Schaeffler e Paravan: la joint venture sulle auto "senza fili?

Addio sterzo e pedali classici, l'accordo tra Schaeffler e Paravan punta a sviluppare la tecnologia "drive-by-wire? per le auto a guida autonoma

22 agosto 2018 - 12:06

Via sterzo e pedali dalle auto a guida autonoma, è l' imperativo di Costruttori di componentistica che stanno sperimentando il mondo per ottimizzare lo spazio al massimo all'interno dell'abitacolo. E se per ora far sparire del tutto il volante e i comandi a pedali sarebbe una richiesta oltraggiosa in sede di omologazione, la direzione intrapresa è quella di sostituire i comandi meccanici con quelli elettrici. E' su questa base che si fonda la joint venture tra Schaeffler e Paravan che hanno stretto un sodalizio sulla piattaforma Space Drive, quella che quasi sicuramente ritroveremo su molte prossime auto di serie, vediamo di cosa si tratta.

AUTO PIU' LEGGERE SENZA PESANTI CINEMATISMI Se provassimo ad immaginare di salire su un'auto priva di sterzo e pedali forse la reazione sarebbe la stessa di chi va per la prima volta al ristorante giapponese e non trova la forchetta. Ecco perché al di là delle difficoltà di omologazione molto restrittive in tal senso, il passaggio sarà molto graduale. Già oggi infatti esistono auto di serie che sfruttano la cosiddetta tecnologia “drive-by-wire”, come la nuova Alfa Romeo Giulia, ma anche l'Alfa Romeo Stelvio, simile a quella impiegata già da diversi anni anche in Formula1 e sviluppata anche da altri Costruttori di componentistica auto. In realtà proprio per motivi di sicurezza ai freni elettro-attuati è sempre associato un comando idraulico di emergenza che però, al momento, interviene solo in caso di avaria dell'attuatore elettrico. La strada però per le tecnologie di guida “senza fili”, o sarebbe più corretto dire senza comandi meccanici è ormai spianata, perché rimuovere parti ingombranti permetterà di velocizzare i tempi di risposta di sterzo, freni e acceleratore ma soprattutto risparmiare spazio e peso da destinare invece alle batterie e ad altri componenti di sicurezza. Quanto è sicuro un sistema del genere? E' il focus sperimentale della neonata Schaeffler Paravan Technologie che a realizzare un pianale modulare partendo dalla tecnologia della Space Drive Paravan.

QUANTO E' SICURA LA TECNOLOGIA BY WIRE I dettagli finanziari dell'accordo sono volutamente segreti, ma intanto possiamo racontarvi qualche dettaglio in più sulla tecnologia Space Drive. Oltre all'acceleratore ed all'attivazione del freno elettronica, lo Space Drive è caratterizzato da una funzionalità steer-by-wire che elimina la necessità del volante, del piantone dello sterzo e dei collegamenti meccanici associati. Lo steer-by-wire è una tecnologia chiave per le auto a guida autonoma, per le quali lo sterzo altamente affidabile rappresenta un requisito fondamentale. Per questo motivo il sistema è caratterizzato da tripla ridondanza ed è attualmente l'unica soluzione drive-by-wire al mondo – come fa sapere Paravan –  prodotta secondo i più alti standard di qualità e sicurezza, inclusa la certificazione ISO 26262 ASIL D. Nel video qui sotto si può vedere un esempio di impiego della tecnologia by-wire su un prototipo di Ferrari nei test.

COSA NASCERA' DALLA JIONT VENTURE Pare infatti che lo Space Drive sia l'unico sistema del suo tipo ad essere stato autorizzato per l'uso su strada in numerosi Paesi del mondo, già pronto per la produzione di automobili su larga scala e con il record di più di 500 milioni di chilometri di guida senza incidenti, come sostiene Paravan. Schaeffler dal canto suo ha già presentato al mondo il suo Schaeffler Mover (nella foto qui sopra), un concept di veicolo piccolo, versatile ed elettrico che “servirà come piattaforma per sviluppare e industrializzare prodotti futuri per i produttori di automobili” ha dichiarato Dirk Kesselgruber capo della Business Division Chassis System in Schaeffler.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Rigenerazione filtro antiparticolato: quante volte si fa?

La dilatazione termica, la lubrificazione e i segmenti in un motore

Come sono fatti il cilindro e la canna