Auto impantanata nel fango

Auto impantanata nel fango: i rimedi per liberarla

Le possibilità di restare con l'auto impantanata nel fango sono tante se si circola su terreni impervi. Ma per fortuna i rimedi per liberarla non mancano. Eccone alcuni.

9 settembre 2019 - 18:09

Alla maggior parte degli appassionati di suv e fuoristrada, o forse a tutti, sarà capitato almeno una volta di rimanere con l’auto impantanata nel fango. Una vera iattura perché poi tirarla fuori non è così semplice, anche se i rimedi non mancano. Così come non mancano le misure preventive per eliminare il problema alla radice, evitando di restare intrappolati in un pantano da cui diventa poi difficile liberarsi. Difficile ma, come anticipavamo, non impossibile.

LE PRECAUZIONI PER NON RESTARE IMPANTANATI NEL FANGO

Prima di elencare i rimedi più efficaci per liberare un’auto impantanata nel fango, vediamo quali sono le precauzioni da prendere per non finirci proprio nel fango, senza rinunciare alla passione per i sentieri sterrati. Sono misure che, come ricorda il blog di cercaofficina.it, possono ridurre la probabilità di rimanere bloccati anche se non l’escludono del tutto (dipende dalle condizioni della strada e dall’effettiva quantità di fango). Per evitare di restare impantanati sarebbe meglio sarebbe meglio affrontare questo tipo di percorsi esclusivamente a bordo di vetture tipo suv e fuoristrada dotate di trazione integrale, marce ridotte e anche bloccaggio differenziale. Con l’accortezza di montare pneumatici invernali o All Season con la marcatura M+S (ricordiamo che tale sigla sta per Mud e Snow, che significa ‘fango’ e ‘neve’) e 3PMSF (3 Peak Mountain Snow Flake, ovvero il simbolino con il fiocco di neve dentro la montagna a tre cime).

AUTO IMPANTANATA NEL FANGO: COME PROCEDERE PER LIBERARLA

Con una dotazione del genere le possibilità di vedere un’auto impantanata nel fango dovrebbero ridursi al minimo. Ma che fare se ciò dovesse comunque accadere? Per fortuna ci sono alcune operazioni che conducente ed eventuali passeggeri possono mettere in atto per liberare autonomamente la vettura intrappolata. La prima operazione riguarda proprio il conducente, che alle prime avvisaglie di impantanamento dovrebbe evitare di premere con forza il pedale dell’acceleratore (anche se l’istinto suggerirebbe il contrario). Perché in situazioni del genere più le ruote girano velocemente e più lo fanno a vuoto. Meglio procedere invece con un’accelerazione graduale e molto accurata per provare a liberarsi. Se questo primo step non dovesse portare nessun frutto è necessario che i passeggeri scendano dall’auto (ovviamente in sicurezza). Sia perché una vettura più leggera ha maggiori probabilità di uscire dalla morsa del fango; e sia perché gli occupanti possono rendersi utili spingendo l’auto (sporcandosi in un modo terribile, ma pazienza). Se neanche questo passaggio si rivelasse utile, il guidatore può provare a muoversi in retromarcia. Spesso, infatti, ci si infanga soltanto con le ruote anteriori, per cui dare qualche colpo di acceleratore con la retromarcia inserita potrebbe risolvere il problema.

RIMEDI PER LIBERARE L’AUTO IMPANTANATA NEL FANGO

Se nessuna di queste operazioni preliminari ha funzionato e l’auto è ancora impantanata nel fango, è necessario passare alle ‘maniere forti’, servendosi di oggetti e strumenti spesso estranei alla normale dotazione di un’autovettura. Possono per esempio risultare utilissime delle assi di legno da sistemare davanti alle ruote in trazione, come se fossero i binari di una rotaia, così da fare da pavimento alla macchina permettendole di avanzare. Lo stesso sistema si può tentare anche con i tappetini o con le catene da neve. Un altro buon rimedio consiste nel tirare la vettura con un cavo o una fune da legare al gancio anteriore o posteriore, ma si può attuare solo se c’è un altro mezzo nei paraggi. Un metodo alternativo ma piuttosto efficace per liberare è poi quello di attaccare un bastone, di lunghezza superiore al diametro della gomma, a una delle ruote, fissandolo con dello spago o con qualcosa di altrettanto resistente; una volta dato gas, anche lentamente, il bastone farà da pala spalando via il fango che immobilizza le ruote. Un ultimo espediente consiste nel ricoprire il fango attorno alle ruote con della terra asciutta rimediata nelle vicinanze.

RISCHI CHE CORRE UN’AUTO IMPANTANATA NEL FANGO

È molto probabile che uno dei sistemi fin qui elencati per liberare l’auto intrappolata nel fango riesca a risolvere il problema (nei casi più estremi c’è sempre il carro attrezzi). Il consiglio finale è perciò quello di non farsi prendere dal panico qualora accada un evento simile. Evitando soprattutto di commettere alcuni errori dettati dal nervosismo che potrebbero compromettere il buon funzionamento della vettura. È noto infatti che la ripetuta accelerazione, oltre a non servire allo scopo, può causare seri danni alla frizione. Inoltre gli scarichi dell’auto rischiano di danneggiarsi a causa dell’ingresso di fango e terra. Mentre sassi e altri oggetti sollevati dalle ruote in continuo slittamento potrebbero rigare o danneggiare la carrozzeria. Dopo aver liberato l’auto dal fango è meglio quindi sottoporla a un rigoroso check-up in officina.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bollo auto condono

Bollo auto scaduto: sanzioni, interessi e prescrizione

Gomme invernali obbligatorie: le ordinanze neve 2019 – 2020

RC auto procedura di conciliazione per le controversie

RC auto: la procedura di conciliazione per le controversie