Auto usate all’asta: quanto costa il trasporto con bisarca

Se c’è un aspetto da considerare dopo l’aggiudicazione delle auto usate all’asta sono le spese di trasporto con bisarca dei veicoli

24 marzo 2022 - 19:00

Chiusa la fase dell’aggiudicazione delle auto usate all’asta, lo step è successivo è quello della consegna. Non si tratta di un paesaggio scontato in quanto occorre fare fronte anche a difficoltà logistiche. Pensiamo appunto al trasporto di una grande quantità di veicoli per cui lo strumento su gomma più utilizzato è la bisarca. Si tratta di quel mezzo di trasporto con cui trasportare fino a 10 auto. I mezzi sono posizionati uno dietro l’altro e collocati su due piani. Una vera e propria alternativa, laddove possibile, al trasporto via mare e via ferroviaria. Denominata anche cicogna, a conti fatti, la bisarca è un autocarro di grandi dimensioni con cui muovere le auto usate all’asta con estrema facilità, anche se è bisognosa di grandi spazi di manovra. E se c’è un altro aspetto da considerare è il costo del trasporto con bisarca delle auto usate all’asta. Approfondiamone i dettagli.

QUANDO SERVE LA BISARCA PER AUTO USATE ALL’ASTA

Il ricorso alla bisarca nel caso di auto usate all’asta si rivela prezioso quando il trasporto coinvolge più di un veicolo. Pensiamo ad esempio all’aggiudicazione di un lotto di auto usate per il completamento o la creazione di una flotta per la propria azienda. Ma più semplicemente, la bisarca è uno strumento congeniale per spedire un’auto da una città all’altra, da una regione all’altra, o anche all’estero. Soprattutto quando non ci sono alternative ovvero il ritiro della vettura si rivela un’operazione complicata e poco conveniente. Scegliere la bisarca per il trasporto di auto usate all’asta consente di disporre di un maggior tasso di flessibilità. Al netto di accordi particolari con le aziende di autotrasporto, la bisarca viaggia ovunque e a ogni orario. Al contrario – per avere un termine di paragone – di quanto accade con il trasporto via nave. Più laborioso e più soggetto a orari e a procedure differenti legate alla movimentazione di merce.

AUTO USATE ALL’ASTA: COME FUNZIONA IL TRASPORTO CON LA BISARCA

Il primo importante nodo da sciogliere relativo al trasporto con la bisarca di auto usate all’asta è relativo all’offerta o meno di questo servizio da parte della piattaforma che organizza la gara per l’aggiudicazione dei veicoli. Se disponibile, le procedure amministrative sono ridotte al minimo. Altrimenti l’aggiudicatario ovvero il buyer deve curare tutti i passaggi. Dall’individuazione del servizio di autotrasporto fino alla richiesta di preventivo e alla successiva intesa su tempi e modi di ritiro delle auto. In questo secondo caso, le strade percorribili sono due. Il buyer può rivolgersi alle singole aziende di autotrasporto con bisarca oppure consultare una delle numerose piattaforme web che fanno da intermediarie. In buona sostanza occorre indicare la richiesta di trasporto da una città di partenza a una di arrivo. Quindi si riceve una quotazione per il trasporto. Poi, dopo aver accettato il preventivo più conveniente e versando solo una caparra, occorre aspettare l’arrivo della bisarca nel punto concordato per la consegna dell’auto. A quel punto è richiesto il pagamento della cifra finale. Anche direttamente all’autotrasportatore.

TRASPORTO CON LA BISARCA: QUANTO COSTA PER LE AUTO USATE ALL’ASTA

Abbiamo accennato alle cifre da pagare nel caso di trasporto con la bisarca di auto usate all’asta. Va da sé che non esiste una cifra unica. Sia perché in un regime concorrenziale ciascuna azienda di autotrasporto può variare le tariffe applicate. E sia perché sono numerosi i parametri che incidono sulla spesa finale. Ad esempio:

– i chilometri di distanza tra il luogo di ritiro e quello di consegna;

– le dimensioni e il peso complessivo delle auto usate;

– il tipo di strada da percorrere;

– l’attraversamento di paesi stranieri.

Provando a dare qualche indicazione di massima, nel caso di condizioni standard, servono tra 200 e 300 euro il trasporto di un’auto per un tragitto tra 400 e 600 chilometri. Il suggerimento è di chiedere più di un preventivo dettagliato proprio perché a parità di distanza sono numerose le variabili che incidono sul prezzo.

QUALE PUNTO DI INCONTRO PER IL TRASPORTO CON LA BISARCA DELLE AUTO USATE ALL’ASTA

Vale infine la pena mettere in luce un altro doppio suggerimento nel caso della partecipazione alle aste per l’aggiudicazione di auto usate e di trasporto con bisarca. In prima battuta, consultare la lista delle piattaforme web per le aste online riconosciute dal Ministero della Giustizia. Dopodiché, considerando che la bisarca è un mezzo di grandi dimensioni che non può percorrere tutte le strade, è preferibile fissare il punto di incontro per il ritiro di veicoli in luoghi strategici. Come i parcheggi delle stazioni di servizio o gli imbocchi delle autostrade.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mercato auto: per il Mise serve una politica industriale europea

Auto usate: -8% i passaggi di proprietà a novembre

Auto nuove: il prezzo giusto per gli italiani è sino a 30 mila euro