MINI elettrica: sarà costruita in UK a partire dal 2019

Nel 2019 sbarcherà sul mercato la MINI Elettrica, la versione Green dell'apprezzata ed elegante segmento B sarà costruita nel Regno Unito

26 luglio 2017 - 9:00

La corsa alla mobilità elettrica delle Case costruttrici è ormai avviata e sui listini dei vari brand iniziano a fare capolino sempre più versioni a batteria dei modelli in gamma. Tra i modelli di prossima uscita è stata confermata la presenza della MINI elettrica; a dare notizia di questa novità è il Gruppo BMW, il quale ha più volte ribadito la volontà di creare una gamma completa di auto a trazione elettrica. Grazie alle notizie diffuse da Monaco apprendiamo che la EV giungerà sulle linee di produzione nel 2019. In barba ai timori e alle remore instillate dalle incognite della Brexit la prima generazione di MINI a batterie nascerà nel Regno Unito presso l'impianto del marchio a Oxford.

APPUNTAMENTO FISSATO PER IL 2019 PER LA PRIMA ELETTRICA DEL BRAND Il Gruppo BMW intende realizzare una versione ibrida o full electric di ogni modello presente nelle gamme dei suoi tre marchi. Il prossimo passo verso la realizzazione del proposito della Casa bavarese si concretizzerà con l'immissione sul mercato della prima MINI elettrica, evento già schedulato per il 2019. Per la MINI non è la prima volta che si parla di elettrificazione, già nel 2009 vennero realizzati dei prototipi, delle auto laboratorio a trazione elettrica allestite sulla base della MINI Cooper. All'epoca non si pensò alla commercializzazione ma gli studi e i test furono indispensabili per concretizzare la BMW i3, l'utilitaria elettrica a listino nella gamma della Casa dell'Elica (Sapevi che per VW nel 2025 sarà emergenza batterie? Scopri qui perché).

NATALI BRITANNICI MA MOTORI ELETTRICI PRODOTTI IN GERMANIA Come dicevamo in apertura la MINI elettrica sarà prodotta nel Regno Unito negli stabilimenti di Oxford. A onor del vero l'impianto inglese si occuperà soltanto di assemblare l'auto accoppiando il motore elettrico al corpo vettura. Il powertrain elettrico sarà invece prodotto in Germania, i motori infatti usciranno dagli stabilimenti di Dingolfing e Landshut in Baviera. Il motore elettrico che BMW sta mettendo a punto a partire dal 2020 potrebbe essere utilizzato su altri modelli EV in programma nel piano industriale del costruttore tedesco. Ad oggi non conosciamo le caratteristiche del propulsore e le prestazioni che potrà regalare all'apprezzata e modaiola vettura (Scopri perché la Cina potrebbe diventare il mercato principe dell'auto elettrica, clicca qui).

IL FUTURO DELL'AUTO ELETTRICA È UNA SCOMMESSA, LE SORTI IN MANO AI GOVERNI Gli analisti di BMW hanno tracciato una previsione dell'andamento delle vendite di veicoli elettrici nei prossimi anni; secondo le stime entro il 2025 le vendite di modelli a trazione elettrica rappresenteranno tra il 15 e il 25% del totale. Sulla percentuale reale influiranno in maniera determinante gli atteggiamenti dei governi nazionali, le normative ad hoc che produrranno e lo sviluppo, fondamentale, delle infrastrutture di ricarica. Si tratta quindi di una condizione non del tutto certa e con una forbice percentuale piuttosto ampia; BMW ha previsto di rendere flessibili i propri stabilimenti, potranno infatti produrre alternativamente auto con motori termici, veicoli ibridi e a trazione totalmente elettrica (La BMW Serie 5 ibrida sarà costruita in Austria, qui tutti i dettagli). 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cyber Monday 2021: le occasioni più utili per l’auto

Black Friday 2021: gli sconti su accessori auto da non farsi scappare

Offerte auto Black Friday 2021

Offerte auto Black Friday 2021: i migliori sconti