Assistenza alla guida attiva: solo il 26% degli automobilisti la usa

1 su 3 si informa da solo sulla guida autonoma, ma la maggioranza è ancora confusa sui sistemi di assistenza avanzata alla guida

6 ottobre 2022 - 15:00

Secondo lo studio JD Power US Mobility Confidence Index 2022 solo il 26% degli automobilisti intervistati utilizza le funzioni di assistenza attiva alla guida. Ma quando si parla di guida autonoma, la consapevolezza degli utenti appare molto spaccata.

GUIDA AUTONOMA, GLI AUTOMOBILISTI IGNORANO LE DIFFERENZE

L’indagine di JD Power sulla conoscenza dei sistemi di mobilità innovativi ha mostrato che c’è un’enorme disparità tra gli automobilisti sulle tecnologie di assistenza alla guida. Un dato non nuovo che i Costruttori non sembrano riuscire a ridimensionare, mentre il livello di automatizzazione della guida approvata sulle strade pubbliche è al SAE 3 con Mercedes Benz. Dal sondaggio di JD Power a 4 mila automobilisti USA da 18 anni in su, è emerso che i consumatori fanno fatica a comprendere, ad esempio, le sigle e le differenze tra i livelli SAE da 0 a 5. Questo comporta direttamente la convinzione nel 56% degli intervistati che le tecnologie di guida attualmente in uso siano le stesse dei sistemi di guida autonoma completamente automatizzati.

MAGGIORE CHIAREZZA DALLE CASE AUTO SULLA GUIDA AUTONOMA

“Le parti interessate del settore automotive devono lavorare insieme per garantire messaggi chiari e coerenti ai consumatori, afferma Lisa Boor, senior manager benchmarking e sviluppo della mobilità presso JD Power. “Capire quali parole e frasi usare con i consumatori può aiutare a gestire le idee sbagliate e migliorare la comprensione dei veicoli automatizzati”. Oltre 1 consumatore su 3 (il 37%) si informa spontaneamente sulle tecnologie di assistenza avanzata alla guida e lo fa prevalentemente attraverso questi canali:

– ricerche online, 54%;

– video online, 45%

– siti web di Case automobilistiche, 39%.

GUIDA AUTONOMA COME SOLUZIONE AL TRASPORTO MERCI

La conoscenza delle tecnologie di assistenza avanzata alla guida è stata rilevata attraverso domande mirate che fanno emergere come la guida autonoma sia ancora vista come una soluzione al trasporto di merci o di persone non in grado di guidare (39%). Ecco i punti chiave del sondaggio che sono emersi:

– più della metà (55%) è disposto a fare un corso di formazione per utilizzare la guida autonoma;

– solo il 26% dichiara di utilizzare l’assistenza alla guida attiva;

– il 41% afferma che si sentirebbe ugualmente a suo agio in un’auto a guida autonoma senza comandi;

– il 76% vorrebbe maggiori informazioni su come la tecnologia di guida autonoma rispetta gli standard governativi

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori