Tesla Model Y: tutto pronto per il debutto

Con un teaser Tesla annuncia la presentazione della nuova Model Y. Il SUV compatto su base Model 3 debutta il 14 marzo

12 marzo 2019 - 16:31

L’attesa sta per finire. Mancano solo due giorni alla presentazione della nuova Tesla Model Y, che è attesa sul mercato per il 2020. Giovedì 14 marzo al Tesla Design Studio in California verrà presentato il nuovo modello della Casa americana, basato sullo stesso telaio della Model 3. Così, in risposta al lancio di tantissimi modelli elettrici nel corso del Salone di Ginevra, Elon Musk risponde con un teaser annunciando la nascita del primo SUV compatto a batteria firmato Tesla.

POCO SI SA E POCO SI VEDE Il teaser pubblicato dalla Casa americana in questi giorni per preparare il terreno all’uscita della nuova Model Y lascia tutti con il fiato sospeso. La foto pubblicata sul profilo ufficiale Twitter di Tesla nasconde quasi tutte le linee della nuova auto, lasciando visibile il disegno dei fari, la parte superiore, gli specchietti retrovisori e la parte superiore del cofano. Dalle poche indiscrezioni uscite, la Model Y dovrebbe essere leggermente più grande della sorella Model 3, ma con un’autonomia inferiore. Un SUV compatto che si pone al di sotto della Model X in termini di dimensioni e prezzo.

DALLA MODEL 3 ALLA MODEL Y Anche se non ci sono molte notizie riguardanti il nuovo modello, le parole del patron di Tesla fanno presupporre che la Model Y si avvicini molto alla meno recente Model 3. Partendo dallo stesso telaio, infatti, il nuovo modello riceverà alcuni dei sistemi presenti in quasi tutte le auto Tesla. Al centro della plancia prenderà posto il classico schermo da 15” con cui l’automobilista potrà controllare diverse funzioni dell’auto come il monitoraggio della velocità ma anche l’impianto multimediale e di navigazione. Di serie, inoltre, sarà inclusa per il primo anno, la Premium Connectivity, con la possibilità di avere mappe satellitari aggiornate in tempo reale e applicazioni come Spotify, da sempre molto attiva nel mondo automotive.

LA SICUREZZA TRA SISTEMI ADAS E GUIDA AUTONOMA Per quanto riguarda la sicurezza, come optional sulla Model 3 è disponibile l’Enhanced Autopilot che, nel traffico, era in grado di far mantenere all’auto la corsia di marcia e la distanza di sicurezza in coda. Questo pacchetto include anche l’aiuto per il parcheggio automatico e il sistema per manovrare la vettura dall’esterno per brevi spostamenti in posteggi più stretti. All’Enhanced Autopilot si aggiungono, in tutti i modelli della Casa americana, diversi altri sistemi come l’Automatic Emergency Braking, il Forward Collision Warning e il Side Collision Warning. Tutti questi dispositivi dovrebbero essere presenti anche sulla Model Y, che non si esclude possa presentare anche qualche tecnologia inedita.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bonus rottamazione auto per TPL: slitta il decreto

4 errori da non fare con bambini fino a 12 anni e cinture di sicurezza

Guida in stato di ebbrezza auto confiscata

Etilometro non revisionato: l’onere della prova spetta all’accusa