Nvidia accusata di plagio: il sistema Mobileye che prevede gli automobilisti

Mobileye accusa apertamente di plagio Nvidia. Secondo Mobilieye, Nvidia ha sfacciatamente copiato il suo software di sicurezza per la guida autonoma.

26 marzo 2019 - 17:38

Mentre il mercato dell’auto si muove verso la guida autonoma scoppia un caso. Il colosso Mobileye accusa apertamente di plagio Nvidia. Secondo Mobilieye Nvidia ha sfacciatamente copiato il suo software la guida autonoma RSS. Ad intervenire sul caso con un post pubblico è il co-fondatore e Ceo di Mobileye Amnon Shashua. Dal testo si legge la denuncia delle presunte violazioni del copyright compiute da Nvida. Quest’ultima avrebbe realizzato il suo protocollo “Safety Force Field“sulla base delle tecnologie di guida autonoma sviluppate da Mobileye. Vediamo tutti i dettagli del caso che rischia di finire in tribunale.

COMPETIZIONE SERRATA

Lo sviluppo di sistemi hardware e software per le auto a guida autonoma è in pieno boom. È normale che aziende diverse possano arrivare indipendentemente a metodi o risultati simili. Eppure le somiglianze di una recente tecnologia sviluppata da Nvidia con la piattaforma presentata da Mobileye nel 2017 sono sembrate troppe. Ad intervenire è il Ceo del colosso Mobileye, Amnon Shashua. In un post sul blog della casa madre Intel, non usa mezze parole. La denuncia è intitolata “L’innovazione richiede originalità” e accusa il sistema “Safety Force Field”di Nvidia di essere una copia del “Responsibility Sensitive Safety” elaborato da Mobileye negli anni scorsi (Leggi Toyota punta su Nvidia per la guida autonoma). Insomma il sistema di sicurezza Nvidia per la guida autonoma non sarebbe “primo del suo genere” ma una versione inferiore dell’RSS di Mobileye.

QUESTIONE DI COPYRIGHT

I dubbi in casa Mobileye sono nati dopo che lo scorso anno l’azienda automotive di casa Intel aveva pubblicato i suoi studi sulla guida autonoma. Lo scopo era quello di invitare le case automobilistiche a collaborare per la sicurezza delle auto a guida autonoma. Secondo il colosso Mobileye la pubblicazione delle sue ricerche su RSS, avrebbe spinto Nvidia ad appropriarsene (Leggi guida autonoma il 71% dei driver americani è preoccupato). Ecco allora che, un anno dopo, Nvidia propone un sistema che sembrerebbe davvero molto simile. Alla base di entrambi i sistemi di sicurezza per auto a guida autonoma c’è un algoritmo che calcola una serie di azioni standard corrispondenti a comportamenti umani. In questo modo il sistema pianifica manovre sicure basate sui parametri fisici propri dell’auto. Il tutto anche considerando oggetti e auto vicine.

PROFILI TECNICI

L’RSS di Mobileye traccia una distanza longitudinale e una laterale attorno al veicolo. Queste sono distanze di sicurezza che, se compromesse, indicano che il veicolo si trova in una situazione pericolosa. Ecco allora che l’auto deve eseguire una manovra di risposta. Dal canto suo l’SFF di Nvidia sembra che adotti concetti identici con una terminologia leggermente modificata. Insomma secondo il Ceo di Mobileye la rivale tech starebbe giocando sporco con dei piccoli trucchi linguistici. Al post di critica è anche allegato un intero documento Pdf che mostra dozzine di presunte violazioni del copyright. Insomma la sensazione è che la polemica non finisca certo qui. Nel pieno della corsa verso la guida autonoma i colossi tecnologici non voglio perdere l’occasione di vendere i loro prodotti alle case automobilistiche.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Scatola nera: per gli sconti obbligatori mancano da due anni i decreti attuativi

Toyota studia l’interazione della guida autonoma con i pedoni in Europa

Guida autonoma: l’80% dei conducenti non è pronto ad usarla