Nuova sfida per Clarion: più sicurezza a bordo con i sistemi ADAS integrati

L'infotainment a bordo sarà a prova di distrazioni: Clarion rafforza l'impegno per l'integrazione dei sistemi di assistenza e sicurezza alla guida

9 settembre 2016 - 10:40

La Clarion, azienda membro del Gruppo Hitachi e classificata dai colleghi di Automotive News come uno dei 100 maggiori fornitori mondiali di parti OEM, ha leggermente deviato la propria strada in fatto di infotainment per abbracciare un percorso più impegnativo ma appagante: i sistemi di sicurezza. Comincerà a sviluppare e produrre sistemi intelligenti di ausilio alla guida grazie alla divisione “Sicurezza e sistemi informativi”.

LA NUOVA STRADA DI CLARION Dopo che la vecchia divisione di sviluppo dell'azienda Clarion, artefice tra le altre cose di sistemi di infotainment e di una piattaforma cloud-based, è stata ribattezzata in “Sicurezza e sistemi informativi”, avrà il compito di seguire una strada leggermente diversa in ottica tecnologica: concentrerà gli sforzi nello sviluppo e produzione di sistemi ADAS, Advanced Driver Assistance Systems, cioè tutti quei sistemi che oggigiorno aiutano chi è alla guida ad avere tutto sotto controllo (guarda il video di come funzionano i sistemi ADAS sviluppati dalla Bosch e di tutti i sensori che servono per farli funzionare al meglio).

I SISTEMI ADAS Con un sempre più crescente interesse verso la sicurezza, passiva ed attiva, delle auto prodotte al giorno d'oggi le aziende che si occupano di ricerca e sviluppo in tale settore sono chiamate ad offrire tecnologie sempre più all'avanguardia. I sistemi ADAS dei quali si parla sono una serie di hardware e software che, in un modo o nell'altro, cercano di scongiurare un pericolo per chi è in auto e per chi è fuori l'auto: si parte dallo sterzo che gira da solo per cercare di mantenere la corsia, fino ad arrivare al cruise control adattivo, all'auto che frena da sola in presenza di ostacoli umani o materiali (leggi dei test fatti anche sui consumi di auto con sistemi ADAS). Tutto questo è possibile grazie ad una serie di apparati, sensori e telecamere, che controllano l'auto ed il suo perimetro costantemente, per prevenire brutte sorprese (leggi come i riparatori devono stare attenti con un'auto che monta sistemi di ausilio avanzato alla guida).

IL LAVORO DI CLARION Già in passato Clarion è riuscita ad imporsi come azienda tecnologicamente avanzata grazie al sistema “Smart Access”, un sistema di condivisione di informazioni via Cloud, ed ora è pronta a bissare il risultato. Sébastien Brame, direttore comunicazione di Clarion Europe, ha affermato che “I nostri sforzi per rinforzare l'organizzazione della divisione “Sicurezza e sistemi informativi” si tradurranno in un vantaggio competitivo sul mercato dei sistemi di sicurezza: in particolare, puntiamo sull'integrazione tecnologica con i sistemi avanzati di sicurezza e comunicazione sviluppati da Hitachi Group (che include Hitachi Ltd. e Hitachi Automotive Systems), complementari alle nostre soluzioni informative di bordo, di sicurezza video e d'interfaccia uomo-macchina (IUM). Elementi che ci distinguono dai nostri concorrenti”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Il 5G fa dialogare auto di marche diverse: il test live V2V a Torino

Patente a 18 anni: i problemi più frequenti di chi inizia a guidare l’auto

Guida sotto la pioggia: 5 errori da non fare con l’allerta meteo