Bambini a rischio sugli scuolabus: la tecnologia V2X potrebbe salvarli

120 persone muoiono ogni anno negli USA mentre salgono o scendono dallo scuolabus: Audi sperimenta un sistema per la sicurezza dei bambini

30 ottobre 2020 - 15:00

La sicurezza dei bambini sugli scuolabus è al centro della sperimentazione Audi basata sulla tecnologia Vehicle to everything, abbreviata V2X. I bambini investiti mentre attraversano le strisce dopo essere scesi dagli scuolabus sono uno dei rischi maggiori nelle zone scolastiche e nei centri urbani. Ecco di cosa si tratta.

V2X PER LA SICUREZZA DEI BAMBINI CHE VANNO A SCUOLA

Audi sta sviluppando assieme ad altri partner un sistema integrato di connettività per proteggere i bambini che vanno a scuola da soli. La tecnologia V2X, ha la funzione di avvisare i conducenti delle auto connesse quando percorrono zone scolastiche. Ma non solo, il sistema avrebbe lo stesso scopo di avvertire il conducente se stanno sopraggiungendo mezzi di soccorso in emergenza, ma al contrario. Sarebbe infatti l’auto ad avvicinarsi a uno scuolabus più lento o durante le manovre di salita e discesa degli studenti. Secondo i dati della National Transport Safety Board, ogni anno muoiono oltre 120 persone a causa di incidenti che coinvolgono il trasporto scolastico. I numeri diventano ancora più critici se si pensa che oltre il 60% delle vittime sono pedoni.

UN’AUDI E-TRON SPECIALE E CONNESSA

Il progetto Audi per la sicurezza dei bambini sugli scuolabus è coordinato con altre due società, Applied Information e Temple. Insieme hanno sviluppato il sistema connesso che equipaggia un’Audi e-tron sperimentale in fase di test presso l’Infrastructure Automotive Technology Laboratory negli USA. Il progetto che dovrebbe essere completato entro la prima metà del 2021 è valutato su un vero terreno che riproduce condizioni di guida reali. L’iATL, infatti, è stato sviluppato proprio per offrire alle Case costruttrici la possibilità di testare e sviluppare la tecnologia V2X. Non a caso, il laboratorio di prova per le auto connesse è autorizzato ad utilizzare la connettività V2X su 75 miglia quadrate in tutta l’area di test che non è ancora impiegata sulle strade pubbliche.

PERCHE’ UN SISTEMA CHE PROTEGGE I BAMBINI SUGLI SCUOLABUS?

Alcuni studi dell’Agenzia Nazionale per la sicurezza dei Trasporti rivelano che le violazioni del segnale di arresto degli scuolabus continuano a essere uno dei maggiori pericoli per i bambini che vanno a scuola. Invece di rispettare lo stop e incolonnarsi allo scuolabus che accende le luci lampeggianti di segnalazione, i conducenti accelerano o non si fermano in coda. Il rischio maggiore è per i bambini che attraversano dalla parte anteriore dello scuolabus e vengono travolti dalle auto. Per maggiori curiosità e consigli da dare ai vostri figli leggete anche le linee guida anti Covid e gli errori da non fare.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pedoni in stato di ebbrezza: il 27% viene ucciso mentre cammina in strada

Guidare drogati e poi ubriachi

Guidare drogati e poi ubriachi: per la Cassazione non c’è recidiva

Autostrade Tech: la svolta tecnologica farà guadagnare più dei pedaggi?