Autoriparazione in Italia: in calo per 1 officina su 4 a inizio anno

L’attività di autoriparazione a gennaio 2022 torna a contrarsi, lo testimoniano i professionisti delle officine intervistati dall’Osservatorio Autopromotec

8 marzo 2022 - 12:49

L’attività di autoriparazione in Italia è scandita da periodi altalenanti legati alla stagionalità ma anche all’incertezza economica. Dopo una ripresa positiva a fine 2021, il 25% delle officine testimonia un livello basso di attività. È quanto emerge dal rapporto dell’Osservatorio Autopromotec, la maggiore rassegna internazionale di attrezzature per officina e aftermarket. Il sondaggio rivolto a un campione di autoriparatori prevede che nei prossimi mesi il flusso di auto che andrà in officina sarà stabile, mentre il riscontro di un livello di prezzi alto è bilanciato da un basso livello di prezzi. Ecco i dati dell’analisi.

AUTORIPARAZIONE STABILE, MA IN CALO

La percentuale di autoriparatori che hanno indicato alto il livello di attività a gennaio 2022 è il 14%. Minore degli autoriparatori che invece l’hanno valutato basso, 25%, un bacino di professionisti che testimonia un momento difficile in cui versa la rete di riparatori. E’ stata considerata stabile invece l’attività per il 61% dei professionisti. E’ un inizio fondamentalmente in calo, rispetto ai giudizi registrati a novembre 2021.  I dati citati emergono dal Barometro sul sentiment dell’assistenza auto, elaborato dall’Osservatorio Autopromotec sulla base di inchieste mensili condotte su un campione rappresentativo di officine di autoriparazione.

PREZZI OFFICINA SECONDO GLI AUTORIPARATORI

Oltre ad analizzare l’opinione degli operatori sulle attività di officina, l’Osservatorio Autopromotec ha preso poi in considerazione il livello dei prezzi di officina. Gli operatori che valutano bassi i prezzi, equivalgono quelli che valutano alti i prezzi applicati in officina a gennaio 2022. La quota maggiore è rappresentata dagli autoriparatori che considerano il livello di prezzi normale (78%).

PREVISIONI ATTIVITA’ OFFICINA 2022

Il sondaggio valuta anche quali sono le previsioni degli autoriparatori per i prossimi mesi del 2022. Il 74% degli intervistati (-10% rispetto alla precedente indagine a fine 2021) prevede per l’attività di officina avrà una domanda stabile, con un flusso di auto costante. Anche sulle previsioni ci sono pareri equamente divisi tra chi prevede un aumento e chi un calo (13%). Le previsioni sui prezzi di officina sono prevalentemente orientate alla stabilità. Il 74% degli operatori crede che non ci saranno variazioni, mentre le previsioni di un aumento dei prezzi (19%, +9%) sono prevalenti rispetto a quelle che prevedono un calo (7%, +5%).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Citroën con problema AdBlue: la riparazione costa sino a 1200 €

Volkswagen Jetta con spia olio accesa: come risolvere

Prezzo benzina oggi: quanto costa dopo l’aumento delle accise?