Euro NCAP: 15 auto a 5 stelle, DS 9 migliorabile verso pedoni e altre auto

5 stelle nei crash test Euro NCAP per Honda, Hyundai, Nio, Nissan, Range Rover, Renault, smart, Toyota, Subaru, WEY, Isuzu. DS 9 si ferma a 4 stelle

16 novembre 2022 - 15:00

Nella nuova sessione di crash test Euro NCAP ben 15 modelli ottengono il massimo punteggio di 5 stelle nelle valutazioni. Solamente la berlina DS 9 ottiene 4 stelle, a causa della poca compatibilità con le altre auto e ai perfettibili sistemi ADAS. Le auto che hanno ottenuto 5 stelle per la sicurezza in caso d’incidente sono Honda Civic, Hyundai Ioniq 6, Nio ET7, Nissan Ariya, Range Rover e Range Rover Sport, Renault Austral, smart #1, Tesla Model S, Toyota bZ4XSubaru Solterra, WEY Coffee 2, Nissan X Trail e Isuzu D-MAX Crew Cab. Tutte le prove si basano sul protocollo di prova Euro NCAP rilasciato nel 2020.

DS 9 CRASH TEST EURO NCAP

La berlina DS 9 nel crash test Euro NCAP protegge bene gli occupanti nel test offset. Tuttavia l’aggressività contro le altre auto è elevata. Nel crash test frontale pieno la protezione del torace è mediocre. Accettabile la pressione sul torace nei due crash test laterali. Presente ed efficiente l’airbag centrale nel crash test laterale. Mediocre la prevenzione dal colpo di frusta sui sedili anteriori. I bambini sono ottimamente protetti nei test. Il bordo del parabrezza è troppo rigido per i pedoni investiti. Il sistema di frenata autonoma si comporta in maniera mediocre negli scenari di prova verso pedoni, ciclisti e automobili. Sono presenti su tutte le DS 9 il mantenimento della corsia di marcia e il limitatore di velocità con riconoscimento segnaletica. Il monitoraggio della stanchezza del pilota è da attivare ad ogni viaggio, quindi non è stato valutato.

HONDA CIVIC CRASH TEST EURO NCAP

La Honda Civic ottiene solo due penalizzazioni nel crash test offset: la pressione sul torace del pilota abbondante e qualche piccola lesione per le tibie. Per il resto la protezione è buona e l’aggressività con le altre auto è bassa. Ottime le performance nel crash test frontale pieno e nelle due prove d’impatto laterale. Presente l’airbag centrale, che evita i contatti fra gli occupanti anteriori. Ottima la protezione dei bambini nei crash test. I bordi laterali del parabrezza possono ferire il pedone investito. Il sistema di frenata autonoma si comporta bene con auto, pedoni e ciclisti. Presente su tutte le Honda Civic il limitatore di velocità con rilevazione della segnaletica e il mantenimento della corsia. Non disponibile il riconoscimento della stanchezza del conducente.

HYUNDAI IONIQ 6 CRASH TEST EURO NCAP

La berlinetta elettrica Hyundai Ioniq 6 ottiene altissimi punteggi in tutti i crash test dinamici. Anche la compatibilità con le altre automobili è buona. È presente anche l’airbag centrale, che evita il contatto fra gli occupanti anteriori e previene gli spostamenti negli impatti laterali sul lato opposto. Mediocre solo la prevenzione dal colpo di frusta sui posti posteriori. Massimo punteggio anche per i bambini seduti sui seggiolini posteriori. Buona la protezione in caso di investimento di un pedone, ad eccezione dei robusti bordi del parabrezza. Buona la performance della frenata autonoma della Hyundai Ioniq 6 nei confronti di pedoni, ciclisti e automobili. Completano l’equipaggiamento il limitatore di velocità con riconoscimento segnaletica, il mantenimento della corsia di marcia e il monitoraggio della stanchezza del conducente.

ISUZU D-MAX CREW CAB CRASH TEST EURO NCAP

Dopo il primo crash test del 2020, Isuzu ha modificato l’airbag per le ginocchia del conducente. La nuova valutazione si basa sui nuovi crash test frontali e sui test restanti eseguiti nel 2020. Per la Isuzu D-Max Crew Cab migliora sensibilmente la protezione alle ginocchia del conducente nel crash test frontale offset, anche nel test frontale pieno la performance è migliorata. Isuzu tuttavia ha segnalato che la prestazione nei veicoli con guida a sinistra potrebbe essere leggermente peggiore. Nonostante ciò Euro NCAP ha confermato il buon punteggio per le ginocchia.

RANGE ROVER CRASH TEST EURO NCAP

Nonostante le buone rilevazioni registrate sulle ginocchia degli occupanti della Range Rover nel crash test, la Casa non ha dimostrato la validità del risultato per persone di diversa stazza. Il peso e la rigidezza della struttura frontale possono causare danni agli altri veicoli in caso di impatto. Di medio livello la pressione sul torace del passeggero nel test frontale pieno. Nonostante la mancanza dell’airbag centrale, la performance nei crash test laterali è generalmente buona. Ottimo punteggio nei crash test per i bambini. Il bordo anteriore del cofano è troppo rigido per testa e bacino di un pedone investito. Nei test su pedoni, ciclisti e auto il sistema di frenata autonoma si comporta bene. Tutte le Range Rover sono dotate di limitatore di velocità con riconoscimento segnaletica, mantenimento corsia di marcia e riconoscimento stanchezza del pilota.

RANGE ROVER SPORT CRASH TEST EURO NCAP

La valutazione della versione ibrida plug-in della Range Rover Sport si basa sui test della Range Rover, con l’aggiunta di un nuovo crash test frontale offset e un test laterale del palo. Migliora leggermente sulla Range Rover Sport la pressione sul torace del conducente, passando da mediocre ad accettabile. Confermato il massimo punteggio nel crash test del palo. La protezione bambini si conferma buona nei crash test. Anche il crash test per i pedoni e le valutazioni sulla dotazione di serie confermano i buoni risultati fatti ottenere dalla Range Rover.

NIO ET7 CRASH TEST EURO NCAP

La berlina cinese Nio ET7 protegge bene gli occupanti nei crash test frontali. Tuttavia nell’impatto frontale offset si registra un’eccessiva pressione verso le altre automobili, confermando una scarsa compatibilità. Nel crash test laterale contro il palo la pressione sul torace è di medio livello. L’airbag centrale, si comporta bene nelle specifiche prove. Massimo punteggio per i bambini nei crash test. Il bordo anteriore del cofano può ferire il bacino in caso di investimento di un pedone, anche il bordo del parabrezza causa problemi alla testa. Il sistema di frenata autonoma si comporta bene in tutti gli scenari di prova. Presenti su tutte le Nio ET7 il limitatore di velocità con telecamera per la segnaletica, la rilevazione stanchezza del pilota e il mantenimento della corsia di marcia.

NISSAN ARIYA CRASH TEST EURO NCAP

La Nissan Ariya si comporta bene nel crash test frontale offset, dimostrandosi anche moderatamente compatibile con le altre automobili. La pressione sul torace del passeggero posteriore nel test frontale è di media entità. Di medio livello anche la pressione sul torace nel crash test laterale del palo. Presente l’airbag centrale, che evita i contatti fra gli occupanti, ma potrebbe ritenere meglio il pilota negli impatti sul lato opposto. Pochissimi punti vengono persi dai bambini nei crash test, il bambino di 10 anni subisce una leggera trazione al collo nel test frontale e una piccola decelerazione della testa nel test laterale. Rigidi i bordi del parabrezza per il pedone in caso di investimento. Buona la performance nei test del sistema di frenata autonoma per pedoni, ciclisti e auto. Presenti su tutte le Nissan Ariya il mantenimento della corsia, il riconoscimento stanchezza e il limitatore di velocità con supporto della segnaletica.

NISSAN X TRAIL CRASH TEST EURO NCAP

I risultati della Nissan X Trail si basano su quelli della Qashqai testata nel 2021. La protezione nel crash test offset è buona. Tuttavia potrebbero esserci problemi di compatibilità con le altre automobili. Nel crash test frontale pieno la pressione sul torace del passeggero è moderata. Massimo punteggio per i crash test laterali, grazie anche alla presenza dell’airbag centrale. Si perde solo una frazione di punto per la trazione sul collo del bambino di 10 anni nel crash test frontale. Potenzialmente rigidi i bordi anteriori del cofano e del parabrezza in caso di investimento del pedone. Il sistema di frenata autonoma si comporta bene nei test su pedoni, ciclisti e automobili. Tutte le Nissan X Trail sono dotate di limitatore di velocità con riconoscimento segnaletica, mantenimento della corsia di marcia e verifica stanchezza del pilota.

RENAULT AUSTRAL CRASH TEST EURO NCAP

La pressione sul torace del conducente della Renault Austral nel crash test offset è di medio livello. La compatibilità con le altre automobili è moderata. Mediocre anche la protezione del torace del passeggero posteriore nel test frontale pieno. Buona la protezione nei crash test laterali, grazie anche alla presenza dell’airbag centrale. Nell’impatto frontale la trazione sul collo del bambino di 10 anni è accettabile. Il bordo anteriore del cofano può ferire il bacino del pedone investito. Anche i bordi del parabrezza sono troppo rigidi. La Renault Austral si comporta bene nei test del sistema di frenata autonoma verso auto, pedoni e ciclisti. L’equipaggiamento di serie prevede il limitatore di velocità con riconoscimento segnaletica, il controllo della stanchezza del pilota e il mantenimento della corsia di marcia.

SMART #1 CRASH TEST EURO NCAP

La nuova smart#1 si comporta molto bene nei crash test frontali. Anche la compatibilità registrata nel crash test offset è generalmente buona. L’unico leggero appunto va all’accettabile pressione sulle costole nel crash test laterale del palo. Presente l’airbag centrale, che ben si comporta nelle prove di verifica. Per la protezione bambini si registra solo una leggera decelerazione della testa del bambino di 10 anni nel test laterale. Migliorabile la protezione del pedone in caso di investimento, bacino e testa possono subire lesioni a causa del bordo del cofano e del parabrezza. Il sistema di frenata autonoma si comporta molto bene con ciclisti, pedoni e automobili, anche in retromarcia. Tutte le smart #1 sono dotate di limitatore di velocità, riconoscimento affaticamento pilota e mantenimento della corsia di marcia.

TOYOTA BZ4X – SUBARU SOLTERRA CRASH TEST EURO NCAP

Toyota bZ4X e Subaru Solterra sono due modelli gemelli, i test si basano sulla Toyota e i risultati sono equiparati anche per la Subaru. Nel crash test frontale offset la pressione su torace e ginocchia è di media entità per pilota e passeggero. Moderatamente compatibile con le altre auto il frontale. Nel crash test frontale pieno la compressione del torace di entrambi gli occupanti è media. Buona la performance nei crash test laterali, grazie anche alla presenza dell’airbag centrale. Buona la protezione dei bambini nei crash test. I bordi del parabrezza possono ferire i pedoni in caso di investimento. Il sistema di frenata autonoma si comporta bene con auto, pedoni e ciclisti. Tutte le Toyota bZ4X e le Subaru Solterra hanno il limitatore di velocità con rilevamento segnaletica, il mantenimento della corsia di marcia e il controllo della stanchezza del pilota.

TESLA MODEL S CRASH TEST EURO NCAP

La Tesla Model S fa rilevare una pressione di medio livello sul torace nel crash test offset. Moderata la compatibilità contro le altre automobili. Massimo punteggio invece per il crash test frontale pieno. Ottimi risultati anche nei crash test laterali, grazie anche all’adozione dell’airbag centrale. I bambini sono ben protetti sui sedili posteriori nei due crash test. I bordi laterali del parabrezza possono ferire la testa di un pedone in caso di investimento. Il sistema di frenata autonoma si comporta bene con pedoni (anche in retromarcia), ciclisti e automobili. Il sistema di riconoscimento stanchezza si basa anche sul controllo degli occhi del pilota, e in caso di distrazione aumenta la sensibilità del sistema di frenata autonoma. Presenti anche su tutte le Model S il mantenimento corsia e il limitatore di velocità con riconoscimento segnaletica.

TOYOTA COROLLA CROSS CRASH TEST EURO NCAP

Nel crash test frontale offset, il torace del pilota della Toyota Corolla Cross subisce una compressione elevata. La compatibilità con le altre auto in caso di incidente è moderata. Buona la protezione nei crash test laterali, tuttavia l’airbag centrale presente di serie non potrebbe proteggere persone di corporatura differente dalla media. Generalmente buona la protezione dei bambini, ad eccezione della trazione sul collo del bambino di 10 anni nel crash test frontale. Molto buona la protezione offerta in caso di investimento di un pedone. Il sistema di frenata autonoma si comporta bene con pedoni, ciclisti e automobili nei test in pista. Le Toyota Corolla Cross sono equipaggiate con il mantenimento della corsia di marcia, il riconoscimento della stanchezza del pilota e il limitatore di velocità manuale.

WEY COFFEE 2 CRASH TEST EURO NCAP

La WEY Coffee 2 protegge bene gli occupanti nel crash test frontale offset. Qualche punto di aggressività si registra per la compatibilità con le altre auto. Nel crash test frontale pieno la pressione sul torace del passeggero posteriore è di media entità. Accettabile la protezione del torace nel crash test laterale del palo. Presente di serie l’airbag centrale, che ben si comporta nei test di verifica dell’efficacia. La protezione bambini ottiene il massimo punteggio in entrambi i crash test. Il bordo anteriore del cofano può ferire il bacino del pedone investito. Anche i bordi del parabrezza possono ferire la testa del pedone. Il sistema di frenata autonoma della WEY Coffee 2 si comporta bene con pedoni, ciclisti e automobili nei test in pista. Presenti anche il mantenimento della corsia, il riconoscimento stanchezza del pilota e il limitatore di velocità con rilevazione segnaletica.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nissan Ariya, nel test dell’alce sicura ma poco agile

Albero di Natale in auto: come fare a trasportarlo

Crash test a 150 km/h: il video shock della prova estrema