Dal 2019 la radio sarà digitale: le novità del DAB in arrivo per le auto

Tra meno di un mese, in Norvegia, le radio trasmetteranno esclusivamente su frequenza digitale DAB. Quali vantaggi per le automobili?

15 dicembre 2017 - 13:35

Nella storia dei mass media, la radio ha svolto un ruolo cruciale, unico mezzo a non aver “accusato” l'avvento di internet ma, anzi, in grado di rafforzare la propria presenza e la propria offerta – sapevi che negli anni '30 la radio veniva vista come i moderni smartphone in tema di distrazioni?. Ad oggi questo storico Media, si appresta a fare un importante passo avanti, anni dopo l'arrivo delle reti FM che hanno enormemente ampliato le capacità di trasmissione. Con la radio DAB, non solo avremo una migliore qualità del suono, ma anche una serie di servizi integrati che poco hanno a che vedere con la sola vostra trasmissione radiofonica preferita.

A GENNAIO LO SWITCH OFF IN NORVEGIA In Norvegia è già cominciato il passaggio al “next step” della trasmissione radiofonica, con lo switch off delle trasmissioni analogiche fissate per l'11 gennaio. L'Italia non sta a guardare, e fissa anche lei una data entro la quale cominciare il passaggio alla nuova rete di trasmissione dati. Tempi più lunghi rispetto a quelli proposti nel Paese scandinavo, visto che per ora si parla di giugno 2019. In cosa cambieranno le nostre abitudini “radiofoniche”. Tralasciando il semplice aspetto tecnico, con una maggiore qualità del suono e una migliore ricezione, sono tanti i vantaggi soprattutto per il mondo dell'automotive.

GIÀ DISPONIBILE SULLE AUTO Le Case auto già da tempo si stanno attrezzando per questo passaggio di consegne – come ad esempio sulla Opel Crossland X che abbiamo provato questo mese -, tant'è che in molti già li inseriscono o tra gli optional o tra le dotazioni di serie. Per quanto, questa tecnologia, dovrà essere obbligatoria a breve, sono molte più le Case che la offrono come optional a pagamento di quelle che lo offrono di base sulle proprie vetture. Senza farvi la trafila dei Marchi che lo presentano e chi no, vi basti sapere che molti Marchi premium lo offrono come – salatissimo – optional, mentre altri già dispongono di questa tecnologia di serie sulle proprie vetture, chi di gamma elevata e chi anche sulle più accessibili. Come dicevamo, l'universo auto è quello che, probabilmente, riceverà i maggiori benefici da questo passaggio di consegne tra analogico e digitale, questo perché, con una banda maggiore di trasmissione dati, sarà possibile ricevere molti più dati che esulano dalle sole trasmissioni radiofoniche.  

LA STRANA STRATEGIA DELLE CASE AUTO Partendo dal più semplice aggiornamento dei sistemi di infotainment fino alla ricezione di informazioni sul traffico o di emergenze direttamente dalle autorità competenti, insieme ad un minore consumo di energia. Sono questi, in breve, i grandi vantaggi che il digitale porterebbe alla radio, e allora viene quasi naturale chiedersi: se proprio il mondo delle auto potrebbe essere quello che riceverà i maggiori benefici di questa nuova tecnologia, perché renderlo ancora un “bene per pochi”? E soprattutto, perché in alcuni casi il prezzo dell'optional DAB sale con il salire del prezzo dell'auto? A certe domande ancora non riusciamo a trovare una risposta certa e inconfutabile – forse una delle cause potrebbero essere le possibili distrazioni create dai moderni infotainment? -, certo è che, nel giro di pochi anni, anche i costruttori di auto dovranno adeguarsi alle direttive dei vari Paesi, offrendo la tecnologia DAB di serie sulle proprie vetture.

2 commenti

Marcello
8:42, 16 dicembre 2017

Di recente ho comprato una Vw Golf Tgi ma, per mia scelta, non ci ho voluto la radio DAB! Mi devo pentire? Vorrei sapere se è possibile “aggiungerla” a posteriori integrandola nell'esistente infotainment che comprende già Android Auto e Mirrorlink. Grazie

    megaloma_14236536
    17:05, 27 marzo 2019

    Credo che se la tua auto è android, quindi moderna ,dovrebbe avere l’ingresso anche per il dab che è una semplice scatolina che riceve in digitale e non dovrebbe costare nemmeno tanto.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Come funziona il motore a ciclo Diesel

Infortunio autista privo di adeguata formazione

Sensore Kitas: cos’è e come funziona

Tamburi freno: quando devono essere sostituiti?