La Tesla Model 3 arriva in Italia, le info su prenotazione e consegna

L'auto elettrica più venduta negli USA debutta in Italia, la Tesla Model 3 si può vedere da vicino a Milano: le consegne in prevendita dal 2019

16 novembre 2018 - 21:05

Tesla ha svelato in anteprima italiana la nuova Model 3. Presso il suo showroom in Piazza Gae Aulenti a Milano il brand americano ha presentato la nuova elettrica compatta. La prevendita, partita a marzo 2016, è stata un vero successo con oltre 325.000 clienti che hanno scelto una elettrica come loro prossima auto. Il lancio ufficiale è avvenuto a luglio 2017. L'iniziale ritardo della catena produttiva ha fatto slittare le consegne ed oggi, nonostante la produzione sia finalmente a regiem, si può arrivare ad aspetare dai 12 ai 18 mesi per avere in garage la Model 3. Il concetto alla base dell'auto è semplice; proporre una compatta all'avanguardia e full electric ad un prezzo di ingresso contenuto.

ATTESA FINITA Attesa finita per gli appassionati italiani di Tesla. L'azienda di Elon Musk ha scelto Milano per l'anteprima nazionale della nuova Model 3 (Leggi 5 curiosità che rendono la Model 3 un'auto speciale). Presso lo store della casa a Milano è possibile conoscere la berlina che ha fatto tanto parlare di se in occasione dello scorso Salone del'auto di Parigi. Progettata e costruita come il primo veicolo elettrico al mondo destinato al mercato di massa, è un passo fondamentale nella missione di Tesla che intende accelerare la transizione globale verso la mobilità sostenibile. Come ogni veicolo Tesla, anche Model 3, offre 3 varianti che propongono livelli diversi di autonomia e prestazioni. Al vertice della gamma la powertrain ad alta efficienza con accellerazione da 0 a 100km/h in soli 3,5 secondi. Model 3 è attualmente in produzione presso lo stabilimento Tesla di Fremont, in California, e le consegne sono iniziate nel luglio 2017.

LISTINO E DOTAZIONI Sebbene Tesla non abbia ancora comunicato il listino che applicherà alla Model 3 in Italia ne conosciamo le dotazioni. La gamma parte con una versione “entry level” con un'autonomia dichiarata di 420 km. In questo caso l'accelerazione da 0 a 100 km/h è coperta in 5,6 secondi e si raggiunge una velocità di massima i 201 km/h. A titolo informativo possiamo dire che negli USA è proposta a 41.700 dollari, che equivalgono a poco meno di 40.000 euro. Troviamo a seguire la versione Dual Motor a trazione integrale e dotata di una batteria più performante. In questo caso l'autonomia dichiarata salae a 500 km, con scatto da 0 a 100 km/h in 4,5 secondi ed velocità massima di 233 km/h. Il prezzo negli states è di 48.700 dollari, pari a poco più di 43.000 euro. La gamma Model 3 culmina nella sportivissima terza versione; la Performance dichiara uno 0-100 km/h di 3,3 secondi e tocca i 250 km/h di velocità massima. In questo caso l'autonomia è sempre di 500 km ma il prezzo sale, sempre negli Usa, a 60mia dollari, equivalenti a poco meno di 53.000 euro.

NOVITA' IN ARRIVO La notizia del lancio di Model 3 in Italia arriva a pochi giorni da un'altra che aveva fatto storcere il naso ai clienti del brand. Tesla ha decideso per l'Italia una stretta sull'utilizzo dei suoi Supercharger. Il brand, famoso per le sue auto elettriche, ha deciso che i suoi distributori per la ricarica d'ora in poi, e salvo ripensamenti, non saranno più accessibili gratuitamente per i nuovi clienti. Si tratta di una misura che riguarda che tutte le Tesla Model S, Model X e Model 3 vendute nel nostro paese a partire dallo scorso 2 novembre. I Tesla Supercharger, presenti anche in Italia, sono una infrastruttura molto preziosa, e permettono di caricare completamente la batteria di una Model S in 60 minuti. L'auto è così capace di percorrere 500km (reali) utilizzando solo l'energia delle sue batterie. Le colonnine di ricarica rapida torneranno dunque a essere a pagamento per i nuovi clienti (Leggi i dettagli sulla rimodulazione delle ricariche Tesla).

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Scatola nera: per gli sconti obbligatori mancano da due anni i decreti attuativi

Toyota studia l’interazione della guida autonoma con i pedoni in Europa

Guida autonoma: l’80% dei conducenti non è pronto ad usarla