Ricambi Continental: sono affidabili? Abbiamo indagato

Ecco quali test di qualità devono superare i ricambi auto Continental e quanta Ricerca e Sviluppo c'è dietro i tergicristalli e le batterie auto

8 marzo 2021 - 12:51

Sempre di più nel mercato aftermarket si trovano ricambi auto Continental. E così alcuni lettori ci hanno chiesto se fossero affidabili o se fosse la classica operazione di labeling. Cioè quando i produttori comprano ricambi da altri e poi applicano il proprio Brand perché più forte sul mercato. Per chiarire questi dubbi, SicurAUTO.it ha preso contatti con Continental Automotive Italia e ha fatto una chiacchierata con Francesco Aresi e Stefano Tagini di Continental, di cui troverete ulteriori dettagli in questa intervista e nel video sotto. Ci siamo chiesti qual è il lavoro di ricerca e sviluppo che c’è dietro dei ricambi aftermarket venduti da un Brand famoso per i suoi ottimi pneumatici ma che oggi è sempre più specializzato in ricambi auto aftermarket sia per le officine che gli appassionati di fai da te. Ecco cosa abbiamo scoperto.

TERGICRISTALLI AUTO CONTINENTAL: PROGETTATI IN GALLERIA DEL VENTO

Un tergicristallo che non pulisce correttamente, fa rumore e saltella non si può certo dire di qualità o comunque efficiente ed è da sostituire con i consigli di cui parliamo in questo articolo. E visto che molti automobilisti pensano che i tergicristalli siano tutti uguali, il rischio di comprare un prodotto scadente e che metta a rischio la sicurezza di guida è altissimo. In che modo Continental si assicura che i suoi tergicristalli auto siano in grado di resistere al caldo estivo, come al freddo invernale, senza perdere in qualità ed efficacia? La loro durata nel tempo è testata? “I tergicristalli Continental devono superare numerose prove di qualità e resistenza – ci spiega Stefano Tagini – Solo così possiamo garantire che i prodotti rispettino i nostri elevati standard aziendali”.

TEST E CONTROLLO QUALITA’ SUI TERGICRISTALLI AUTO CONTINENTAL 

“I test a cui li sottoponiamo sono vari e grazie a queste prove possiamo garantire ai nostri clienti tergicristalli in grado di assicurare visibilità e sicurezza alla guida”, afferma Tagini. Ecco le prove che i tergicristalli devono superare in cui viene simulata l’usura nell’uso quotidiano:

Test climatico sui tergicristalli a 90 °C per 100 ore e a -30 °C per 5 ore, per testare l’elasticità della gomma;

– Test di resistenza a secco, in cui sono attivati i tergicristalli per 500 mila passaggi senza acqua;

Bagno corrosivo in cui i tergicristalli sono sottoposti a una nebbia salina per 240 ore per testare la reazione dei materiali agli agenti atmosferici o ambientali;

– Test di resistenza all’invecchiamento della gomma per l’esposizione ai raggi UV;

Ma qual è il trucco per evitare il saltellamento dei tergicristalli? “Le spazzole Continental AquaCTRL hanno un supporto più ampio nella zona di aggancio che migliora l’adesione al vetro e un design brevettato dello spoiler (inclinazione e curvatura) sviluppato in galleria del vento fino a 240 km/h – aggiunge Stefano Tagini – che è anche il test di tergenza principale in cui si verificano forma, aderenza e rumorosità dei tergicristalli”.

BATTERIE AUTO CONTINENTAL: PRODUZIONE E CONTROLLO QUALITA’ 

“La produzione di batterie auto Continental si basa su una partnership specifica con un produttore di primo equipaggiamento (OEM), che è il vantaggio principale in termini di qualità delle batterie di ricambio”, afferma Francesco Aresi. Ma non solo, spesso si teme che le batterie prodotte in grossi quantitativi stazionino nei magazzini e arrivino in officina dopo mesi con una carica non ottimale. “Lo stabilimento delle nostre batterie auto lavora quasi on demand – aggiunge Aresi – quindi la batteria arriva sempre fresca al distributore”. Prima di uscire dallo stabilimento come batteria auto di elevata qualità, garantita 2 anni da Continental, “le batterie devono superare tre principali stress test”:

– Test vita utile della batteria;

– Erogazione della corrente di spunto in un test di avviamento a freddo (-25°C);

– Test di scarica totale sotto un assorbimento di 60W, la situazione tipica in cui si dimenticano le luci dell’auto accese;

Solo le batterie auto Continental che hanno superato tutte le prove, sono pronte per essere immesse sul mercato Aftermarket come ricambi auto di qualità premium. Se sei alla ricerca di una nuova batteria auto, leggi come scegliere le migliori batterie in questa guida.

VDO DIVENTA CONTINENTAL: NUOVO MARCHIO DAL 2021

Dall’aftermarket fai da te di tergicristalli e batterie, ai ricambi aftermarket per officine, la gamma di ricambi auto Continental è ben più ampia di quanto si possa pensare, e lo sarà ancora di più nel corso del 2021. Con una strategia sempre più orientata all’offerta di ricambi aftermarket con qualità OE (Original Equipment), i ricambi a marchio VDO stanno diventando a marchio Continental. Una novità che permetterà ai consumatori di riconoscere più facilmente la qualità dei ricambi utilizzati in officina. La novità infatti prevede il cambio di packaging, dal bianco VDO ai colori istituzionali Continental per svariati ricambi (sistemi di alimentazione, attuatori, sensoristica, ecc.) e attrezzature di servizio. Mentre VDO continuerà ad essere il marchio distintivo dei tachigrafi e delle soluzioni di gestione delle flotte.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Test estintore per auto: qual è il migliore?

Continental: test pneumatici più efficienti con il simulatore dal 2022

Test Frenata di emergenza AEB: in retromarcia nessun sistema è perfetto