Iniettori gas difettosi: cause e soluzioni dopo la sostituzione

Sostituire gli iniettori a gas difettosi non sempre è la soluzione al problema: ecco i difetti più frequenti e come risolverli sulle auto GPL e Metano

28 luglio 2020 - 14:49

Gli iniettori del gas sulle auto ibride benzina-GPL o benzina-Metano, sono tra i componenti che si guastano più facilmente. Gioie e dolori degli automobilisti, le auto a gas richiedono qualche attenzione in più nella manutenzione. Quando ciò non avviene iniziano a presentarsi i primi problemi agli iniettori e si va per la sostituzione. Sostituire gli iniettori però non è sempre la soluzione al problema di un’auto a gas che non funziona bene. In questo approfondimento vedremo cause e soluzioni agli iniettori difettosi.

LE CAUSE PIÙ FREQUENTI DI INIETTORI A GAS DIFETTOSI

I problemi più frequenti su un’auto a gas, che sia metano o GPL, si riconoscono facilmente perché l’auto si comporta in modo “strano”. In genere non serve una diagnosi auto per rendersi conto di uno dei sintomi collegati agli iniettori difettosi o altri componenti vicini:

– Minimo irregolare;

– Motore pigro;

– Spia di avaria motore accesa;

– Funzionamento del motore instabile quando si passa da benzina a gas.

INIETTORI DEL GAS DIFETTOSI: I CONTROLLI DA FARE

Quando si prospetta l’ipotesi che gli iniettori del gas siano sporchi o bloccati, l’idea di rimboccarsi le maniche col fai da te sarebbe da evitare per ovvie ragioni di sicurezza e affidabilità. Tuttavia, poiché i problemi collegati agli iniettori a gas sono spesso subdoli, vi parleremo delle cause e delle soluzioni con l’aiuto di uno dei principali produttori di iniettori per auto a gas. La prima cosa da ricordare è che sostituire gli iniettori a GPL o metano non sempre risolve il problema. Le cause degli iniettori difettosi infatti vanno ricercate in molti altri componenti che concorrono a un corretto funzionamento del motore. Tra quelli maggiormente esposti all’usura:

– Filtro del gas, se sporco o ostruito può danneggiare gli iniettori;

– Cavi candele, se usurati possono provocare dispersioni e mancate accensioni;

Candele sporche o da cambiare;

– Tubi in gomma per GPL e Metano, che con il tempo possono subire microfessurazioni;

– Connettori e cablaggi elettrici, in genere è sufficiente controllarne la continuità e pulirli da umidità e ossidazioni;

– Riduttore, filtro del riduttore ed elettrovalvola, vanno smontati e puliti o sostituiti (il filtro);

– Sonda Lambda, se non funziona correttamente aumentano i consumi e il motore funziona in modo irregolare.

PROBLEMI AGLI INIETTORI DIFETTOSI DEL GAS: LE SOLUZIONI PIÙ COMUNI

Dopo aver fatto un’accurata diagnosi alle possibili cause di malfunzionamento degli iniettori a gas, ed eventualmente tentato una pulizia, non resta che cambiarli. Se l’auto a gas non funziona bene anche dopo la sostituzione degli iniettori, ci sono cause direttamente collegate ai difetti più comuni:

– Minimo irregolare: il problema quasi sempre si risolve con la pulizia della membrana del riduttore;

– Il motore arranca, il minimo è instabile e fa cose strane al passaggio da benzina a gas: ricontrollare l’impianto che genera corrente, dalle bobine alle candele;

– La spia di avaria motore è accesa ma gli altri parametri sono corretti in autodiagnosi: cancellare l’avaria e tentare l’autoapprendimento guidando per un po’. Se serve, effettuare l’allineamento con diagnosi e in casi estremi sostituire la centralina difettosa dell’impianto GPL/Metano.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Olio Compressore Clima Auto: cosa cambia tra le sigle PAG e PAO

Test gomme quattro stagioni 2020

La lubrificazione del motore e lo smaltimento del calore