Emissioni auto Euro 6D: il test di confronto tra diesel, benzina e ibrido

Benzina, Diesel o Ibrida? Un test sulle emissioni reali mette a confronto 3 auto Euro 6D TEMP con alimentazioni diverse in 3 città italiane

4 novembre 2020 - 11:54

Comprare un’auto benzina, diesel o ibrida è un bel dilemma, soprattutto in un momento di forte transizione del mercato verso l’elettrico. Gli automobilisti scelgono sempre meno auto benzina, ma i dati di vendite sono implacabili verso il declino delle auto diesel. Una diffidenza legata all’ombra delle emissioni di polveri sottili e ossidi di azoto e al timore che tra qualche anno anche i moderni ed efficienti Euro 6D TEMP finiranno nella rete dei blocchi al traffico. Ecco un test che mette a confronto le emissioni di diesel, benzina e ibrido-diesel condotto a Milano, Torino e Roma.

TEST EMISSIONI AUTO EURO 6D TEMP: LE AUTO A CONFRONTO

Il mega test organizzato da Mercedes Italia con il CSI ha voluto cercare un fondamento dei timori legati alle emissioni nella guida urbana. Il confronto ha avuto luogo tra tre diversi tipi di alimentazione e motori. Una Classe A 200 Diesel 2.0 da 150 CV; una Classe B 160, con motore 1.3 benzina da 109 CV e una Classe C 300 EQ-POWER, 2.0 Diesel Plug-In (194 + 122 CV). Il metodo di prova delle emissioni dei motori Euro 6D TEMP si è basato sul Real Drive Emissions. Queste prove si svolgono su strade aperte al traffico in aggiunta ai test di laboratorio (attuale ciclo WLTC in sostituzione al precedente NEDC). Nei test RDE l’auto funziona in condizioni molto vicine a quelle reali: affronta code, semafori, rotatorie, ripartenze, ecc. che invece in laboratorio sono simulati su banco prova.

I TEST DI EMISSIONI AUTO A MILANO, TORINO E ROMA

Per misurare principali inquinanti oggetto del test (Ossidi di Azoto e Particolato) su ogni auto è stato installato un analizzatore PEMS (Portable Emission Measurement System). I test emissioni Euro 6D TEMP si sono svolti in contesti urbani diversi ma in condizioni equivalenti a quelle di omologazione:

Torino: i tester hanno seguito un percorso di 90 minuti su strade urbane, extraurbane e autostrade.

Milano: il test si è svolto prevalentemente su percorsi urbani, ponendo il focus sul particolato. Ma non solo, i ricercatori hanno anche confrontato le particelle di polveri sottili aspirate dal motore con quelle emesse dallo scarico della stessa auto.

Roma: il test ha, a grandi linee, ricalcato modalità e rilevazioni di quello effettuato a Milano.

I RISULTATI DEL TEST SULLE EMISSIONI BENZINA, DIESEL E IBRIDO-DIESEL

I risultati riassuntivi commentati da Mercedes Italia rassicurano gli automobilisti. “I valori medi delle emissioni di ossido di azoto e del numero di particelle allo scarico del motore Diesel Euro 6d sono inferiori rispetto a quelli della vettura con alimentazione a benzina a iniezione diretta”, dice MBI. Una conferma del fatto che i moderni motori diesel possono essere più puliti anche delle auto benzina. In nessuna sessione di prova è avvenuta la rigenerazione del filtro antiparticolato, ma questo potrebbe dipendere molto dalle condizioni di guida, dal percorso e dalla percentuale di riempimento. “Questo processo è erroneamente indicato come un importante picco di emissioni” afferma Mercedes Italia, riferendosi evidentemente al fatto che in alcuni test come quelli di Transport&Environment, i diesel hanno mostrato emissioni 1000 volte maggiori in città. È sicuramente eclatante il fatto che soprattutto a Milano “la concentrazione delle polveri allo scarico è risultata fino a 2.000 volte inferiore rispetto a quella dispersa nell’aria”. Sarebbe stato interessante anche conoscere le emissioni dell’auto ibrida Plug-in, considerando che sempre più i Costruttori ricorreranno all’elettrificazione. Ma un test su consumi ed emissioni delle auto ibride ricaricabili rivela che se non ricaricate alla colonnina, queste auto possono consumare addirittura più carburante dell’equivalente versione ICE a causa del peso ulteriore delle batterie.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sonda Lambda sporca: come pulirla

Tergicristalli auto: come rimetterli in sesto e prepararli all’inverno

Riparazioni in officina

Ricambi auto aftermarket: +42% le vendite nel primo semestre 2021