Compressore portatile per auto: come scegliere il migliore

Com’è fatto il migliore compressore portatile per auto da tenere nel bagagliaio? Ecco una guida all’acquisto del compressore auto con le caratteristiche da non perdere

27 maggio 2021 - 13:24

Il compressore portatile per auto è uno degli accessori immancabili da acquistare (se l’auto non è già dotata del kit di riparazione forature e tenere nel bagagliaio per controllare la pressione degli pneumatici in pochi secondi. Hai capito bene: non serve tanto tempo, a patto di utilizzare un compressore portatile con le caratteristiche giuste. Poiché spesso si tende a dare maggiore importanza alla convenienza, con questa guida ti daremo tutte le informazioni utili alla scelta del migliore compressore portatile per auto. Mettiti comodo e prenditi qualche minuto, poiché ti spiegheremo in modo dettagliato cosa non deve mancare in un compressore portatile 12V per poter essere facile ed efficace.

COME SCEGLIERE IL MIGLIOR COMPRESSORE PORTATILE PER AUTO

Se sei interessato a comprare il compressore auto più economico, puntando solo alla minima spesa, probabilmente questa guida non fa al caso tuo. Ma siamo sicuri che leggendola ti aiuterà a capire come spendere poco per un accessorio che ha a che fare con la sicurezza tua e dei tuoi pneumatici, non è una scelta furba. Allora, quali caratteristiche deve avere un compressore portatile da auto per potersi definire il più completo possibile? Tutte quelle che permettono di effettuare il controllo della pressione pneumatici in modo agevole e preciso. Non solo, deve essere anche più affidabile di un manometro potenzialmente starato di una pompa di benzina (vedi la nostra inchiesta: Manometri stazioni di servizio: 9 su 10 sono inefficienti). Le caratteristiche più importanti a cui non tutti pensano, di cui parleremo nei paragrafi seguenti sono:

– Potenza e tempo di funzionamento di un compressore portatile per auto;

– Meglio un compressore portatile con manometro o con display?

– Controllo pressione gomme: può essere piacevole farlo? Si, con il compressore giusto!

COMPRESSORE PORTATILE AUTO: CONTROLLARE VS GONFIARE

La maggior parte dei compressori auto portatili non è per niente adatta a gonfiare uno pneumatico totalmente a terra. Se si riesce a ristabilire la pressione corretta dopo molto tempo, il compressore sarà surriscaldato e la tenuta del pistone compromessa. Fare continue pause può evitare che accada. Oppure, basta verificare prima dell’acquisto se si tratta di un compressore portatile per il solo controllo della pressione (cioè quando le gomme sono leggermente sgonfie) oppure può gonfiare uno pneumatico totalmente sgonfio come quelli Osram. Uno pneumatico da 13 pollici sgonfio, ad esempio, può richiedere 2 minuti per un compressore Top di gamma come l’Osram TYREinflate 1000. Oppure 5 minuti con il compressore con manometro Osram TYREinflate 200, “entry level” e più conveniente. Ovviamente la potenza in questo caso la fa da padrona e influenza il consumo energetico. Quindi è preferibile parcheggiare in un luogo sicuro, azionare il freno di stazionamento e avviare il motore per non scaricare la batteria.

COMPRESSORE PORTATILE PER AUTO: MANOMETRO O DISPLAY?

Un compressore portatile per auto è più affidabile se ha il manometro o il display? Al di là delle preferenze soggettive, è la qualità costruttiva di un compressore che influenza la sua precisione. La differenza però la fa anche il modo corretto di controllare la pressione pneumatici:

– Con pneumatici freddi;

– Rispettando i corretti valori di pressione consigliati dal Costruttore auto, operazione non sempre facile con un manometro a lancetta;

Se è vero che un compressore portatile con manometro può essere più conveniente, un compressore con display permette di capire più facilmente quando si raggiunge la pressione corretta. La soluzione si può trovare nei compressori auto portatili con funzione auto-stop che evitano errori di lettura e gonfiaggio eccessivo o insufficiente.  Si imposta la pressione consigliata dal manuale dell’auto e il compressore si ferma quando le gomme sono al valore corretto. L’abbiamo provata ed è davvero il modo più semplice e affidabile per controllare la pressione in fai da te. E’ chiaro che si tratta di una funzione avanzata, come per i compressori con display TYREinflate 450 o la versione “1000” potenziata.

CARATTERISTICHE “PREMIUM” DEI COMPRESSORI AUTO PORTATILI  

Queste sopra sono solo le caratteristiche basilari che deve avere un buon compressore portatile per auto. Il livello premium dei compressori auto portatili si raggiunge con dettagli apparentemente banali. Ma che sono proprio quelli che risolvono i limiti di un compressore portatile standard nelle situazioni meno agevoli:

– La luce a LED integrata su un compressore portatile per auto è qualcosa a cui non tutti pensano. Se serve gonfiare una gomma in garage, di notte o al tramonto, fa la differenza. Ti ricordiamo però di pensare anche alla tua sicurezza: posteggia eventualmente in un posto ben visibile, lontano dal traffico e indossa il giubbino riflettente;

– Il controllo della pressione gomme per chi soffre di mal di schiena è un tormento. A meno di usare un compressore portatile per auto azionabile stando in piedi come per i compressori TyreInflate, anziché inginocchiati accanto alla ruota. Una trovata davvero molto comoda;

Un compressore portatile per auto economico, oltre all’affidabilità dubbia, non è affatto pensato per essere comodo e risolvere i problemi di “ordine in auto”. Ad esempio, quante volte hai rinunciato a controllare la pressione gomme a causa del cavo aggrovigliato in mezzo ad altri oggetti? La soluzione è più semplice e veloce di quanto pensi: comprare un compressore portatile per auto con avvolgicavo integrato come quelli Osram. In pochi secondi si riavvolge il filo elettrico e puoi riporre il compressore nella sua custodia, al riparo da urti e pronto per essere riutilizzato al prossimo controllo in perfetta efficienza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tappezzeria auto sporca: come pulirla in fai da te?

Climatizzatore manuale, automatico e bizona: cosa cambia?

Manutenzione auto: interventi in calo a maggio per il 35% delle officine