Fiat 500X: primo contatto

Abbiamo guidato la crossover del marchio torinese al Balocco Proving Ground. Ecco come va la Fiat 500 X, nelle motorizzazioni 1.6 Multijet e 2.0 Multi

12 novembre 2014 - 9:00

Dopo il bagno di folla del Salone di Parigi e gli sguardi curiosi degli addetti ai lavori, la Fiat 500X è finalmente arrivata su strada e siamo volati in Piemonte, al Balocco Proving Ground, per provarla e scoprire le sue qualità. Si tratta di un modello importantissimo per il Gruppo FCA, per tantissimi motivi che riguardano aspetti tanto industriali quanto economici, dall'immagine del marchio Fiat stesso ai freddi, ma fondamentali, numeri del mercato. La 500X viene prodotta a Melfi, nello stabilimento rinnovato secondo gli standard del World Class Manufacturing, accanto alla sua sorella 'yankee' Jeep Renegade. Le due auto sono praticamente uguali in tutto quello che si trova sotto la scocca o che comunque non si vede. Pianale, motori, cambi, sospensioni, impianto frenante ed elettrico sono i principali punti in comune della coppia italo-americana. Ecco perchè la 500X si presenta come un'auto globale che sarà venduta in 100 Paesi nel mondo.

JEEP RENEGADE E 500X – Lo stile, il comportamento su strada, le possibilità di personalizzazione e la destinazione d'uso sono invece differenti, sebbene entrambe si inseriscano in quel segmento dei B-SUV che in Europa cresce in maniera vertiginosa. Se la Jeep Renegade (che abbiamo provato in anteprima qui) tiene fede al suo spirito di dura e pura, civilizzandosi quel tanto che basta, la 500X è una crossover al 100%. È un'auto assolutamente trasversale, capace di passare attraverso i classici segmenti del mercato e di conquistare clienti che vengono da esperienze differenti. Per questo gli allestimenti sono cinque, divisi in due sotto-gruppi, ognuno caratterizzato da una marcata personalizzazione estetica: più metropolitana sulle Pop, Pop Star e Lounge, più avventurosa sulle Cross e Cross Plus.

ALLA CONQUISTA DELL'EUROPA E NON SOLO – La 500X è un prodotto importantissimo per Fiat, l'auto su cui si gioca il rilancio dei prossimi anni, in particolar modo a livello europeo e globale, visto che nei prossimi mesi sarà commercializzata in cento Paesi. Il lancio in Europa inizia il prossimo venerdì e sarà caratterizzato da 74 eventi in 80 giorni, che si svolgeranno nelle maggiori città europee. L'obiettivo, non gridato ma nemmeno nascosto, è quello di ripetere i successi della 500 'liscia' e della 500L, entrambe regine del proprio segmento di riferimento in Europa. “Ci piacerebbe avere la leadership nel mercato europeo” ha dichiarato Gianluca Italia, Responsabile del marchio Fiat per l'area EMEA. Ovviamente la concorrenza non manca, ma secondo Olivier Francois, Responsabile Globale del marchio Fiat “Se la concorrente per antonomasia della versione Cross è la Mini Countryman, le versioni più urbane possono conquistare clienti tanto nel segmento dei 'B-SUV' che nel classico 'C'; anche la Golf può essere una competitor diretta”. Tuttavia, visti i 4,25/4,27 metri di lunghezza, la completezza della gamma e i contenuti tecnici presenti, la 500X può ingolosire anche i clienti del segmento 'C-SUV', senza dimenticare chi già ha una Fiat più piccola e vuole 'ingrandirsi'.

MOTORI E CAMBI – La gamma della Fiat 500X è quanto mai completa: ci sono sei motori (tre benzina e tre diesel), quattro trasmissioni, tre schemi di trazione e cinque allestimenti. I prezzi di listino vanno dai 17.500 euro della 1.6 benzina da 110 CV con trazione anteriore e cambio a 5 marce (allestimento Pop), ai 30.650 euro della 2.0 turbodiesel con 140 CV, quattro ruote motrici e il cambio automatico a nove marce (allestimento Cross Plus). Non sono previste versioni a GPL o a metano, poco richieste per questa tipologia di auto, però nei prossimi mesi arriveranno altri motori, il piccolo 1.3 Multijet da 95 CV (cambio a 5 marce) e il potente 1.4 MultiAir da 170 CV. Anche per il cambio 6 marce a doppia frizione DDCT bisognerà attendere qualche mese, così come per completare tutte le combinazioni dei powertrain disponibili.

SU STRADA – “Vogliamo offrire un'auto dai contenuti premium – ha dichiarato con orgoglio Olivier Francois – ma che abbia un prezzo di poco superiore a quello dei prodotti generalisti”. Così entriamo in macchina alla ricerca di questa qualità, curiosi di provarla e percepirla nei dettagli. Non c'è che dire, anche gli interni sono appaganti alla vista e la posizione di guida è comoda e contenitiva al punto giusto. Le regolazioni del sedile hanno ampia escursione e il punto H (l'altezza dell'anca da seduti) inusualmente basso per un crossover. In poche parole, si percepisce una certa anima dinamica (sportiva sarebbe troppo), confermata poi dal comportamento stradale. L'assetto, infatti, è piuttosto sostenuto, tanto da risultare un attimo fastidioso sulle sconnessioni più piccole, ma così l'auto è pronta e agile nelle curve. L'handling è sorprendente in tutte le condizioni e non tradisce un eccessivo sottosterzo, comportamento non facile da trovare in un crossover. La frenata è potente e sicura anche sul bagnato, il Lane Assist funziona bene sopra i 70km/h riportando l'auto sulla giusta traiettoria attraverso una leggera sterzata automatica, anche se in alcune situazioni sembra non leggere bene le righe bianche sulla strada. Anche il Blind Spot funziona bene e avvisa con un beep nel caso in cui si inserisca l'indicatore di direzione mentre si ha un veicolo nell'angolo cieco. Nella marcia cittadina si apprezzano il servosterzo ad assistenza variabile e la leggerezza dei comandi, sensazioni che si possono cambiare attraverso il 'Drive Mood Selector', cioè la versione Fiat del DNA Alfa Romeo.

TELECAMERE E RADAR – Nella breve presa di contatto abbiamo guidato la 1.6 Multijet da 120 CV (cambio manuale a 6 marce) è la 2.0 Multijet da 140 CV (cambio automatico a 9 marce e trazione integrale), rimanendo piacevolmente colpiti da entrambi i powertrain e specialmente dal cambio che ha la marcia giusta in ogni condizione. Ma la 500X è anche un'auto sicura, ma soprattutto la prima Fiat ad integrare un pacchetto di sistemi evoluti di assistenza alla guida basati su telecamera e radar. Ci sono, quindi, il cruise control adattivo, la frenata automatica di emergenza, l'assistente per i cambi di corsia involontari e quello per il monitoraggio dell'angolo cieco. Interessante anche l'ultima evoluzione del sistema di infotainment UConnect con display touch da 6,5 pollici, che integra i servizi Live di Tom Tom e la connettività internet.

Commenta per primo