Audi A8 2018: pianale ASF costruito con 4 materiali e 14 processi diversi

Audi A8 2018: pianale ASF costruito con 4 materiali e 14 processi diversi Carbonio e magnesio faranno parte della nuova Audi A8

Carbonio e magnesio faranno parte della nuova Audi A8, che aumenta di peso per offrire una sicurezza attiva e passiva migliore possibile

4 Aprile 2017 - 11:04

Ad oggi le nuove auto prodotte devono garantire una serie di parametri e standard nettamente più alti che in passato, come ad esempio la rigidità della scocca in caso di impatto. Tutto questo può tramutarsi in un aggravio di peso complessivo, ma le nuove tecnologie nel campo della lavorazione ed i materiali innovativi possono aiutare a limitare questo fenomeno. La nuova Audi A8 è l'esempio giusto: il corpo vettura è prodotto con 4 diversi materiale e 14 lavorazioni distinte.

PIU' SICUREZZA = PIU' PESO Rispetto alle generazioni di auto precedenti, attualmente i sistemi di sicurezza stanno giocando un ruolo chiave nel mercato automobilistico, ma l'adozione di hardware per farli funzionare significa un aggravio di peso complessivo della vettura. Telecamere, cavi, sensori, schede elettroniche e tutti gli apparati necessari al funzionamento hanno un peso, che deve essere bilanciato dall'utilizzo di materiali più leggeri e tecniche di lavorazione più precise. Nuova Audi A8, nonostante abbia incrementato il peso della struttura di circa 51kg rispetto alla generazione precedente, ha cercato di limitare l'”ingrasso” (leggi quali sono i modelli di Audi previsti per il prossimo futuro).

MATERIALI E TECNOLOGIE La nuova Audi A8 è stata progettata con l'idea di farle superare in modo eccellente i crash test, il che significa una struttura solida e rigida capace di assorbire in modo efficiente gli urti (leggi anche di come Audi abbia confermato la guida autonoma sulla nuova Audi A8). Questa filosofia progettuale ha portato il body in white della A8 a pesare 282 kg complessivamente, aumento limitato grazie all'utilizzo inedito di una combinazione di materiali. Sono il carbonio, l'acciaio, l'alluminio ed il magnesio ad essere chiamati in causa, utilizzati ognuno per produrre componenti diverse e che meglio si confanno allo stress meccanico sopportabile. Il carbonio, ad esempio, è stato usato per la paratia posteriore (leggi di Ford che cercherà di utilizzare largamente il carbonio per contenere i pesi), mentre il magnesio irrigidisce il telaio anteriore. Le lavorazioni permettono di assottigliare le lastre di materiale utilizzato, pur mantenendo o addirittura incrementando valori di resistenza e/o rigidità, quindi di risparmiare peso fino quando e dove è possibile.

OCCHIO ALLE BATTERIE L'aumento di peso della struttura della A8 non è dovuto solo ad un maggiore utilizzo di sistemi di sicurezza o aumento delle dimensioni, altro trend che negli ultimi anni ha preso il sopravvento, ma anche alla necessità di proteggere le batterie al litio. La nuove generazione di Audi A8 è pensata anche per offrire un sistema ibrido completo, le batterie del quale devono essere protette in caso di incidente, quindi necessitano di paratie dedicate (che pesano). Lo stesso Dr Bernd Mlekusch, Capo Ingegnere di progetto del corpo vettura, ha dichiarato che “se aggiungi delle batterie al litio all'auto devi pensare anche a come proteggerle in caso di incidente”.

Commenta con la tua opinione

X