Strade violente, incrementano le aggressioni ai pubblici ufficiali

Lo dicono i dati forniti dalla Stradale. Sempre più forze dell'ordine subiscono atti di violenza fisica per normali controlli, con il 21,8% in più

28 marzo 2018 - 10:52

Indossare una divisa non sempre salva dalla violenza. O almeno questo è quello che si percepisce leggendo gli ultimi dati forniti da ASAPS, l'Associazione Sostenitori e Amici Polizia Stradale. Sempre più violenze fisiche che riguardano il Corpo dei Carabinieri, Polizia di Stato e Polizia Locale. Tanti aggressori stranieri, o sotto effetto di alcol o sotto effetto di stupefacenti. Dati in continuo aumento rispetto lo scorso anno, e che riguardano episodi registrati durante posti di blocco e/o controlli, escludendo quindi tutto quello che è il lavoro svolto dalle Forze dell'Ordine durante manifestazioni, proteste e altro.

UNA ESCALATION DI VIOLENZA I dati sono relativi al 2017 nel quale, secondo l'osservatorio “Sbirri Pikkiati”, sono state 2.695 le aggressioni nei confronti di poliziotti, carabinieri, agenti di polizia municipale e di operatori di altre forze di polizia. La statistica riguarda i soli casi di posti di blocco o controlli, quindi tutti quelle attività effettuate in strada quotidianamente dalle Forze dell'Ordine, e non interventi speciali, come controllo durante eventi e manifestazioni – forse si dovrebbe fare come in Francia, con l'impiego di droni. Una condizione grave, se vediamo le difficoltà e le criticità che questo lavoro comporta, al quale si aggiunge una dose di imprevedibilità anche durante i controlli più semplici.

DATI IN AUMENTO RISPETTO AL 2016 Un numero in forte aumento. Sono 482, il 21,8%, le aggressioni in più rispetto il 2016 quando ne erano state registrate 2.213. Dati estremamente simili al 2015, quando erano state 2.256, al 2014, con 2.266, e al 2013 2.286. Record positivo nel 2012, quando erano state “solo” 2.290. Per rendere più chiari i “freddi” numeri, queste stime creano un quadro nel quale, in Italia siamo passati in 5 anni da una aggressione ogni 4 ore a uno ogni 3 ore, con conseguenze gravissime anche nel lungo periodo per almeno un agente di polizia spesso invalidanti, dal punto di vista fisico o psicologico – altri dati poco confortanti riguardano l'aumento di vittime della strada tra 2017 e 2018.

CARABINIERI I PIÙ ATTACCATI Non solo la frequenza di queste aggressioni, ma ASAPS offre un'immagine di quali siano le categorie di Forze dell'Ordine più colpite da aggressioni. Nel 46,5% dei casi – 1.252 – sono i Carabinieri a subire violenze, seguono Polizia di Stato con il 37,7% – 1.016 – e Polizia locale con il 10,5% – 283. Preoccupante la crescita di episodi di violenza al nord, che compone il 46% del dato totale con un incremento di quasi il 2% rispetto al 2016. Migliora, ma rimane comunque elevata, la percentuale al centro che compone il 20,6% con 555 aggressioni, mentre aumentano al sud con il 33,4%, 899 episodi di violenza.

SEMPRE PIÙ STRANIERI Elevato il numero di aggressioni da parte di stranieri, sia comunitari che non, con 1.231 episodi, pari al 45,7%, un incremento notevole rispetto al 42,8% del 2016. Informazioni anche riguardo lo stato alterato degli aggressori che nel 26,8% dei casi erano sotto effetto di droghe o ubriachi – sapevi che guidare stanchi è come farlo da ubriachi?. Un quadro tutt'altro che confortante, tanto che, ASAPS lancia un appello all'opinione pubblica e agli organi di governo: “Allora ci ripetiamo fino allo sfinimento. Tutto questo avviene nell'indifferenza pressoché totale dell'opinione pubblica e della stessa politica. Posizione pericolosa e ingenua. Del dilagare della violenza contro le divise sulla strada dovrebbero invece preoccuparsi per primi i cittadini ancor più degli agenti e carabinieri perché dopo l'argine ci sono loro come destinatari e vittime di una violenza sempre più tracotante e ormai di fatto quasi impunita. Fino a quando si potrà continuare in questo modo?”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cassazione riconsegna auto difettosa

Cassazione: riconsegna auto difettosa, va valutata la perdita di valore

Un minorenne può guidare l'auto per stato di necessità

Un minorenne può guidare l’auto per stato di necessità?

Chiamata di emergenza eCall: i sistemi di serie rallentano i soccorsi