Ponte 1 novembre 2017: prezzi di benzina e diesel alle stelle

Un pieno di benzina e diesel costerà fino a 7,5 euro in più, con il Ponte dei Ognissanti il Codacons lancia l'allerta sulla spesa degli italiani

31 ottobre 2017 - 11:54

Puntualmente prima di ogni festività arrivano i rincari di carburante. È stato il Codacons, con una sua nota ad avvertire gli automobilisti sulla prossima crescita dei prezzi del carburante in vista del prossimo Ponte dei Ognissanti. Crescite sensibili sia per la benzina che per il diesel, ulteriori rincari che arrivano dopo un mese che ha visto il prezzo dei carburanti crescere in modo costante. Come affrontare il prossimo ponte per chi ha già deciso di partire con la propria auto? Ecco i nostri consigli.

80 MILIONI DI EURO IN RINCARI Una di quelle tradizioni delle quali si potrebbe fare tranquillamente a meno. Ormai è consuetudine, per le compagnie petrolifere, alzare i prezzi del carburante vicino alle festività sfruttando le tante auto che si muoveranno su tutta la rete stradale ed autostradale. Ed ecco che già abbiamo qualche dato per quanto riguarda il Ponte dei Ognissanti: un pieno costerà circa 7,5 euro in più, sia per quanto riguarda la benzina che per il diesel. Spesa complessiva di circa 80 milioni di euro solo per i rincari.

RITOCCHI RECORD NELL'ULTIMO MESE La denuncia arriva direttamente dal Codacons, con rincari sui costi sia della benzina che del diesel. Rincari che arrivano dopo una crescita costante dell'ultimo mese, come spiegato dall'associazione: “I listini di benzina e gasolio sono interessati in questi giorni da sensibili e velocissimi aumenti con effetti negativi per le tasche dei consumatori, basti pensare che in un solo mese la benzina ha subito un ritocco alla pompa del +5,5%, mentre nello stesso periodo i prezzi del gasolio si sono impennati del +7%. Incrementi che avranno effetti diretti sugli italiani che decideranno di spostarsi in auto in occasione del ponte dell'1 novembre”.

ITALIA PAESE PIÙ CARO Come se non bastasse l'Italia è già il Paese che paga più di tutti in Europa la benzina – qui il nostro approfondimento – e questo ulteriore innalzamento dei prezzi diventerebbe l'ennesima stangata per i cittadini italiani. In che ordine aumenterà la spesa per gli italiani? “Una stangata complessiva da oltre 80 milioni di euro solo per i rincari dei listini di benzina e gasolio”. Come affrontare questi rincari? Qualora siate obbligati a muovervi in auto ricordate sempre il grande vantaggio offerto dal self service rispetto al servito – qui le nostre regole per superare la “paura” da self service – , oppure la validità delle così dette “pompe bianche” – qui il nostro approfondimento – limitando a casi di estrema necessità il rifornimento direttamente in autostrada, magari affidandosi ai distributori all'interno delle città prima della partenza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cupra Born elettrica al top nelle prove di Green NCAP

Sciopero 10 ottobre 2022

Sciopero 10 ottobre 2022 trasporto pubblico: orari e fasce garantite

Giovani al volante: perché non rispettano le regole?