Mega richiamo Nissan nel mondo: 3,5 milioni di airbag da controllare

Airbag senza pace, tocca adesso a Nissan riportare in officina ben 12 diversi modelli, ma questa volta Takata non è il colpevole

3 maggio 2016 - 9:00

Ancora un richiamo per milioni di auto, ancora gli airbag sul banco degli imputati, ma non parliamo questa volta dei famigerati Takata. Nissan annuncia il richiamo per 3.5 milioni di auto in tutto il Mondo, su queste vetture l'airbag del passeggero anteriore potrebbe non funzionare correttamente in caso di incidente. Non è un difetto inedito e ne sarebbero affetti ben 12 distinti modelli del costruttore giapponese.

DIFETTO STORICO DEI SENSORI Il difetto che ha spinto Nissan ha richiamare ben 3.5 milioni di autovetture è un problema che si è presentato già nel 2013 e che ha costretto il costruttore nipponico a tre precedenti azioni di recall. Il problema che continua a tormentare i palazzi di Yokohama è dato dai sensori posti sotto il sedile del passeggero anteriore, i quali potrebbero non funzionare come previsto e non attivare l'airbag frontale in caso di incidente (Leggi il richiamo airbag per la Nissan Note). In sostanza i sensori non sarebbero in grado di rilevare correttamente il peso di un adulto seduto sul sedile, considerandolo come un bambino o addirittura considerando vuoto il posto, impedendo così l'attivazione del dispositivo di sicurezza. Fino ad oggi la Casa giapponese ha registrato almeno tre casi di incidenti nei quali il difetto si è presentato. Fortunatamente, secondo quanto riportato da Nissan, non sono state riportate ferite gravi da coloro che occupavano il posto a fianco del guidatore.

QUASI TUTTA LA GAMMA COINVOLTA Nissan ha indentificato e quantificato le automobili equipaggiate con i sensori potenzialmente difettosi, dandone comunicazione lo scorso 29 aprile tramite il sito della NHTSA, l'agenzia USA per la sicurezza stradale (leggi come NHTSA indaga sullo scandalo airbag Takata). La scelta di annunciare il richiamo negli Stati Uniti è un atto dovuto, dato che ben 3.2 milioni delle automobili da far tornare in officina circolano proprio per le strade del nord America. I modelli interessati dal recall sono, con la specifica del model year, Altima dal 2013 al 2016, Rogue dal 2014 al 2017, Maxima dal 2016 al 2017, Murano dal 2015 al 2016, Pathfinder dal 2013 al 2017, l'elettrica Leaf dal 2013 al 2016, NV200 dal 2013 al 2016, NV Taxi dal 2014 al 2016 e i modelli a marchio Infiniti JX35, QX60 e Q50 dal 2014 al 2016. Nel richiamo sono inoltre inclusi esemplari di Chevrolet City Express    my dal 2013 al 2017 prodotti da Nissan.

RIPRISTINO VIA SOFTWARE Una volta rientrate in officina le automobili in questione riceveranno una riprogrammazione dell'unita di controllo airbag (ACU) e la riprogrammazione (su alcuni modelli la sostituzione) della OCS ECU (Occupant Classification System), gli interventi verranno eseguiti dalla rete di assistenza ufficiale e non comporteranno spese per i proprietari delle vetture. Nissan invierà a breve la notifica a mezzo posta ai clienti interessati, i residenti negli USA possono verificare il proprio numero di telaio e l'eventuale richiamo tramite il servizio attivo sul sito safercar.gov (scopri come controllare se la tua auto rientra nel richiamo Takata).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toyota Aygo X Cross: sistemi di assistenza lenti nel test dell’alce

Kia Polonia: cartello su auto nuove, l’accusa dell’Antitrust

Incendi veicoli elettrici a Londra: +300% nel 2021