/agenzia di pratiche auto, la richiesta di duplicato della patente per furto, smarrimento o distruzione può essere presentata da un soggetto munito di documento di identità valido e di delega su carta semplice sottoscritta dal titolare della domanda, nonché della fotocopia del documento di identità di quest’ultimo. La delega dev’essere presentata sia al momento della presentazione della domanda che al ritiro del documento richiesto.

Infine una precisazione importante: una patente di guida si considera distrutta nel momento in cui gli estremi di riconoscimento del documento, i dati anagrafici, la data di scadenza, la foto del titolare tutti insieme non siano identificabili. O nel momento in cui, anche se presente l’elemento identificabile, quest’ultimo non risulti collegabile al documento stesso.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto usata: controllo alzacristalli e portiere

controllo cerchioni e pneumatici

Auto usata: come controllare cerchioni e pneumatici

Constatazione amichevole: quando sono obbligatori i testimoni?