Test ADAC: le Ate Ceramic sono le migliori pastiglie freno

Vi spieghiamo perché le pastiglie freno Ate Ceramic sono considerate le migliori: il test ADAC su usura e sicurezza dei freni aftermarket

17 dicembre 2021 - 17:00

La sostituzione di dischi e pastiglie con ricambi equivalenti è considerato il modo migliore per tagliare i costi di manutenzione, ma non bisogna risparmiare sulla sicurezza di guida. Spesso le pastiglie freno aftermarket sono peggiori di quelle originali o nel caso delle pastiglie freno Ate Ceramic si comportano anche meglio dei freni di serie. L’Automobile Club Tedesco ha messo a confronto 6 kit di pastiglie e dischi per stabilire le marche migliori di ricambi. Dalla comparativa è emerso che le Ate Ceramic sono le migliori pastiglie freno non solo per l’ambiente ma anche per la sicurezza di guida. Adesso vi spieghiamo perché.

PASTIGLIE FRENO ATE CERAMIC: COME SONO FATTE

Le pastiglie ATE Ceramic sono il fiore all’occhiello in fatto di freni per Continental, fornitore OE e anche produttore di ricambi aftermarket. Sono state premiate per l’innovazione alla fiera Reifen di Essen e incluse nella Green Directory per i prodotti sostenibili di Automechanika. La particolarità delle pastiglie Ate Ceramic è nella mescola, che in frenata crea un “transfer film” sui dischi riducendone l’usura. I risultati, che emergono anche nella comparativa ADAC, sono meno polveri, più comfort, meno usura e meno costi di manutenzione. La ridotta emissione di polveri in frenata aiuta a mantenere i cerchi in lega più puliti dal ferodo e non si è costretti frequentemente a usare sostanze chimiche per rimuoverlo. Le emissioni di particolato basse rendono più pulita anche la guida delle auto ibride ed elettriche, che diventano davvero a emissioni quasi zero. È soprattutto nelle frenate in condizioni di guida urbana che le pastiglie freno ATE Ceramic si usurano sensibilmente meno delle pastiglie freno tradizionali. Le frenate da città sono il campo di prova che ha permesso, insieme all’usura limitata e all’alto coefficiente di attrito di primeggiare rispetto ai competitor e ai freni originali Volkswagen.

I TEST ADAC SULLE PASTIGLIE FRENI AFTERMARKET E ORIGINALI

L’ADAC ha confrontato cinque sistemi frenanti, 4 dischi e relative pastiglie, su una Volkswagen Golf 7, confrontandoli con i freni originali Volkswagen. Tutti i freni della comparativa riportano la marcatura ECE R90, quindi rispettano i criteri minimi di sicurezza riferiti ai test su asciutto per poter essere venduti in Europa. La valutazione a tutto campo dell’ADAC ha dato un punteggio a sicurezza, durata e aspetti ambientali. Le prestazioni di frenata e l’usura sono state esaminate al banco prova con due diversi cicli di frenata (sforzo moderato tipico della guida urbana e sotto carico a caldo). Mentre le prove di guida reale con la Golf si sono concentrate su distanza della frenata, comfort e sensazioni di guida con i vari sistemi frenanti. In particolare:

– Test di frenata da 100 km/h su asciutto: nel test le distanze di frenata sono risultate entro 50 centimetri di differenza tra le pastiglie freno aftermarket e quelle originali Volkswagen. L’ADAC spiega che è merito dell’assistente alla frenata di emergenza, che incrementa al massimo la pressione dei freni fino all’intervento dell’ABS quando il conducente preme con forza il pedale;

– Test di frenata a freddo e a caldo con forza variabile: dimostra invece la capacità delle pastiglie a conservare il coefficiente di attrito nelle prove al banco e quindi la forza frenante. Con l’aumentare della forza applicata, aumenta la temperatura dei freni e si riduce il coefficiente di attrito (fenomeno chiamato fading);

ATE CERAMIC SONO LE PASTIGLIE MIGLIORI PER L’ADAC: ECCO PERCHÉ

Nel test di guida reale, i freni ATE Ceramic sorprendono per i migliori valori del coefficiente di attrito. Le prestazioni di frenata diminuiscono leggermente sotto carico, ma si mantengono comunque a livelli di sicurezza elevati. Se sottoposti a carichi elevati (test di frenata a elevate temperature) la produzione di polveri tende ad aumentare, come del resto per tutte le pastiglie testate dall’ADAC. “I dischi freno ATE in combinazione con le pastiglie freno in ceramica sono particolarmente impressionanti per quanto riguarda l’usura”, è il commento dell’Automobile Club Tedesco. “C’è poca usura anche sul rivestimento protettivo del disco. ATE ci ha spiegato che “rispetto alle pastiglie ATE Original, a pari condizioni di utilizzo, le pastiglie ATE Ceramic garantiscono il 30% di maggiore durata”.

DISCHI FRENO PER PASTIGLIE ATE CERAMIC: SENZA FORI E’ MEGLIO 

A proposito di dischi, i test sulle pastiglie freno dell’ADAC hanno dimostrato che non sempre i dischi forati aumentano le prestazioni di frenata. Nel caso delle pastiglie freno ATE Ceramic per massimizzare il comfort Continental consiglia il montaggio con dischi standard (come i dischi Freno Ate Original). Il primo posto delle pastiglie freno Ate Ceramic è dovuto anche all’usura dei dischi e pastiglie Volkswagen, eccezionalmente elevata. A fronte di una frenata sicura, tendono a consumarsi molto nelle frenate a carico moderato.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cinghia di distribuzione: quando bisogna sostituirla?

Mercato auto: l’Europa ha perso competitività per il CEO VW

GM: “Abbiamo riparato oltre 11 mila auto Tesla in 2 anni”