Seat Leon ST, la famiglia si completa

Dopo la 5 porte e la coupé arriva la Leon Station Wagon

24 luglio 2013 - 0:00

Dopo la hatchback a 5 porte e la coupé a 3 porte, la famiglia della Seat Leon si completa con la versione station wagon. La Seat Leon ST (Sport Tourer) unisce il design dinamico e le caratteristiche sportive delle sue sorelle a un'elevata sfruttabilità dimostrando che sportività e praticità quotidiana non devono necessariamente escludersi a vicenda. Il design esterno conserva il linguaggio stilistico emozionale della Casa, mantenendo la massima qualità in termini di materiali e lavorazioni.  

EFFICIENTE E DINAMICA – Come le precedenti versioni della Leon, la sport coupé e la cinque porte, anche la nuova versione ST è  maneggevolezza e sfoggia un'ottima dinamica di guida. Oltre al design sportivo e al dinamismo, in fase di progettazione e sviluppo della Leon ST, l'efficienza è sempre stata tra le priorità. I miglioramenti dei consumi, comunque, sono anche frutto dell'alleggerimento del telaio. Nella versione base, la Leon ST pesa solo 1.233 chilogrammi, appena 45 chili in più rispetto alla Leon cinque porte, diventando così la station wagon più leggera della categoria.  La versione FR ha di serie la regolazione adattiva dell'assetto (DCC), con cui il guidatore può scegliere il SEAT Drive Profile in tre modalità di guida diverse: Eco, Sport E Individual. 

MOTORI – Il 1.2 TSI è disponibile in due versioni: 86 CV e 105 CV con consumi di 4,9 L/ 100 km (CO2: 114 g/km). Il 1.4 TSI, nelle versioni da 122 CV e 140 CV, è un propulsore all'avanguardia, con consumi di 5,3 L/100 km. La motorizzazione top della gamma benzina è il 1.8 TSI 180 CV e 250 Nm della versione FR. L'ampia gamma di motori TDI va dal 1.6 TDI 90 CV con una coppia di 230 Nm al Il 2.0 TDI da 150 CV e 320 Nm. Il propulsore più potente è il 2.0 TDI 184 CV e 380 Nm di coppia, disponibile solo in versione FR, che consuma 4,3 L/100 km.

SPAZIO E CARICO A BORDO – Il bagagliaio offre una versatilità  e funzionalità, con un volume di carico di 587 litri, che può arrivare a 1.470 abbattendo gli schienali dei sedili posteriori.  Gli schienali dei sedili posteriori sono facili da abbattere dal vano bagagli, mentre il doppio pianale garantisce ordine e facilità di carico e scarico. Inoltre, lo schienale del sedile anteriore lato passeggero può essere abbattuto, in modo tale da sistemare al meglio gli oggetti particolarmente lunghi. Il posteriore è stato allungato di 27 centimetri, tutti a favore del vano bagagli.

ASSISTENZA ALLA GUIDA – Tra i sistemi di assistenza alla guida, troviamo l'adaptive cruise control (ACC), che funziona mediante un radar di prossimità, mantiene la velocità specificata e la distanza preimpostata rispetto al veicolo che precede, accelerando e decelerando automaticamente in base al flusso del traffico. È possibile impostare la velocità in un range che va da 30 a 160 km/h. Inoltre, c'è l'innovativo sistema di frenata anti-collisione multipla, di serie già dalla versione Reference; poi sono disponibili il sistema di rilevamento della stanchezza, il sistema di mantenimento della corsia e il sistema di assistenza all'uso degli abbaglianti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)