Noleggio a lungo termine: sempre più privati rinunciano all’auto di proprietà

Il costo del noleggio auto a lungo termine è in media del 15% più basso rispetto all'auto di proprietà. L'ANIASA racconta come sono cambiate le abitudini di mobilità degli italiani

27 marzo 2019 - 20:17

Il mercato auto vive cambiamenti importanti. Ne è prova l’aumento delle auto noleggiate a lungo termine. Il concetto di proprietà scompare di fronte ai vantaggi offerti dal noleggio. Secondo i numeri diffusi dall’ANIASA, l’Associazione di Confindustria che rappresenta il settore mobilità, gli italiani hanno firmato 40.000 contratti di noleggio. Il trend promette di consolidarsi. Entro la fine dell’anno quando ci si aspetta di raggiungere quota 50.000. Interessante il fatto che il noleggio auto a lungo termine rappresenta una soluzione economica anche per i privati. In questo caso, con una percorrenza annua entro i 25.000km, il noleggio è una valida alternativa che si affianca alle altre soluzioni come il carsharing. Insomma a parità di modello i vantaggi per tutti possono raggiungere il 15%. Vediamo come.

NUMERI IMPORTANTI

In Italia cresce ancora il numero di automobilisti che sceglie il noleggio. Rinunciare all’acquisto dell’auto significa avvicinarsi a nuove forme di mobilità. L’auto condivisa affascina nelle sue varie forme che vanno dal car sharing al noleggio a breve, passando per quello a medio e lungo termine. Secondo l’ANIASA, l’Associazione di Confindustria che rappresenta il settore mobilità, ad oggi sono circa 40.000 gli italiani che hanno preferito il noleggio a lungo termine all’acquisto. Con un costo fisso e predeterminato il noleggio rappresenta un’alternativa anche vantaggiosa. Per questo motivo si prevede di raggiungere quota 50.000 contratti entro l’anno. In questo contesto emergono nuovi trend come il noleggio a lungo termine a clienti privati, cioè coloro che non hanno partita IVA (Leggi auto a noleggio e multe quello che bisogna sapere).

 

VANTAGGI ECONOMICI

Il noleggio a lungo termine convince per efficacia e convenienza. Nel dettaglio gli automobilisti, anche senza partita IVA, che percorrono ogni anno tra i 10 e i 25.000 km possono avere benefici interessanti. In ogni caso, precisano sempre dall’ANIASA, nel caso di percorrenze inferiori è conveniente valutare anche altre soluzioni di mobilità. In città il carsharing è una buona alternativa, così come il noleggio a breve termine per gli spostamenti del fine settimana. Massimiliano Archiapatti, Presidente di ANIASA, ha commentato: “A parità di modello e di percorrenza, stimiamo una convenienza media del 15% rispetto alla proprietà, senza contare altri vantaggi, come non immobilizzare l’intero capitale per l’acquisto”. Evidente il riferimento a tutti i costi che circondano l’auto. Ad esempio bollo, assicurazione, manutenzione, eventuali multe o incidenti. Inoltre il noleggio auto evita di ritrovarsi in mano l’auto usata spesso difficile da rivedere (Leggi tutto sui temi del RicambistiDay 2019).

MODALITA’ OPERATIVE

Visitando i siti dei diversi operatori del settore è possibile ottenere un preventivo su una vettura in pochi minuti. Conti alla mano per una citycar si possono spendere circa 240 euro al mese, IVA inclusa, mentre per una monovolume siamo intorno ai 300. Attenzione comunque all’anticipo richiesto, e occhio alla percorrenza media e alla durata dei contratti. Di solito quelli proposti vanno da 36 a 48 mesi. Serve attenzione anche per tutte le clausole previste oltre che per i costi dei servizi opzionali. Secondo uno studio svolto da ANIASA e Bain&Company il cliente-tipo del noleggio a lungo termine tra i privati è uomo (52%). In media più giovane, informato e benestante rispetto a quanti scelgono l’auto di proprietà. Si tratta di un utente “green”, pronto anche all’auto elettrica. Si noleggia principalmente per motivi di lavoro o per sostituire la seconda auto in famiglia.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bonus rottamazione auto per TPL: slitta il decreto

4 errori da non fare con bambini fino a 12 anni e cinture di sicurezza

Guida in stato di ebbrezza auto confiscata

Etilometro non revisionato: l’onere della prova spetta all’accusa