La manutenzione auto sarà più veloce del 75% con gli occhiali 3D

Negli USA le officine e le concessionarie BMW e Mini useranno gli occhiali 3D e la realtà virtuale per rendere le riparazioni auto più veloci

12 giugno 2019 - 17:53

BMW punta sugli occhiali smart per accelerare la manutenzione auto. Il marchio tedesco ha deciso di migliorare la dotazione tecnologica della sua rete di assistenza e scommette sulla realtà aumentata. Secondo BMW i suoi occhiali intelligenti permetteranno ai tecnici di svolgere mansioni complesse con l’aiuto della rete. Gli occhiali saranno infatti connessi ad internet permettendo di consultare email o effettuare chiamate. Insomma BMW prevede un grande risparmio di tempo a vantaggio della qualità dei suoi servizi. La sperimentazione partirà negli Usa con la fornitura dei nuovi occhiali a 347 officine autorizzate BMW. Coinvolto anche un numero selezionato di officine Mini. Vediamo come la tecnologia cambierà il lavoro del meccanico.

MANUTENZIONE TECH

BMW ha deciso di migliorare i suoi servizi di assistenza aftermaket. Via alla sperimentazione presso tutti i concessionari degli Stati Uniti di una nuova piattaforma digitale. I tecnici officine autorizzate BMW useranno degli occhiali intelligenti a realtà aumentata (AR) chiamati TSARAVision Smart Glasses. Il marchio tedesco prevede che la tecnologia permetterà di semplificare i compiti affidati ai suoi dipendenti. Mentre un tecnico risolve un problema ad veicolo potrà svolgere altre attività in multitasking. Ecco allora un paio di occhiali intelligenti con i quali inviare, ricevere e aprire documenti e visualizzarli grazie alla realtà aumentata. La tecnologia indossabile permetterà ai dipendenti BMW e Mini di lavorare senza l’uso delle mani. Invece di interrompere il lavoro per chiamare o inviare un’e-mail, il tecnico potrà avviare un collegamento video direttamente dagli occhiali.

TUTTO DIGITALE

Gli occhiali connessi permetteranno una facile lettura di schemi e informazioni tecniche sulle auto in assistenza. Con le lenti smart di BMW si potranno eseguire anche screenshot e foto relative alla problematica che si sta risolvendo. In questo modo sarà facile ricevere consigli tecnici e altre istruzioni su come procedere. La tecnologia AR rende infatti possibile visualizzare il mondo reale con l’aggiunta informazioni aggiuntive. BMW ha detto di aver lavorato sui Realwear HMT-1 Smart Glasses e sul software Ubimax Augmented Reality per sviluppare la tecnologia indossabile. BMW vuole rendere i suoi tecnici e quelli Mini diventano sempre più connessi e digitalizzati. In questo modo si potranno tagliare i “tempi morti” a vantaggio di un servizio migliore e più economico per i clienti.

AIUTO CONCRETO

Per velocizzare i suoi centri di assistenza BMW userà anche un nuovo sistema di segnalazione dei guasti. Il sistema digitale di segnalazione promette di essere più veloce del 75% rispetto a quello attuale. Ci sarà anche un hub mobile. La piattaforma, chiamata Technical Information System, metterà ordine nei dati tecnici di ciascun modello BMW e Mini. Si potrà accedere accedere alle informazioni tramite dispositivi mobili permettendo ai meccanici di continuare a lavorare sul veicolo senza l’aiuto di un computer desktop. Insomma l’officina connessa permetterà di accelerare la soluzione dei problemi e di farlo in maniera intelligente. I nuovi occhiali BMW e la piattaforma web arriveranno presso la rete ufficiale durante questo mese. La sperimentazione parte dai 347 centri di assistenza BMW presenti negli Usa. Il coinvolgimento di un numero selezionato di officine a marchio Mini conferma la volontà di BMW di procedere come gruppo allo sviluppo delle tecnologie.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

valvole-elettro-idrauliche-

Valvole elettro-idrauliche: come cambiano i motori senza l’albero a camme

Osram: in arrivo le lampade a LED con filamento omologate e legali

Auto familiari e seggiolini: solo 4 su 18 adatte a 3 bambini nel 2019