Norme Euro6d-TEMP: la gamma Opel si fa trovare pronta

All'insegna di una mobilità a zero emissioni Opel lancia su tutte le sue vetture motori conformi alle normative Euro6d-TEMP

7 giugno 2018 - 16:01

Opel brucia le tappe e sceglie strategicamente di farsi trovare preparata alle restrizioni che entreranno in vigore solo a settembre 2019, ma che già oggi stanno creando non poche difficolta ai grandi costruttori europei. L'aggiornamento della gamma motori ora conformi alle norme sulle emissioni Euro 6 d-TEMP permetterà a tutti i veicoli Opel di nuova immatricolazione di rispettare i limiti di inquinamento anche in condizioni di guida reali. Oltre a propulsori di nuova generazione anche i motori attuali sono stati “ritoccati” tecnologicamente per rispettare la normativa, in attesa di una completa elettrificazione della gamma prevista entro il 2024.

SU TUTTA LA GAMMA Mentre la guerra alle emissioni e le nuove norme restrittive mettono in ginocchio anche giganti come Porsche, costretta ad interrompere la produzione di alcuni modelli, Opel estende i propri sviluppi tecnologici ai veicoli di ogni segmento per un totale di 79 motorizzazioni: a partire dalla Adam fino alla grande Zafira e passando per i SUV, tutti i benzina, diesel e GPL saranno omologati Euro 6d-TEMP. E se alcuni erano già conformi alle normative, le vere novità da sottolineare sono il nuovo 1.6 benzina a iniezione diretta su Zafira e la tecnologia SCR utilizzata sulla gamma diesel.

IL NUOVO BENZINA Nell'offerta della Opel Zafira figura ora un nuovo motore benzina 1.6 litri a iniezione diretta da 136 CV che promette consumi di 7,9-7,0 l/100 km nel ciclo misto ed emissioni di CO2 pari a 182-160 g/km. Con questo motore tutte quante le versioni della monovolume sono ora dotate di filtro antiparticolato aggiornato con un sistema di catalizzazione che favorisce l'ossidazione delle particelle accumulate. Per quanto riguarda il diesel la Opel Zafira mette a disposizione motori con tecnologia SCR (che qui puoi capire come funziona), la stessa appena introdotta anche su Opel Grandland X.

LA GAMMA DIESEL La tecnologia SCR sfrutta un'iniezione di AdBlue nei gas di scarico che va a creare una soluzione capace di trasformare gli ossidi di azoto (NOx) in azoto e vapore acqueo – leggi anche del richiamo di Audi legato al selezionatore di ADBlue. Forte della tecnologia di Riduzione Catalitica Selettiva la Opel Grandland X mette a disposizione un nuovo motore diesel 1.5 litri quattro cilindri turbo da 130 CV con consumi di 4,2-4,1 l/100 km nel ciclo misto ed emissioni di CO2 pari a 110-108 g/km. L'SCR è presente anche sui motori diesel di Opel Insignia, il 1.6 declinato nelle potenze di 110 e 136 CV, e sul turbodiesel 1.6 da 136 CV di Opel Astra 5 porte. Nel primo caso si parla di consumi ed emissioni compresi tra i 4,4 l/100 km (ciclo misto) con 116 g/km di CO2 per il 1.6D 110 CV della Opel Insignia Grand Sport e i 5,5-5,0 l/100 km (ciclo misto) con 146-132 g/km di CO2 per il 1.6D 136 CV della Opel Insignia Sport Tourer, Per quanto riguarda Opel Astra 5 porte con il turbodiesel 1.6 da 136 CV vengono dichiarati 4,6-4,4 l/100 km nel ciclo misto ed emissioni di CO2 pari a 121-116 g/km con il cambio manuale a 6 rapporti; con la trasmissione automatica i valori invece salgono rispettivamente a consumi di 4,9-4,6 l/100 km e 130-122 g/km di CO2. E mentre elogia i suoi 79 motori tutti già omologati con grande anticipo alle norme Euro 6d-TEMP, Opel annuncia l'inizio dell'elettrizzazione della gamma con l'arrivo di quattro modelli elettrici entro il 2020, tra cui la Opel Corsa e una versione ibrida plug-in della Opel Grandland X.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Aumento bollo Euro 3 per svecchiare il parco auto

Aumento bollo Euro 3 per svecchiare il parco auto: la proposta di PSA

Smartphone al volante telecamere

Smartphone al volante: arrivano le telecamere per scovare i trasgressori

Dispositivi anti abbandono 30 euro bonus

Dispositivi anti abbandono, solo 30 euro di bonus: è polemica