Navigatori in auto: atteso il boom entro il 2020

Grazie all'integrazione con i sistemi di bordo i navigatori satellitari saranno sempre più presenti sulle nuove auto,in 5 anni cresceranno a dismisura

14 dicembre 2016 - 10:00

Con l'avvento e la diffusione degli smartphone e delle connessioni in mobilità il destino dei navigatori satellitari sembrava irrimediabilmente segnato; sostanzialmente qualsiasi smartphone o tablet può svolgere le medesime funzioni e interfacciarsi con innumerevoli applicazioni. Quelle che sembravano previsioni nefaste sembrano però rivelarsi prive di fondamento, il mercato dei navigatori è fiorente ed entro 5 anni potrà ulteriormente crescere, almeno questo è quello che dicono gli analisti.

MERCATO IN CRESCITA GRAZIE ALL'INTEGRAZIONE DEI SISTEMI DI BORDO Lo studio Global Automotive Personal Navigation Devices, condotto da Research & Markets, ha analizzato il mercato dei navigatori satellitari mettendo sotto la lente d'ingrandimento i dati offerti dai primi quattro fornitori del settore. Gli analisti hanno valutato lo scenario attuale e le prospettive di crescita, offrendo una previsione per il quinquennio dal 2016 al 2020; il futuro di questi dispositivi sembra essere quanto mai roseo e nei prossimi cinque anni potrà crescere al ritmo del 14.5% annuo. Artefice di questa crescita considerevole sarà l'integrazione dei devices di navigazione con gli ultimi sistemi di sicurezza “intelligenti” (Sai quali sono le città più caotiche? Lo svela il navigatore).

PIÙ' SICUREZZA CON I DATI SATELLITARI Sempre più case costruttrici tendono a offrire il sistema di infotainment e navigazione praticamente su tutta la gamma, dalle utilitarie ai modelli dei segmenti più alti; quasi di pari passo viaggia la diffusione dei sistemi avanzati di assistenza alla guida (ADAS) i quali possono servirsi dei dati di posizionamento per offrire nuove funzionalità e più accuratezza nelle misurazioni e nella valutazione dell'ambiente circostante. Questo tipo di integrazione tra i sistemi verrà ancor più affinata con il rilascio di mappe cartografiche ad alta risoluzione e con dettagli topografici il più possibile accurati (Leggi come ADAS e Infotainment saranno a prova di distrazioni).

FUNZIONALITÀ' AUTOMATICHE ACCURATE E SICURE Immaginare quali sono i risvolti pratici dell'integrazione tra dispositivi di navigazione e sistemi ADAS è piuttosto facile; si può ipotizzare l'ausilio dell'assistenza per il cambio di corsia capace di interpretare i dati del posizionamento satellitare per compiere correzioni estremamente precise e manovre sempre più sicure. Inoltre, come suggerisce lo studio stesso, i navigatori potrebbero essere dotati di sensori aggiuntivi per rilevare le condizioni stradali e interpolarle con le informazioni circa l'approssimarsi di interruzioni stradali, lavori in corso e altre situazioni che possono rallentare e ostacolare la marcia del veicolo (Scopri come funzionano i sistemi ADAS).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pressione pneumatici invernali: perché le gomme si sgonfiano col freddo

Automobilisti senza cintura multa

Automobilisti senza cintura: una multa ogni cinque minuti

Furti auto: i 10 modelli più rubati al 2019