Limiti di velocità infranti e multe: i casi più assurdi in Europa

Scopriamo quali sono state le 8 infrazioni più assurde per eccesso di velocità in Europa e come cambiano da Stato a Stato sanzioni economiche e pene

5 aprile 2017 - 21:00

Il superamento dei limiti di velocità è una delle infrazioni più diffuse tanto nel nostro Paese quanto ne resto del Mondo. Pur essendo una delle principali cause di gravi incidenti stradali molti automobilisti continuano a considerare statali e autostrade circuiti, nei quali dar sfogo alla potenza delle proprie auto. Vi proponiamo oggi una interessante infografica nella quale sono rappresentate le 8 infrazioni più folli commesse sulle strade europee. Al di là della follia di chi le ha commesse ci preme evidenziare come le infrazioni sono sanzionate nei Paesi nei quali sono state commesse. Specifichiamo, al fine di evitare equivoci o errate interpretazioni, che le sanzioni delle quali parliamo sono da contestualizzare al periodo in cui sono state applicate (Torna sicuramente utile leggere l'Art.142 del CdS riguardo i limiti di velocità).

A OLTRE 300 KM/H IN BARBA ALLA SICUREZZA STRADALE Pubblicata dal portale di comparazione di prezzi Happy-Car in collaborazione con HomeToGo l'infografica che vi proponiamo anche in allegato mostra a quali livelli può giungere l'incoscienza di alcuni automobilisti – consulta la pagina dedicata su HomeToGo. Fa assolutamente paura la velocità raggiunta dalla prima vettura in classifica, una Bentley Continental GT il cui conducente, nonostante un limite di 120 km/h, ha raggiunto i 324 km/h in Svizzera (In Svizzera adesso si rischia anche l'arresto per il superamento dei limiti di velocità). Non è da meno la seconda classificata, una Porsche 911 che ha infranto in Italia il limite autostradale sfrecciando davanti l'autovelox a 311 km/h. Il podio è completato da una Audi RS4 che indifferente del limite di 110 km/h, in Francia, ha raggiunto i 310 km/h.

PENA ESEMPLARE PER L'INFRAZIONE IN UK Il resto di queste performance incoscienti le potete scorrere nella grafica in allegato, quello che vogliamo porre in risalto è la differenza di trattamenti e sanzioni applicati dalle autorità dei Paesi nei quali sono state commesse le infrazioni. Una punizione esemplare è stata data all'automobilista che ha corso a 309 km/h lungo le autostrade del Regno Unito; oltre a una sanzione economica gli è stata ritirata la patente per 10 anni e gli sono stati comminati 28 mesi di carcere. Un anno di carcere anche per l'infrazione commessa in Francia, mentre la multa più salata è stata elevata in Spagna, 3.600 euro più il ritiro della patente per il guidatore della Porsche 911 Carrera immortalata a 297 km/h dall'autovelox (Leggi qui il test ADAC su rilevatori di velocità).

LA MANO LEGGERA DEL CODICE STRADALE ITALIANO Poco più di una tirata d'orecchie per l'infrazione commessa in Italia, dove sulle strade del novarese una Porsche è stata “testata” a velocità da Formula 1. La sanzione economica, precisiamo che era il 2006, è stata di 375 euro oltre alla decurtazione di 10 punti dalla patente. Rispetto ai provvedimenti previsti da altri Paesi della UE, alcuni dei quali contemplano anche la reclusione per il trasgressore, fa senza dubbio specie il trattamento morbido previsto all'epoca dalla normativa italiana. Il CdS dal 2007 ha introdotto nuovi parametri per sanzionare chi supera i limiti di velocità, il prospetto completo e aggiornato può essere visionato a questo link del sito ASAPS. Le nuove sanzioni sono più severe delle precedenti ed è previsto il ritiro della patente fino a un massimo di 12 mesi, quindi ben lontani dai provvedimenti, sicuramente disincentivanti, di altre nazioni.

NON SOLO LE SUPERCAR SFIDANO LA SORTE I protagonisti della classifica delle infrazioni erano tutti a bordo di supercar ma non bisogna perdere di vista che ogni giorno assistiamo a infrazioni non meno plateali compiute da automobilisti, a bordo di vetture normali, i quali pigiano sull'acceleratore come se non ci fosse un domani, mettendo a rischio la sicurezza stradale e l'incolumità di chi gli viaggia vicino.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Le previsioni sbagliate sulle auto elettriche smentite dalle vendite

Auto elettriche: la ricarica bidirezionale taglierà i costi delle colonnine?

Batterie auto elettriche: 7 Paesi europei si uniscono per tagliare i costi