+30% di auto in panne in estate: i rischi del caldo da non sottovalutare

Il TCS lancia l’allerta estiva ai vacanzieri: ecco i rischi da non sottovalutare per evitare il rischio di rimanere in panne con l’auto

26 luglio 2019 - 14:15

Il caldo in estate mette a dura prova chi è abituato alla frescura di casa e ufficio climatizzati. Ma se l’abitacolo può dare refrigerio ai passeggeri in estate, nel vano motore il caldo può creare non pochi problemi, soprattutto alle auto meno recenti. Lo ricorda il Touring Club Svizzero con un primo rapporto sugli interventi di metà estate. Il numero di auto che hanno richiesto soccorso meccanico per panne provocate dal caldo è cresciuto del 30% rispetto alla media giornaliera. Ecco i problemi più frequenti e i rischi invece da non sottovalutare prima della partenza.

LA BATTERIA COL CALDO E’ IL GUASTO PIU’ FREQUENTE

I giorni più caldi hanno impattato significativamente sulle auto meno recenti dalle statistiche operative del soccorso stradale del TCS. Nei giorni più caldi sono stati eseguiti più di 2.000 interventi, oltre il 30% in più rispetto ai giorni normali. Il guasto principale che ha creato più problemi e richieste di intervento è stata la batteria esausta. Statisticamente, secondo il TCS, sono le batterie con oltre 5 anni di vita alle spalle a provocare maggiori panne. E’ per questo motivo che se la batteria della vostra auto ha molti anni o anche se non ricordate quando è stata montata, l’ideale sarebbe farla controllare. Prima della partenza infatti basta un controllo veloce in officina e seguire pochi e semplici consigli come spiega il video qui sotto per farla durare più a lungo.

ACQUA, OLIO E PNEUMATICI

Le panne non meno frequenti derivano anche da problemi di raffreddamento e lubrificazione. In estate infatti le auto cariche di pagagli e passeggeri sono messo sotto sforzo rispetto. Se l’olio non è stato controllato o sostituito di recente assieme al filtro c’è la maggiore probabilità che all’avviamento la spia rossa resti accesa per qualche istante in più. Se lo stesso si verifica anche durante la guida allora il problema si prospetta più serio. Prima di partire è preferibile anche controllare il livello del liquido refrigerante e durante la guida controllare spesso la temperatura del motore. Se il livello del liquido di raffreddamento è basso o se la spia luminosa si accende è meglio fermarsi prima possibile. Non bisogna dimenticare, ovviamente anche un controllo agli pneumatici inclusa quella di scorta.

IL CALDO IN AUTO AFFLIGGE I PASSEGGERI PIU’ DEBOLI

La maggior parte delle persone sottovaluta il fatto che, dopo solo pochi minuti sotto il sole cocente, gli abitacoli diventano estremamente caldi e critici l’uomo e degli animali. Il TCS ha dimostrato, in un test, che le temperature nell’auto salgono già a oltre 50 °C in breve tempo. In 45 minuti, le auto di color scuro possono raggiungere per l’effetto forno oltre gli 80 °C. Pertanto, si raccomanda di non lasciare mai bambini e animali domestici in auto, nemmeno per un veloce acquisto nel supermercato.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Liquido radiatore auto: quando rabboccare o sostituire

Diagnosi auto elettriche

La diagnosi delle auto elettriche: come funziona e cosa cambia?

Batteria auto scarica: 5 consigli per allungarne la durata