Asta auto usate: quali sono i costi?

Prima di partecipare a una asta auto usate è certamente utile considerare con attenzione il budget a disposizione e le spese da affrontare

3 marzo 2022 - 17:00

L’acquisto di un nuovo veicolo attraverso una asta auto usate può certamente rappresentare una interessante occasione per risparmiare sui costi complessivi. Lo è perché queste opportunità rappresentano spesso e volentieri un modo per entrare in possesso di un veicolo utilizzato poco e con un ottimo rapporto tra usura generale e costi. Occorre naturalmente prestare sempre la massima attenzione perché i tempi di svalutazione di una vettura sono piuttosto rapidi e di conseguenza l’occasione può non rivelarsi davvero tale. Diventa quindi interessante andare alla ricerca dei costi da sostenere così da valutare con attenzione la convenienza a partecipare a un’asta di auto usate ed eventualmente ad acquistare il veicolo.

ASTA AUTO USATE TRA CAUZIONE DA DEPOSITARE E CANONE ANNUALE DA VERSARE

Quando si parla dei costi da affrontare per partecipare a una asta auto usate, c’è un dettaglio che non bisogna mai perdere di vista. Al di là della spesa per l’aggiudicazione del veicolo, occorre mettere in conto la cauzione e i costi eventualmente richiesti per l’iscrizione a un portale di aste online. Nel primo caso può infatti essere richiesto il 10% del prezzo inserito nell’offerta per la partecipazione a un’asta senza incanto. Si tratta di quella modalità di partecipazione per cui gli interessati devono depositare una proposta economica in busta chiusa. A differenza delle aste con incanto, non è previsto alcun meccanismo di rilancio della proposta economica. In ogni caso, i partecipanti versano la cauzione prima di partecipare all’asta per poi vedersela restituita se il veicolo non viene aggiudicato. La partecipazione a un’asta online per comprare un’auto usata può invece comportare il pagamento di un canone per l’abbonamento alla piattaforma che mette in relazione il compratore con il venditore. In genere, quando presente, il costo è su base annuale.

QUALI COSTI PER ASTA AUTO USATE

A parte l’eventuale canone di abbonamento da versare, se c’è una voce di spesa da considerare nel caso di una asta auto usate è quella relativa alle tasse e alle commissioni in caso di aggiudicazione del veicolo. Le piattaforme online applicano infatti solitamente tariffe obbligatorie da corrispondere solo in caso di vittoria. Possono comprendere:

– le tasse di importazione del Paese di provenienza dell’auto;

– le commissioni d’asta;

– le spese per la relativa documentazione doganale.

Il suggerimento è di inserire questi costi nel budget prima di formulare la propria offerta massima per l’auto.

QUALI CERTEZZE DALLA PARTECIPAZIONE A UNA ASTA AUTO USATE?

Se c’è poi un aspetto da non perdere mai di vista quando c’è di mezzo una asta auto usate online è quello delle garanzie offerte da chi organizza questo evento. Detto in altri termini, come avere la certezza che tutti i passaggi siano svolti nella più perfetta regolarità? Il riferimento va sia all’auto stessa oggetto della gara per la sua aggiudicazione. Ma anche agli step procedurali che un’operazione di questo tipo deve seguire. Accanto alle aste giudiziarie che si svolgono nei tribunali o negli studi privati di professionisti tra notai, avvocati e commercialisti, ci sono infatti altre strade da seguire. Pensiamo ad esempio alle aste online per l’acquisto di un’auto usata. Anche in ambito B2B, tra l’altro un comparto in costante crescita. Ebbene, se c’è un punto di riferimento da consultare è il sito del Ministero della Giustizia. Esattamente la pagina che elenca i siti di aste online che sono stati formalmente autorizzati per questo tipo di attività, in quanto rispettano i parametri richiesti.

CHI È AMMESSO A PARTECIPARE A UNA ASTA AUTO USATE?

Ci sono limiti alla partecipazione a un’asta auto usate? Oppure tutti possono prenderne parte, indipendentemente dalla formula utilizzata con o senza incanto? Ebbene, l’adesione alla gara è pubblica, purché i partecipanti rispettino naturalmente le regole previste. Non solo, ma non è affatto detto che occorra prendere parte all’asta di persona. È ammesso l’istituto della delega e di conseguenza un procuratore può fare le veci del possibile aggiudicatario. Eventuali accordi interni e privati stabiliscono le commissioni da corrispondere. Dopodiché, come abbiamo accennato, non è affatto detto che la partecipazione a una asta auto usate avvenga in presenza. La diffusione della tecnologia permette oggi di organizzare questi appuntamenti anche online. In questo caso occorre una connessione web stabile e robusta per favorire la partecipazione senza interruzioni. Ma anche la registrazione all’asta con tanto di identificazione prima di prenderne parte.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mercato auto: per il Mise serve una politica industriale europea

Quando un'auto diventa d'epoca?

Revisione auto storiche e d’epoca: quando e come farla

Auto usate: -8% i passaggi di proprietà a novembre