Mercato auto usata: frenano i passaggi di proprietà ad aprile con -6,2%

I ponti primaverili e il lungo weekend di Pasqua provocano una battuta d'arresto al mercato dell'auto usata in Italia, calo del 6,2%

4 maggio 2017 - 9:00

Le festività primaverili e il weekend lungo di Pasqua, quest'anno “alta”, hanno lavorato ai fianchi il mercato dell'auto usata in Italia, incidendo negativamente sulla performance di aprile 2017. I dati appena pubblicati dall'Automobile Club d'Italia confermano non solo una battuta d'arresto nei passaggi di proprietà ma una flessione consistente del mercato, quantificata nel -6.2%. In definitiva hanno gravato sul bilancio mensile due giornate lavorative in meno rispetto allo stesso mese dello scorso anno.

NONOSTANTE IL CALO IL TREND ANNUALE È IN CRESCITA Il bollettino mensile Autotrend, l'analisi statistica realizzata dall'ACI sulla base dei dati del P.R.A., ci offre un quadro completo della performance del mercato delle auto di seconda mano in Italia durante il mese di aprile. Il numero delle trascrizioni registrate ha risentito in maniera evidente delle giornate di festa e dalle distrazioni dei ponti primaverili che molti italiani hanno deciso di concedersi. La flessione documentata del mercato è quindi imputabile ai 2 giorni lavorativi in meno rispetto allo stesso periodo del 2016 e non ad una vera e propria contrazione del mercato. Dall'inizio dell'anno infatti il mercato dell'usato delle quattro ruote è cresciuto del 3.3% rispetto allo stesso quadrimestre dello scorso anno (Leggi qui i dati dell'usato di gennaio, anch'esso in calo).

CALO CONSISTENTE ANCHE PER LE RADIAZIONI I passaggi di proprietà registrati durante il mese di aprile sono stati 218.885 (233.310 nel 2016), significa che per 100 automobili nuove immatricolate ne sono state vendute 135 usate lo scorso mese e 142 nei primi quattro mesi dell'anno. La flessione causata dai giorni lavorativi in meno ha interessato anche le radiazioni, scese del 10.7% rispetto ad aprile 2016. Il tasso unitario di sostituzione è stato quantificato in 0.64, significa che per ogni 100 nuove auto iscritte ne sono state radiate 64. Il tasso di sostituzione dall'inizio dell'anno è pari a 0.69, il trend nel primo quadrimestre è comunque in crescita del 3.3% (Sapevi della proposta di modificare le norme della radiazione per l'esportazione?).

TRA LE REGIONI LA LOMBARDIA È PRIMA PER TRASCRIZIONI Su base nazionale la Regione che ha registrato il numero maggiore di passaggi di proprietà è la Lombardia con 34.823 trascrizioni, seguita da Lazio e Campania rispettivamente con 23.839 e 20.347. Le Regioni che hanno invece patito le flessioni maggiori, in termini percentuali, sono la Valle d'Aosta con un calo del 9.5%, il Piemonte con 7.9% e la Puglia con 7.1%. Sarà interessante vedere come si chiuderà il mese in corso per il mercato delle auto usate, se assisteremo a un recupero delle vendite dopo un aprile che ha mandato in rosso tutti i settori (Scopri quanto ha perso il mercato del nuovo per le festività di primavera).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Multa Roma

Multe Roma: dal 1° novembre 6 nuove telecamere sulle preferenziali

Halloween 2020: come proteggere l’auto dai danni e cosa fare

Incentivi auto elettrica

Incentivi auto Piemonte 2020: fino a 12.000 euro con rottamazione