Incidenti auto con ADAS: perché la guida autonoma diventa pericolosa

La guida autonoma dovrebbe salvare vite, ma causa incidenti alle auto con ADAS: un’indagine olandese rivela le insidie dei sistemi di sicurezza ADAS

4 dicembre 2019 - 12:37

Gli incidenti di auto con ADAS sono piuttosto frequenti e spesso anche mortali, ma le cause non sono tutte della tecnologia di guida semi-autonoma. I rischi delle auto a guida autonoma emergono da un’indagine della Commissione di sicurezza olandese che ha diffuso uno studio sulla sicurezza stradale e l’automazione nel traffico. Ecco perché oggi avvengono incidenti in auto con ADAS, e in che modo le autorità potrebbero evitarli.

SCARSA INFORMAZIONE SULLE AUTO CON ADAS COINVOLTE IN INCIDENTI

Oggi le auto sono diventate spaventosamente tecnologiche e apparentemente “facili”, come uno smartphone. E forse proprio questa eccessiva propensione a vederle come un gadget hi-tech spinge gli automobilisti a sorvolare sullo studio preliminare di come funzionano i sistemi ADAS che ha l’auto. Sono le conclusioni preliminari di uno studio sugli incidenti reali delle auto con ADAS e sistemi di guida semi-autonoma. Tra i fattori chiave di rischio negli incidenti auto con ADAS l’uomo rappresenta quello più prominente. Sovrastima, incomprensione e uso improprio dei sistemi ADAS sono le cause principali che andrebbero arginate con maggiore impegno dei Costruttori.

L’UOMO FATTORE CHIAVE DEGLI INCIDENTI AUTO CON ADAS

Abbiamo più volte parlato del disimpegno del conducente come fattore di rischio, e l’indagine olandese ci dà ragione. Si tratta del momento in cui il conducente affida il controllo di volante e acceleratore all’elettronica. Una fase critica in cui spesso avvengono incidenti auto con ADAS. Il periodo in cui il conducente non guida attivamente crea una certa latenza nel guidatore che spesso non è capace di riprendere il controllo se l’auto gli restituisce i comandi.

L’ACEA PROPONE LE REGOLE PER LA GUIDA AUTONOMA

I sistemi ADAS a guida autonoma possono essere attivati ​​in situazioni che non sono in grado di gestire. Una responsabilità che coinvolge il Costruttore per l’arbitrarietà che concede all’utilizzatore, ma anche al conducente che magari non è neppure a conoscenza dei limiti della tecnologia ADAS. “Abbiamo bisogno di molta più supervisione riguardo al modo in cui questi sistemi sono regolati. Ha dichiarato Antonio Avenoso, Direttore ETSC – “La nuova Commissione europea dovrebbe esaminare con urgenza il modo in cui questi sistemi sono approvati”. L’ACEA (Associazione europea dei produttori di automobili) ha risposto all’appello pubblicando una tabella di marcia (clicca sull’immagine sopra per vederla a tutta larghezza) per i legislatori sui veicoli automatizzati. Con l’insediamento della nuova Commissione europea e del nuovo Parlamento europeo l’ACEA intende impegnarsi ulteriormente nella transizione alla guida automatizzata.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

SicurAUTO.it vi augura buone vacanze: ci rivediamo il 24 agosto

Daimler: “multa” da 3 miliardi di dollari per le emissioni diesel

Acquisto auto usata online truffe

I 10 SUV usati più venduti ad agosto 2020 fino a 10 mila euro