Pressione gomme auto: come cambia quando fa caldo

Le gomme troppo gonfie sono pericolose quanto quelle sgonfie: perché cambia la pressione gomme con il caldo e quando si può aumentare senza rischi

15 aprile 2021 - 15:00

La corretta pressione gomme auto è importante sia quando fa freddo sia quando fa caldo, poiché la temperatura è la causa diretta delle variazioni di pressione negli pneumatici. Controllare la pressione degli pneumatici ai cambi di stagione è fondamentale, tanto quanto passare dagli abiti invernali a quelli estivi e viceversa. Perché in primavera e quando fa caldo cambia anche la pressione delle gomme? Ecco le risposte e come regolarsi.

COSA SUCCEDE ALLA PRESSIONE GOMME AUTO IN ESTATE

La pressione delle gomme auto come per gli altri veicoli, è molto influenzata dalla temperatura. Ecco perché la pressione gomme in inverno sarà sempre diversa dalla pressione gomme in estate (tra i cambi di stagione e temperatura). Proprio come in inverno la pressione delle gomme diminuisce, in primavera e in estate, la pressione gomme aumenta rispetto alla pressione di gonfiaggio precedente. La causa è l’aumento di volume dell’aria riscaldata. Cosa significa? Vuol dire che l’innalzamento improvviso della temperatura tipica della primavera avrà un effetto anche sulla pressione delle gomme che risulterà più alta di quella consigliata dal Costruttore sul manuale dell’auto. In pratica l’effetto opposto che in inverno abbassa la pressione al di sotto del valore corretto (se il controllo è effettuato in un ambiente più caldo della temperatura esterna).

GLI EFFETTI DI UNA PRESSIONE GOMME AUTO ECCESSIVA

Esattamente come per la pressione gomme più bassa, con il sovragonfiaggio provocato dal caldo o da un controllo errato – come spiega anche Michelin – si verificano usura irregolare (prevalente al centro), aderenza degli pneumatici ridotta e un feeling di guida non piacevole. Ed è anche questo il motivo per cui i Costruttori auto consigliano diversi valori per la pressione delle gomme auto:

– la pressione gomme standard, è generalmente consigliata per massimizzare il comfort di guida;

– la pressione degli pneumatici a pieno carico, in caso di trasporto bagagli e passeggeri;

– la pressione gomme massima consigliata per massimizzare l’efficienza e ridurre il consumo di carburante;

Ad esempio, la pressione gomme della Fiat Panda standard per ruote anteriori – posteriori è 2,2 – 2,1 bar, che a pieno carico diventano 2,5 bar.  Oppure 2,8 bar è la pressione massima consigliata che mette il risparmio davanti al comfort. Il ruotino invece va gonfiato a 2,6 bar. Oltre queste pressioni si rischia di compromettere seriamente la stabilità di guida e il comfort di marcia (gli pneumatici contribuiscono a filtrare le irregolarità dell’asfalto se non sono eccessivamente gonfi). Chiaramente ogni auto ha le sue prescrizioni, quindi verificate i valori consigliati sul manuale.

COME CONTROLLARE LA PRESSIONE GOMME IN PRIMAVERA E IN ESTATE

Se vi siete resi conto che la pressione degli pneumatici è eccessiva, l’errore da evitare è sicuramente quello di sgonfiare le gomme calde, per correggere la pressione. Meglio farlo quando le gomme si sono raffreddate, per evitare di mettere una toppa peggiore del buco. In generale per controllare la pressione gomme nel modo corretto con il caldo, valgono poche e semplici regole:

– Gli pneumatici devono essere freddi prima di controllare la pressione. Vuol dire fermi da almeno 2 ore e all’ombra o dopo aver guidato meno di 3 km a bassa velocità;

In casi di emergenza, puoi regolare la pressione a caldo aggiungendo 0,3 bar al valore di pressione a freddo consigliata dal Costruttore auto. Non bisogna farne un’abitudine e comunque si deve ricontrollare la pressione gomme quando sono fredde;

Gonfiare le gomme con azoto non solleva dai controlli frequenti. Come spiega questo video infatti l’azoto nelle gomme limita il problema dello sgonfiaggio ma non lo risolve del tutto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Limite neopatentati

Limite neopatentati in autostrada: regole e sanzioni

Isofix auto: cos’è e come funziona

Segnaletica orizzontale

Segnaletica orizzontale: significato delle strisce e delle scritte