Range Rover Sport HST, debutta la variante mild hybrid

Arriva il powertrain ibrido anche per la Range Rover Sport che con l'occasione sfoggia un nuovo 6 cilindri in linea e una ricca dotazione di sicurezza

13 febbraio 2019 - 14:42

Dopo aver debuttato sulla nuova Evoque, il sistema mild hybrid di Land Rover arriva anche sulla più grande Range Rover Sport HST. Tente le novità rispetto alla generazione lanciata nel 2015, una su tutte il propulsore, che resta un sei cilindri ma passa dalla disposizione a V a quella in linea assicurando, stando a quanto dichiarato dalla Casa madre, una maggiore efficienza in termini di consumi ed emissioni. Si tratta dell'ennesimo passo di Land Rover verso la totale elettrificazione del modello. La prima Range Rover Sport completamente elettrica, infatti, farà il suo debutto nel 2020, sulla base della nuova generazione. Di prim'ordine, come per il resto della famiglia Range Rover Sport, la dotazione di sicurezza. Tra i vari Adas disponibili, infatti, spiccano anche l'Adaptive Cruise Control e il sistema di frenata automatica.

TANTA POTENZA La nuova Range Rover Sport HST completa la famiglia di modelli “green” della gamma, andando ad affiancarsi alla variante PHEV, ovvero ibrida plug-in. Sotto il cofano trova posto un nuovo propulsore a sei cilindri in linea, naturalmente a benzina, con una cilindrata di 3 litri capace di sviluppare una potenza massima di 400 CV, per una coppia di 550 Nm. Sulla nuova HST l'unità viene assistita da un sistema microibrido da 48 Volt studiato per immagazzinare energia dal movimento dell'auto (nei momenti di rilascio e frenata) e di restituirla in fase di massima richiesta di potenza e gestendo le fasi di start e stop della vettura.

BASSE EMISSIONI Grazie a questo sistema, la Range Rover Sport HST è in grado di assicurare consumi ed emissioni contenute, a fronte di prestazioni di tutto rispetto. Lo scatto da 0 a 100 km/h, infatti, viene coperto in 6,2 secondi, mentre la velocità massima è di 225 km/h. I consumi, invece, si attestano sui 9,3 l/100 km, con emissioni di CO2 pari a 213 g/km. La riduzione di particolato immesso nell'aria si attesta nell'ordine del 75%.

TECNOLOGIA A PORTATA DI MANO Al top la dotazione tecnologica, che trova massima espressione nel sistema di infotainment Touch Pro Duo. Questo è costituito da uno schermo touch da 10 pollici di diagonale che comprende diverse funzioni come l'InControl Apps, che raggruppa una serie di app interattive e ottimizzate per l'uso in auto, che permettono di sfruttare ad esempio lo streaming multimediale o servizi basati su cloud e posizione. C'è poi il sistema Protect, che attraverso il proprio smartphone permette di controllare a distanza il livello del carburante, trovare la posizione dell'auto parcheggiata o verificare di non aver lasciato aperti i finestrini.

SICURA CON GLI ADAS Buoni i contenuti anche quando si parla di sistemi di assistenza alla guida. Di serie, infatti, vengono proposti il Cruise Control e il sistema di assistenza alla frenata d'emergenza, che avvisa il conducente del pericolo di un impatto imminente e frena l'auto in automatico se questo non interviene prontamente. Di serie poi ci sono anche il Lane Departire Warning che avvisa il guidatore quando questo si sposta involontariamente dalla corsia (senza tuttavia correggere attivamente la traiettoria) e i sensori di parcheggio sia anteriori, sia posteriori. Il riconoscimento dei segnali stradali e l'Adaptive Cruise Control, invece, sono offerti solo come optional. Il prezzo per il mercato italiano non è ancora stato dichiarato, ma in Inghilterra la Range Rover Sport HST sarà in vendita a partire da 81.250 sterline, pari a circa 92.500 euro.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

4 curiosità sulla nuova Volvo XC40 elettrica

Maserati: il piano dettagliato con nuovi modelli ibridi ed elettrici

Le 5 curiosità del nuovo logo Volkswagen che costerà miliardi nel mondo