Sistemi ADAS poco tollerati: il 30% disabilita l’assistenza alla guida

I sistemi ADAS sono poco tollerati negli USA: ecco le funzioni meno gradite e perché fino al 30% disabilita l’assistenza alla guida sulle auto recenti

26 giugno 2020 - 11:18

I sistemi ADAS sulle auto più recenti permettono di evitare gli incidenti o limitare danni e lesioni a cose e persone. Eppure il 30% dei guidatori di auto con ADAS disabilita l’assistenza alla guida. È quanto emerge da un sondaggio negli USA: in testa ai sistemi ADAS poco tollerati c’è l’Adaptive Cruise Control. Ecco i dettagli e perché i conducenti non amano farsi aiutare al volante dall’elettronica.

SISTEMI ADAS POCO TOLLERATI E SOTTOVALUTATI?

I sistemi ADAS possono ridurre di oltre la metà gli incidenti frontali con lesioni; lo afferma uno studio dell’IIHS sull’utilità dell’FCW (Forward Collision Warning) con AEB (Autonomous Emergency Braking). Peccato che non tutti gli automobilisti negli USA gradiscano l’aiuto dei sistemi di assistenza alla guida. Lo rivela un sondaggio nazionale di una famosa compagnia di assicurazioni su 500 automobilisti oltre 18 anni e proprietari di auto immatricolare dal 2016 in poi. Molti sistemi di ausilio alla guida o alle manovre, progettati per rendere la guida più sicura o confortevole, sono poco tollerati al volante. La percezione degli utenti è un fattore chiave per poter conservare un livello di controllo dell’auto ed evitare senso di inferiorità o frustrazione del conducente, come è stato dimostrato in questo test sui sistemi di monitoraggio dell’attenzione.

QUALI SONO I SISTEMI ADAS MENO TOLLERATI

Evidentemente non sempre l’aiuto dei sistemi ADAS si rivela efficace o opportuno, al punto che almeno 1 automobilista su 3 disabilita uno dei sistemi più importanti per evitare gli incidenti stradali. L’Adaptive Cruise Control è ritenuto insopportabile per il 30%. Il secondo sistema di assistenza che in media risulta più disabilitato è il Lane Keeping Assist (23%), che aiuta a mantenere la traiettoria con frenate e correzioni del volante. Lo stesso per il sistema che avvisa se il conducente si distrae (Driver Attention Monitor, 23%) e poco più del semplice avviso di superamento della corsia (Lane Departure Warning, 21%). Sono questi i sistemi ADAS poco tollerati alla guida dalla maggior parte dei conducenti USA. Clicca sull’immagine qui sotto per vederla a tutta larghezza.

SISTEMI ADAS POCO TOLLERATI: PERCHÉ I CONDUCENTI SPENGONO L’ASSISTENZA

Perché i guidatori disabilitano i sistemi ADAS alla guida? D’altronde sembrerebbe illogico comprare un’auto con il climatizzatore e poi tenerlo spento con 40 gradi all’ombra. Questione di preferenze: il motivo che va per la maggiore è che i puristi del volante vogliono il pieno controllo dell’auto e non avere un’auto che si controlla da sola. Ecco qui sotto i motivi più curiosi sul perché i conducenti disabilitano i sistemi di assistenza ADAS:

– Adaptive Cruise Control: il conducente vuole pieno controllo dell’auto;

– Driver Attention Monitor: falsi allarmi;

– Lane Keeping Assist: “l’auto non deve comandarsi da sola”;

– Lane Departure Warning: non viene definito utile;

– Autonomous Emergency Braking: poca fiducia;

– Forward Collision Warning: falsi allarmi;

– Traffic Sign Recognition: esperienza “brutta” e poco gratificante;

– Retrocamera: poca fiducia;

– Rear Cross Traffic Alert: non viene definito utile;

– Blind Spot Monitoring: il conducente vuole pieno controllo dell’auto.

È probabile che in alcuni casi la scarsa conoscenza della tecnologia sia complice di una condizione d’incomprensione e intolleranza che spinge a disabilitare i sistemi ADAS. Ecco perché è importante, soprattutto quando si guida una nuova auto essere certi di come funzionano tutti i comandi. Prima di “spegnere” i sistemi ADAS bisogna essere consapevoli che si rischia di riportare indietro la sicurezza attiva dell’auto a un livello inferiore, di almeno una decina di anni fa.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pneumatici POR

Pneumatici POR per fuoristrada: cosa sono e norme da rispettare

Autostrade Liguria

Autostrade Liguria: chiusure e strade alternative

Incidenti stradali in Europa: -36% di vittime per l’effetto Coronavirus