Tesla: servono tecnici per le auto elettriche, lanciato il programma di formazione

Tesla entra nelle università con corsi di formazione per creare tecnici esperti per le auto elettriche ed avere dipendenti altamente qualificati

28 marzo 2018 - 12:01

Mettere le mani su un propulsore termico non è proprio come metterle su un motore elettrico, spariscono candele, filtri, olio e carburante in favore di rotori, magneti e kW, sembra quasi di parlare un'altra lingua (qui la storia di Tesla e i suoi motori). In realtà un tecnico esperto di motori “tradizionali” sa e può convertirsi alle nuove tecnologie elettriche, ma Tesla vuole avere alle sue dipendenze delle persone altamente specializzate, formate fin dal principio, e per questo lancia nelle università il programma Tesla Start.

A.A.A. CERCASI TECNICI Nell'ambito dell'elettrico la domanda di lavoro supera ancora l'offerta, Tesla ha attualmente 150 posti liberi per tecnici specializzati ma nonostante riceva circa 500.000 richieste di assunzione ogni anno non riesce a trovare professionisti idonei a quel ruolo. L'azienda di Elon Musk svolge già attività di formazione interna per i propri professionisti in 100 centri di assistenza sparsi per il mondo, una soluzione solo parziale e non sufficiente ad avere tecnici esperti. Per questo ha creato il programma Tesla Start, un corso di specializzazione intensivo di 12 settimane già attivo nel Nord America, più precisamente al Central Piedmont Community College di Charlotte nel North Carolina e al Rio Hondo College di Whitter, in California. La prima classe si diplomerà già la prossima settimana, e visto il buon esito dei primi corsi Tesla ha annunciato che espanderà presto il programma in altri Paesi.

IL CORSO Il programma Tesla Start mira a formare gli studenti nelle tecnologie elettriche ma non solo: la produzione di vetture tradizionali è differente da quella delle elettriche quindi Tesla vuole persone che siano perfettamente allineate con il processo produttivo innovativo ma soprattutto con la filosofia ambientalista dell'azienda (sono veramente ecologiche le vetture Tesla?). Il primo corso iniziato a gennaio nell'università di Charlotte ha permesso a 13 studenti di seguire lezioni teoriche e laboratori di pratica per acquisire competenze tecniche specifiche come la conoscenza dei veicoli elettrici, l'architettura della batteria, la tecnologia di ricarica o ancora avanzate tecniche di riparazione. Non si tratta di un vero e proprio diploma di laurea ma di una certificazione che attesta la loro specializzazione per introdurli direttamente nel mondo del lavoro, una sorta di tirocinio. Attenzione però, solo chi riceverà una votazione media superiore all'80% potrà essere assunto ed inserito in Tesla, che in termini “universitari italiani” vuol dire avere una media superiore al 27 su 30 – scopri qui in che condizioni lavorano i dipendenti Tesla. In ogni caso durante le lezioni tutti gli studenti (e i professori) riceveranno uno stipendio direttamente da Tesla, anche se non viene specificato l'ammontare del compenso.

REQUISITI GENERICI Oltre ai solito “orientato al lavoro in team”, Tesla vuole persone che siano “motivate a lavorare con le auto più sicure e veloci del mondo” e “incuriosite dalla capacità di diagnosticare e riparare veicoli da remoto”. Quest'ultimo punto lascia intendere tanto la complessità del compito quanto la sua inclinazione futuristica, pensate infatti di avere un problema tecnico sulla vostra auto e di risolverlo senza andare dal meccanico. Al di là delle considerazioni personali, Tesla elenca dei requisiti specifici per partecipare al programma Tesla Start, alcuni accessibili altri meno. Per essere ammessi bisogna avere una patente di guida valida da almeno due anni e non aver mai commesso gravi incidenti, essere in grado di sollevare pesi di 50-60 libbre (meno di 30 kg), essere disposti a trasferimenti, avere una certa esperienza lavorativa nel mondo delle automobili e mantenere una percentuale del 100% di presenza durante le 12 settimane.

REQUISITI SPECIFICI All'elenco appena fatto si aggiungono requisiti più specifici: avere un diploma di scuola superiore o un GED (certificato sostitutivo al diploma valido in America) e un livello di istruzione automobilistica post-diploma accettabile da Tesla, ossia un diploma di istruzione secondaria conseguito con una valutazione media superiore al 3,5 (più o meno 90/100), superare un esame scritto specifico per i veicoli Tesla, e infine essere disposti ad accettare l'impiego presso un centro di assistenza Tesla per un periodo minimo di due anni entro 30 dalla fine del programma Tesla Start. Per ora è possibile seguire i corsi di specializzazione Tesla solo nelle due università citate (North Carolina e California), non sono state ancora indicate le aree in cui verrà proposto il Tesla Start perciò se avete intenzione di candidarvi preparate le valigie per attraversare l'Oceano e… in bocca al lupo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tergicristalli auto: come rimetterli in sesto e prepararli all’inverno

Tesla agevola i pompieri con la batteria di Model 3 e Y

Pulizia iniettori: 5 errori da evitare con l’additivo per benzina e diesel