Renault-Nissan, fusione e poi caccia a FCA?

L'asse Renault-Nissan pronto al grande passo: entro un anno un'azienda sola pronta ad acquisirne altre. Forse, anche FCA

27 marzo 2019 - 17:32

L’alleanza tra Renault e Nissan che dura ormai da circa 20 anni e che di recente ha accolto anche Mitsubishi, potrebbe trasformarsi in una vera e propria fusione. Secondo un’indiscrezione comparsa sul Financial Times, la Casa francese starebbe rivalutando l’ipotesi, precedentemente accantonata, di una fusione completa con Nissan da realizzare con l’obiettivo di diventare il primo polo automobilistico al mondo anche tramite altre acquisizioni.

I RAPPORTI INTERNI

L’accordo originario risale al 1999. In un periodo di crisi finanziaria per Nissan Motor, il colosso francese ne aveva acquistato una parte mettendo a capo della neonata alleanza Carlos Ghosn, con l’obiettivo di riorganizzare la struttura dell’azienda e creare sinergie e progetti condivisi dalle due aziende. Con il recente ingresso di Mitsubishi Motors nell’alleanza, il gruppo franco-giapponese è riuscito a raggiungere una posizione di vertice nel mercato mondiale dell’auto, raggiungendo nel primo semestre 2017 il primato per volumi produttivi davanti a colossi del calibro di Volkswagen e Toyota.

LE NUOVE STRATEGIE DI RENAULT

Dopo l’arresto di Carlos Ghosn, avvenuto a Tokyo lo scorso novembre a seguito delle accuse per reati fiscali, l’atteggiamento di Renault sembra essere cambiato. L’arrivo del nuovo amministratore delegato Jean-Dominique Senard  e il nuovo comitato esecutivo sembrano aver migliorato ancora i rapporti fra le due Case al punto che la fusione, prima sempre esclusa, ora potrebbe diventare finalmente realtà. Renault punta forte in quella direzione e sta cercando di riattivare la trattativa per arrivare a definire l’operazione entro 12 mesi. Sarebbe soltanto l’inizio perché una volta conclusa la trattativa con la Casa giapponese pare ci sia in programma di tentare di instaurarne almeno un’altra per l’acquisizione di un ulteriore produttore automobilistico in modo da aumentare il proprio business e consolidare l’egemonia.

FCA NEL MIRINO? 

Sempre secondo quanto riportato dal Financial Times, il nome caldo sarebbe quello del gruppo FCA, guidato da John Elkann. E’ risaputo che la Casa italo-americana, da qualche anno a questa parte, si sia mossa alla ricerca di nuovi partner per crescere e rafforzare la propria importanza sul mercato, instaurando dialoghi con vari gruppi tra cui PSA, anche se per ora senza esito. Per questo motivo non è da escludere che i primi originali contatti intercorsi tra Ghosn e i vertici di FCA possano essere ripresi portando ad una possibile nuova alleanza o addirittura all’acquisizione del gruppo italo-americano. A rigore, non sarebbe da escludersi nemmeno l’ipotesi di un maggiore coinvolgimento con il Gruppo Daimler, con il quale è in atto da una decina di anni un’intensa collaborazione tecnica.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toyota: le auto elettriche in arrivo ma con il supporto della Cina

Vienna: pedone investito da un veicolo a guida autonoma

Incidenti stradali: in Italia +7% di vittime nel 2019