FCA – PSA: con la fusione addio alle piccole utilitarie

La fusione FCA – PSA salverà tutti i Brand ma non i modelli: ecco quali sono destinate ad uscire dal listino del nuovo gruppo Stellantis

15 ottobre 2020 - 17:00

La fusione FCA – PSA non cancellerà alcun Brand, almeno così dovrebbe essere con la nascita del gruppo Stellantis. Destino avverso invece sembra scritto per le piccole utilitarie con l’accordo FCA – PSA, sempre meno redditizie per i Costruttori. Ecco perché in città vedremo sempre meno super utilitarie e perché sempre meno Case auto le terranno in listino.

FCA E PSA: SUPER UTILITARIE ELETTRICHE? ANCHE NO 

PSA sarebbe intenzionata a cancellare le utilitarie più economiche con motore a benzina. La decisione come riporta Reuters, segue l’intenzione di vendere la quota nella joint venture con Toyota per la produzione delle Peugeot 108, Citroen C1 e Toyota Aygo. Quello delle super utilitarie è diventato un segmento sempre meno redditizio e più costoso per i Costruttori. Le vendite di auto piccole in Europa sono scese a circa il 7% di quota (dati IHS Markit 2019) mentre le utilitarie di segmento B resistono con il 30% di vendite. D’altro canto le emissioni sempre più stringenti dal 2021 al 2030, lascia poco scampo alle piccole auto con motore a combustione non ibride.

FCA – PSA: IL FUTURO DELLE PICCOLE UTILITARIE

Dopo il naufragio dell’ipotesi di elettrificazione per C1 e 108, PSA avrebbe accantonato il progetto troppo costoso, ma al momento circolano voci non ancora ufficializzate. Con la fusione FCA – PSA da concretizzare nel 2021 non si poteva immaginare qualcosa di molto diverso per i modelli meno redditizi. La nuova amministrazione Opel (sotto l’ala PSA) ha già da tempo fermato le Opel Adam e Opel Karl. Per ora non accadrà lo stesso per la gamma FCA. Fiat Panda e Fiat 500, ora ibride ed elettriche, sono i modelli di punta per le vendite Fiat in Italia e un loro riposizionamento sembrerebbe fuori discussione. D’altronde l’addio alle super utilitarie FCA l’ha già dato all’ultima Fiat 600 prodotta e non più rimpiazzata.

FCA – PSA: PANDA ITALIANA, “NUOVA PUNTO” FRANCESE

Per tenere in listino le piccole utilitarie, FCA potrebbe dare più spazio alle utilitarie di segmento B prodotte su licenza di PSA. Con la Punto fuori produzione e l’assenza di una Fiat 500 a 5 porte, per PSA diventa cruciale il ruolo della Peugeot 208 (e Opel Corsa). I fornitori FCA sono già stati avvisati: le prossime auto di segmento B avranno molte più componenti francesi (e la piattaforma CMP). Quanto alle super utilitarie, basta guardare le arrembanti Citroen AMI, per capire che i listini saranno sempre più svuotati dalle piccole utilitarie, se non saranno super economiche e possibilmente elettriche.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Assemblea Ania

Assemblea Ania: RC auto in calo del 5%, ma si può fare di più

Multa sconto 30%

Notifica multe: come si calcolano i 90 giorni per l’annullamento

Auto nuove in Europa: +1% le immatricolazioni a settembre 2020