Nuova Hyundai Kona 1.0 120 CV: prova su strada

Un look inedito, allegro e cittadino accompagnato da confort, tecnologia e tanti sistemi di assistenza alla guida: la nostra prova della Hyundai Kona

Nuova Hyundai Kona 1.0 120 CV: prova su strada
La nuova Hyundai Kona rappresenta l'ingresso della Casa giapponese all'interno di un segmento in cui ormai tutti hanno almeno una carta da giocare, quello dei B-SUV. Fresca, moderna e cittadina, la Kona sa attirare lo sguardo con forme e linee che si discostano dal family feeling delle sorelle maggiori, mentre gli interni risultano ben rifiniti, comodi e pieni di tecnologia. La dotazione di sicurezza è di alto livello, anche se bisognerebbe aggiustare leggermente il tiro su qualche sistema di assistenza, il motore è performante e si affatica in rare occasione, risultando comunque adeguato all'utilizzo cittadino. Abbiamo avuto la possibilità e il piacere di provare la nuova Hyundai Kona nell'allestimento top di gamma Style con il benzina 1.0 da 120 CV, vediamo come si è comportata.

L'ASPETTO È DA PERFETTA CITTADINA 

Nata appena un anno fa, la nuova Kona mostra un look più giovanile rispetto al resto dei modelli in gamma ed il merito va dato alle sue linee dinamiche e meno squadrate. L'estetica presenta elementi completamente inediti come la griglia trapezoidale e i gruppi ottici disposti su due linee, con luci a LED sia anteriori che posteriori. I colori accesi e vivaci aiutano sicuramente a far trasparire la modernità di questo SUV compatto: in totale sono a disposizione nove tinte sgargianti, tutte in opzione a 650 euro se non si desidera la colorazione di base Galaxy Gray. Nel nostro caso è stato scelto l'arancione Tangerin Comet Two Tone e va detto che si abbina armoniosamente al nero delle plastiche dei paraurti e delle modanature laterali, e del tetto e degli specchietti retrovisori a contrasto (optional da 600 euro). Lo spoiler moderato infine conferisce alla vettura quel tocco di sportività, alimentato anche dal design dinamico dei cerchi in lega da 18''.

INTERNI SPAZIOSI E ACCOGLIENTI 

L'abitacolo è molto più sobrio ed è disponibile esclusivamente in nero, ravvivano l'ambiente solo alcuni elementi dello stesso colore degli esterni: parliamo nello specifico delle cuciture dei sedili, del volante e del cambio, o ancora delle plastiche che raffinano il contorno delle bocchette di areazione. Il passo da 2,60 metri della Hyundai Kona consente di avere spazio a sufficienza sia per le sedute anteriori che per quelle posteriori, e il bagagliaio risulta ampio (361 litri di capacità 1.143 litri a divanetti abbattuti) e facilmente accessibile, soprattutto grazie ad un portellone grande e a una soglia di carico molto bassa. Il confort è sensibilmente aumentato dal Premium Pack (optional da 1.000 euro) che comprende sedili regolabili elettricamente con funzioni di ventilazione e riscaldamento, oltre che il volante riscaldabile.

UN PIENO DI CONNETTIVITÀ E TECNOLOGIA 

Ma al di là del confort gli interni della nuova Hyundai Kona si distinguono per la grande dotazione tecnologica, come si intuisce subito dalla grafica in alta definizione del quadro strumenti, e dallo schermo da 8'' per l'infotainment, di serie sull'allestimento Style. Il touchscreen permette di gestire le funzioni del navigatore, preciso nelle indicazioni, e di interfacciarsi con il proprio smartphone grazie alla compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto; a proposito di connettività, sono disponibili anche due prese da 12V e gli ingressi AUX e USB, posti proprio sopra al vano per la ricarica wireless del telefonino. Per diminuire al massimo le distrazioni ci sono l'head-up display a scomparsa, che riporta chiaramente la velocità corrente, i limiti e i sistemi di assistenza attivi, o ancora i comandi sul volante, anche se quelli vocali non sono disponibili se il telefono è connesso via Bluetooth, ma solo con le funzioni Apple CarPlay e Android Auto. Completano la dotazione della nuova Kona la radio DAB e l'hot-spot Wi-Fi per i servizi Live (guarda anche i nuovi servizi V2X su cui sta puntando Hyundai).

SICUREZZA A 5 STELLE 

Pratica ma anche sicura, in Hyundai hanno voluto dare alla Kona un alto grado di sicurezza certificata dalle 5 stelle ottenute nei crash-test EuroNcap (qui tutte le ultime news sui crash test). Tra i sistemi di assistenza alla guida troviamo il cruise control, il monitoraggio dell'angolo cieco, il controllo della velocità in discesa e il Lane Keep Assist. Un piccolo appunto va fatto su quest'ultimo, che risulta comodo in autostrada ma forse un po' troppo invasivo su strade cittadine ad alto scorrimento: inizialmente c'è da abituarsi alle correzioni sullo sterzo e bisogna fare attenzione perché a volte si sgancia in curva; certo una segnaletica orizzontale spesso poco chiara non aiuta, ma in altre parole è sempre meglio tenere le mani sul volante. Di notte i fari a LED offrono un ottimo fascio luminoso e sono coadiuvati da abbaglianti adattivi, ma anche qui il sistema a volte abbassa automaticamente i fari nonostante non ci siano altre vetture nei dintorni. Nelle manovre si può contare sui sensori (anteriori e posteriori) e sulla telecamera di parcheggio, un grande supporto se pensiamo al rapporto tra la lunghezza di 4,16 metri della Kona e gli stretti parcheggi di città (sai che negli USA è diventata obbligatoria la telecamera posteriore?). A disposizione, ma non sul modello in prova, anche il monitoraggio dell'attenzione del conducente e il sistema anti-collisione frontale con riconoscimento veicoli e pedoni (350 euro).

COME VA SU STRADA 

La nuova Kona è stata sviluppata su una piattaforma completamente inedita sulla quale si baseranno i prossimi modelli Hyundai, a questa segue un nuovo telaio rigido in alluminio che ben risponde ai dossi e alle buche, aiutato dai grandi cerchi e dall'altezza da terra di 17 centimetri. La gamma motori della Hyundai Kona è composta dai benzina 1.0 T-GDI da 120 CV e 1.6 T-GDI da ben 177 CV, dal lato diesel c'è invece il 1.6 CRDI nelle potenze di 115 e 136 CV; nella nostra prova abbiamo testato il benzina 1.0 da 120 CV abbinato al cambio manuale a 6 rapporti e alla trazione anteriore (disponibile anche quella integrale). Il propulsore e lo sterzo offrono una dose soddisfacente di agilità, ma a volte il motore dà qualche segno di affaticamento in ripresa e non permette una guida troppo sportiva; buona invece la stabilità ad alte velocità, così come l'insonorizzazione dell'abitacolo. Per quanto riguarda i consumi la Casa dichiara una percorrenza di circa 16 km al litro, ma durante il periodo di prova il sistema ha registrato un dato leggermente più basso, una media di 13 km/l  quasi certamente penalizzata dall'uso perenne del climatizzatore (vi sfidiamo a stare fermi al semaforo con 38 gradi e senza aria condizionata).

IN CONCLUSIONE 

La nuova Hyundai Kona è una vettura sicuramente apprezzabile per il look giovanile e può dar filo da torcere alle concorrenti del segmento. Il punto di forza va individuato certamente nei comparti di tecnologia e sicurezza, soprattutto se relazionati al prezzo di listino che parte da 18.800 euro ma prevede una dotazione di serie molto ampia. Nel nostro caso la Hyundai Kona Style con benzina 1.0 da 120 CV arriva ad un valore di 28.300 euro, ben compensati dalle dotazioni dell'allestimento e dal confort offerto dal Premium Pack. Nel complesso la nostra valutazione è positiva, e non facciamo fatica a credere che la nuova Kona possa ottenere un discreto successo.

Pubblicato in Prove su Strada il 02 Agosto 2018 | Autore: Redazione


Commenti

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri