Uber, nuove regole sulla sicurezza: solo auto a 5 stelle in Australia dal 2019

Uber alza i livelli di sicurezza per i passeggeri di UberX. Da ottobre 2019 sono ammesse solo le auto più sicure nei crash test ANCAP

3 aprile 2019 - 17:50

Uber punta sulla sicurezza della sua flotta. Il colosso della mobilità condivisa ha annunciato che in Australia sceglierà solo auto a 5 stelle. Si tratta della prima decisione di questo tipo e farà di certo discutere i driver. A partire da ottobre 2019 tutti coloro che vorranno iniziare a lavorare per Uber dovranno rispettare due requisiti ulteriori. La vettura utilizzata per il servizio non dovrà avere più di 10 anni di età e dovrà aver superato i crash test australiani (ANCAP) con il massimo punteggio. L’azienda, però, ha chiarito che gli autisti ad oggi in servizio dovranno adeguarsi alla nuova policy entro 2 anni. Vediamo tutto su questa presa di posizione netta.

SICUREZZA AL CENTRO

I passeggeri Uber potranno avere qualche certezza in più. In Australia il colosso della mobilità condivisa ha deciso che saranno in servizio solo auto con un punteggio di sicurezza a 5 stelle. Nel dettaglio si fa riferimento ai test effettuati dall’ANCAP che sarebbe l’equivalente dell’Euro NCAP. Il servizio di condivisione sposa la linea dei Governi e degli istituti di ricerca promuovendo una politica a favore della sicurezza. La novità entrerà a regime tra pochi mesi. I conducenti che si iscriveranno ad Uber a partire da ottobre 2019 dovranno rispettare la nuova policy. Come detto occorrerà avere un’auto con un punteggio di sicurezza a cinque stelle e con meno di 10 anni di età sulle spalle. Ancora più rigidi i requisiti per i veicoli delle flotte di Uber Black, Uber Lux e Uber SUV. In questi casi i mezzi dovranno avere meno di sette anni sulle spalle.

LA SVOLTA

Gli attuali conducenti Uber avranno due anni di tempo per passare a un’auto più sicura se il loro attuale veicolo non sia già conforme. Comunque è probabile che la maggior parte delle auto potrà ancora avere fino a 10 anni. La svolta arriva a pochi mesi dall’atteso esordio in borsa che ha portato alla valutazione record da 120 miliardi di dollari. In una nota Uber ha rivendicato la decisione affermando che l’azienda è: “Profondamente impegnata per la sicurezza dei clienti, delle comunità e di tutti coloro che condividono la strada”. Il colosso ci ha tenuto ad aggiungere: “Oggi la maggior parte dei viaggi UberX in Australia sono già stati effettuati in auto che hanno un punteggio ANCAP a cinque stelle o equivalenti. Questa nuova politica significa che tra qualche anno, sarà così per tutti gli utenti.”

PROSPETTIVA NUOVA

L’amministratore delegato dell’ANCAP, James Goodwin, ha accolto con grande favore l’iniziativa di Uber. Il manager ha sottolineato che si tratta di un messaggio positivo che proviene da una società che ha una forte leadership. Del resto anche in Australia sempre più clienti guardano alla sicurezza nella scelta dell’auto nuova. Il colosso della mobilità condivisa ha quindi voluto condividere le aspettative di tanti utenti della strada. Sotto questo aspetto Goodwin ha precisato: “L’introduzione di questa politica in Australia vede Uber unirsi a una vasta gamma di soggetti. Grandi aziende, governi e imprese hanno adottato politiche di acquisto e utilizzo di veicoli a cinque stelle negli ultimi anni.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Crash test Euro NCAP: 5 stelle per l’Audi e-tron

Test seggiolini auto 2019: 2 pericolosi per sicurezza e sostanze tossiche

Kia e Fujitsu presentano la prima auto per la Polizia di serie