Nokian Aramid Sidewall: arrivano le gomme che resistono a urti e tagli

La gomma Nokian Aramid Sidewall promette resistenza a prova di bomba. Il segreto è nelle fibre di Aramide nei fianchi, le stesse delle corazze

2 febbraio 2017 - 17:15

Pneumatici squarciati, trafitti, tagliati e bucati: visitare un gommista, prima che abbia consegnato gli pneumatici per lo smaltimento, riserva spettacoli di questo tipo. A volte basta una buca con gli spigoli vivi o un marciapiede preso allegramente (o per sbaglio) per rovinare una copertura. Una delle parti più delicate è sicuramente il fianco che, anche se riparato da chiodi e vetri presenti sul fondo stradale, è molto meno resistente del battistrada. Una possibile soluzione è proposta da Nokian, che ha rinforzato i fianchi (leggi come si costruisce uno pneumatico) di alcune sue coperture con resistentissime fibre aramidiche.

CORAZZA? NO, PNEUMATICO Questa tecnologia si chiama Aramid Sidewall e usa fibre in Aramide, un materiale sintetico il cui nome deriva dalla contrazione di ARomatic polyAMIDes (Poliammidi Aromatiche). Questo polimero è parente del Nylon ma ha proprietà meccaniche ben superiori e le fibre che lo usano hanno i nomi commerciali di Nomex e Kevlar. Sono materiali flessibili, leggeri e resistentissimi: il loro peso specifico è di circa 1,5 kg/dm3 e la resistenza alla trazione è di 3.500 N/mm2 mentre per l'acciaio queste proprietà valgono rispettivamente 7,85 e 540. La loro resistenza agli impatti le ha fatte scegliere per la costruzione di giubbotti antiproiettile e corazze leggere e il loro impiego nei fianchi degli pneumatici è quindi molto indicato. Nel video qui sotto potrete vedere queste coperture, che non a caso hanno come simbolo un giubbotto antiproiettile, sottoposte ad una prova impegnativa.

UNA GAMMA “RESISTENTE” L'attimo nel quale la gomma del grosso SUV Porsche impatta l'ostacolo, spigoloso e in diagonale, fa trattenere il respiro ma la copertura sembra superare la prova senza fatica. La struttura dell'Aramid Sidewall, è stata utilizzata per la prima volta negli pneumatici chiodati Nokian Hakkapeliitta 8 SUV (gli stessi sui quali Nokian ha sperimentato i chiodi a scomparsa) e si è dimostrata molto resistente a tagli e usura. Petri Niemi, Head of Product Management di Nokian Tyres, ha infatti detto che “Abbiamo ricevuto tanti feedback positivi dai guidatori di SUV e la nostra innovazione si è rivelata efficace. Questa tecnologia unica, che dà agli pneumatici una maggiore resistenza, permette una guida più serena. Il danneggiamento accidentale degli pneumatici può comportare un costo elevato, ma l'Aramid Sidewall, che protegge lo pneumatico dagli urti laterali, può anche prevenire del tutto i danni”. L'Aramid Sidewall è già impiegata negli pneumatici invernali Nokian WR SUV 3 e negli estivi Line SUV e zLine SUV ma da quest'anno approderà anche sugli invernali Nokian Hakkapeliitta LT2, gli off-road Rockproof e gli estivi Rotiiva AT Plus, Rotiiva AT e Rotiiva HT.

LE GOMME CHE VENGONO DAL FREDDO Nokian nasce a Nokia, in Finlandia, e ha come core business la costruzione di gomme per climi estremi (leggi dei suoi test estremi nell'Inferno Bianco). Pensate che nel 2015 Nokian ha venduto il 16% della produzione in Finlandia, il 15% in Svezia, il 13% in Norvegia e ben il 17% in Russia e nell'area CIS (Bielorussia, Uzbekistan e Paesi limitrofi); il resto dell'Europa pesa soltanto per il 26%. L'Azienda, non grandissima ma agguerrita, ha fatturato più di 1,4 miliardi di euro nel 2015 e contava 4.200 dipendenti alla fine di quell'anno. I prodotti più importanti sono realizzati a Nokia e nello stabilimento di Vsevolozhsk, in Russia; altri sono invece realizzati da produttori indipendenti in fabbriche con gli stessi standard qualitativi degli impianti di Nokian Tyres (leggi di come le gomme Nokian per i test stampa potrebbero essere migliori di quelle di serie).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Atti vandalici: come proteggere l’auto da danni e graffi sulla carrozzeria

Telepass cosa fare se la sbarra non si alza

Telepass: cosa fare se la sbarra non si alza

Incidente auto e dolore al collo: 4 consigli per evitare il colpo di frusta