SicurAUTO.it all'EcoRally 2014, la nostra gara

SicurAUTO.it ha partecipato al 9° EcoRally San Marino - Città del Vaticano, gara di regolarità destinata a veicoli alimentati da energie alternative

12 maggio 2014 - 7:00

Come vi avevamo anticipato nei giorni scorsi, quest'anno SicurAUTO.it ha partecipato alla nona edizione dell'EcoRally San Marino – Città del Vaticano, con un equipaggio misto. La gara di regolarità destinata ai veicoli spinti da energie alternative ci ha visto in corsa con una Toyota Auris TS Hybrid, gareggiando per la categoria Veicoli Ibridi. Il nostro equipaggio ha partecipato anche all'EcoRally Press Trofeo Nello Rosi, una classifica speciale riservata ai soli addetti della stampa.

GARA DI REGOLARITA' – I due giorni di gara ci hanno fatto percorrere 520 km in quattro sezioni, superare 23 pressostati per la rilevazione dei tempi durante la gara, con una precisione al centesimo di secondo. 4 le prove segrete a velocità media. Naturalmente ci siamo dovuti affidare solamente al road book che ci ha fornito la direzione gara per seguire il percorso, senza l'ausilio di navigatori satellitari. Importante anche l'utilizzo del cronometro per rispettare i tempi imposti dalla direzione gara nei vari passaggi e fortunatamente durante la notte abbiamo trovato un'applicazione per lo smartphone che tiene la velocità media, utilissima nelle prove segrete.

PRONTI? VIA! – Ore 9,01: parte la prima auto e a un minuto di distanza tutte le altre. Nel giro di 10 km già abbiamo incontrato ben 4 pressostati in zona San Marino, a seguire altri 10 km per raggiungere i pressostati di San Leo, in provincia di Rimini. Circa 45 minuti di guida sono stati necessari per raggiungere Badia Tedalda (AR), superare il controllo e entrare nel primo tratto di prova segreta. Subito dopo abbiamo incontrato gli ultimi due pressostati a Caprese Michelangelo (AR) con trasferimento in piazza Grande ad Arezzo, per la prima sosta dopo 4 ore di guida. Ripartiti da Arezzo raggiungiamo Monterchi (AR) per altri due pressostati, seguiti da una prova segreta a velocità media. Attraverso un tratto di strada sterrata nelle campagne della provincia di Perugia, dopo circa due ore e mezza, raggiungiamo l'impianto di produzione di Bio Metano che ospita l'ultima prova con i pressostati di questa sezione. Il gruppo si ricompatta per una sosta a Torgiano (PG) all'agriturismo La Montagnola. Ultima sezione da due ore di guida con un controllo al pressostato a Marsciano (PG), una prova segreta a velocità media e l'ultimo pressostato della giornata a Baschi (TR).  Il pernottamento e la partenza della giornata successiva sono state previste all'hotel Umbria di Attigliano (TR). Domenica mattina, ore 8,31 la partenza del primo equipaggio verso una prova segreta di velocità media, tre pressostati in zona Nepi (VT) e l'arrivo in parata in viale della Conciliazione davanti a piazza San Pietro in Vaticano.

LA NOSTRA GARA – La Toyota Auris TS Hybrid con il numero 31 è giunta al traguardo con a bordo Luca Comandini per SicurAUTO.it che si è alternato alla guida/navigazione con Alessandro Ferri di Motori 360. Dopo l'esperienza dello scorso anno, l'equipaggiamento per il navigatore era abbastanza completo, con cronometro e una migliore organizzazione delle informazioni del road book sparse nell'abitacolo. La nostra gara parte subito nel migliore dei modi, sbagliando di soli 2 centesimi di secondo il primo pressostato di controllo. Solamente un controllo è andato oltre al secondo di scarto (quello di Monterchi), nonostante la difficoltà che trovavamo ad avanzare di precisione con il sistema ibrido della nostra auto, senza frizione e classico cambio. Una piccola distrazione prima della prima prova segreta ci ha fatto perdere 5 minuti al pressostato di Caprese Michelangelo (e 600 punti di penalità) e ci ha costretti a una corsa contro il tempo per recuperare il ritardo all'ingresso di piazza Grande ad Arezzo. Buone le altre prove restanti negli altri due giorni, con solamente un errore del navigatore nell'ultimo pressostato di Nepi, dove non è stato letto correttamente il tempo di attraversamento (6 secondi anziché 12), quindi altri 300 punti di penalità. Avendo raccolto 2183 punti di penalità l'equipaggio ha raggiunto il 14° posto assoluto, e il gradino più basso del podio per la categoria Veicoli Ibridi. Degna di nota la rilassatezza di guida che ha offerto la nostra Toyota Auris Hybrid, tuttavia, l'abbiamo trovata un po' inadeguata al di fuori dell'ambito urbano o strada statale a causa dello strano (ma normale) comportamento del sistema ibrido in salita. Tuttavia i consumi sono stati più che buoni durante il tragitto e anche le prestazioni non erano disprezzabili.

LE CLASSIFICHE – Dopo l'arrivo a Città del Vaticano, dove siamo stati raggiunti anche da un IVECO Stralis alimentato a metano della flotta di TNT, abbiamo raggiunto l'autodromo di Vallelunga per le premiazioni. Su Fiat Multipla a metano ha vinto il 9° EcoRally l'equipaggio Zanassi – Scalora mentre perr l'EcoRally Press ha dominato la coppia Ventura – Porta di Ecomotori.net su Abarth 500 a metano.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Incentivi auto, l’UE critica gli USA: “il nuovo piano è discriminatorio”

Test drive auto nuova: con i brand di EV sono fondamentali

Previsioni Traffico 12, 13, 14 e 15 agosto 2022: bollino nero